Tag "Donald Trump"

La carta Trump: un possibile effetto domino per la NATO

Mentre il mondo si siede e osserva gli orrori delle elezioni americane, molti non americani sono sollevati dal fatto di non dover scegliere tra Donald Trump e Hillary Clinton; e per ovvie ragioni. Hillary viene dalla vecchia scuola della politica americana; di male in peggio. Il suo “regno”, se ce la farà, sarà una vera continuazione dell’amministrazione Obama. Anche se apporterà dei cambiamenti, e anche se deciderà di mettere gli stivali

Mettere tutto a tacere nell’America che si prepara per la guerra

Tornando negli Stati Uniti in un anno di elezioni, sono colpito dal silenzio. Ho seguito quattro campagne presidenziali, iniziando da quella del 1968; ero con Robert Kennedy quando gli hanno sparato e ho visto il suo assassino prepararsi ad ucciderlo. È stato un battesimo alla “American way”, assieme alla violenza schiumante della polizia di Chicago alla convention truccata del Partito Democratico. La grande controrivoluzione era iniziata. Il primo ad essere

Elezioni americane: un teatrino da quattro soldi di uno Stato di polizia

L’America di oggi è uno Stato di polizia, pochi ne dubitano, ma, nonostante questo, la maggior parte delle persone dà per scontato che le elezioni siano oneste e servano a qualcosa. Questa opinione non è suffragata dall’evidenza, ma non è neppure un modo di pensare ragionevole basato sui fatti, (visto che abbiamo a che fare con) una polizia militarizzata, un diritto al voto sempre più evanescente, la corruzione alla luce del

Perché i neoconservatori odiano e temono Donald Trump

Il recente discorso di Donald Trump sulla politica estera è stato esplicitamente biasimato dall’establishment degli affari esteri statunitense. È stato anche ridicolizzato, definendolo confuso e contraddittorio.   Ma sono tentativi di travisare il suo pensiero. Mentre Trump non ha fornito un programma dettagliato – farlo nel mezzo di una campagna elettorale sarebbe stato poco saggio – il messaggio sottinteso è abbastanza chiaro.   Invece di una politica estera basata sull’ideologia di una egemonia

E’ cominciata una guerra mondiale: rompete il silenzio

Ero andato a fare delle riprese cinematografiche nelle Isole Marshall, a nord dell’Australia, nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico. Quando dico alla gente dove sono stato, mi chiedono, “ma dov’è?”. Se do loro un indizio, facendo riferimento a “Bikini”, mi dicono, “intendi il costume da bagno?” Il fatto che il bikini, il costume da bagno, sia stato chiamato così per celebrare le esplosioni nucleari che avevano distrutto l’isola di Bikini, sembra

Le prossime elezioni presidenziali: per la prima volta una scelta significativa?

Io non voto. Per un motivo: non voglio prendere la cittadinanza degli Stati Uniti. Anche se però avessi un passaporto americano, non andrei a votare per le seguenti ragioni: primo, scegliere fra i due partiti è come farlo fra Coca Cola e Pepsi Cola, tutte e due nocive e impossibili da distinguere. Secondo, tutte le volte che il popolo americano ha votato in favore di un certo tipo di politica,