Tag "Eric Zuesse"

Davvero Putin è pronto a “scaricare” l’Iran?

L’argomento delle azioni russe in Siria continua ad affascinare e a creare grandi polemiche. Ha senso- la questione è di enorme importanza a molti livelli, pragmatici [in inglese] e anche morali, e oggi voglio concentrarmi esclusivamente su quelli pragmatici e mettere da parte, solo temporaneamente, considerazioni morali/etiche/spirituali. Inoltre, fingerò, giusto per amore della discussione, che il Cremlino stia agendo “all’unisono”, che non ci siano Integrazionisti Atlantici nel governo russo, né una quinta

Dare un senso alle ambiguità politiche russe

Introduzione: il mondo non è Hollywood Le ultime due settimane hanno visto una serie di eventi davvero tettonici che si sono svolti simultaneamente negli Stati Uniti, in Russia, in Israele, in Siria, in Iran e nell’Unione Europea. Penso che sarebbe anche ragionevole affermare che la maggior parte di coloro che si sono opposti all’Impero Anglo-Sionista hanno provato sentimenti che vanno dalla mite delusione al totale sgomento. Sicuramente non ho sentito

Resterà impunita la cospirazione contro Trump e la democrazia americana?

Cari lettori: questo è uno degli articoli più importanti che ho scritto, insieme a questo [in inglese]. Se resterà impunita la cospirazione del Russiagate contro Trump e la democrazia americana, negli Stati Uniti cesserà di esistere il governo tenuto a rendere conto delle proprie azioni. Le agenzie di sicurezza statunitensi sono state a lungo coinvolte in colpi di Stato contro governi stranieri. Questa volta sono coinvolte in un colpo di Stato contro l’America. C’è

La Russia nel mirino

Difendendo l’ultimo round dell’aggressione israelo-americana contro la Siria, la portavoce del Dipartimento di Stato americano Heather Nauert ha utilizzato una nota hitleriana quando ha accusato la Siria e l’Iran per un atto di aperta aggressione israeliana, dicendo “Gli Stati Uniti… sostengono fermamente il diritto sovrano di Israele di difendersi”, e quando ha mentito sul fatto che “le attività maligne dell’Iran” e “la calcolata escalation di minacce e la sua ambizione

Il punto centrale della campagna per le presidenziali USA

La questione centrale nella campagna elettorale per la presidenza degli Stati Uniti non può essere dibattuta sulla stampa USA, perché i media americani sono stati quasi unanimemente complici nel nascondere all’opinione pubblica le informazioni fattuali e cruciali che sono necessarie affinché si possa esprimere un voto intelligente ed informato. Nessun organo di informazione gode a raccontare della propria complicità in alcunché; pertanto l’insabbiamento continua, vive di vita propria, anche se questa

Perché il caso delle e-mail di Hillary Clinton non è ancora chiuso

Normalmente, quando il capo dell’FBI sotto un certo presidente dice [NdT:in inglese] qualcosa come “nessun procuratore ragionevole porterebbe un caso del genere in tribunale”, come ha riferito l’FBI per quanto riguarda le e-mail di Hillary Clinton, la questione finirebbe lì; ma la Clinton in realtà non è ancora fuori dai guai della pubblica accusa di questo procedimento penale, a meno che, e fino a quando, non diventerà lei stessa presidente. Riguardo questa materia, la

La NATO dice che ora potrebbe avere dei motivi per attaccare la Russia

Martedì 14 Giugno la NATO ha annunciato che se un paese membro della nato diverrà vittima di un cyberattacco da parte di persone in un paese non della NATO come la Russia o la Cina, allora la clausola sulla “difesa collettiva” dell’Articolo V della NATO richiede che ogni paese membro della NATO si unisca al paese membro della NATO sotto attacco, se questi decida di rispondere militarmente al paese attaccante.

Obama sbatte la porta in faccia a Putin: se Putin non vuole che le forze di rappresaglia russe siano eliminate, deve essere lui il primo a schiacciare il bottone nucleare

I fatti parlano più delle parole, ed ora il Presidente degli stati Uniti Barak Obama ha agito, non si è limitato solo a parlare. La sua azione è stata il rifiuto di discutere con il Presidente russo Vladimir Putin sulle preoccupazioni della Russia riguardo al recente mutamento della strategia nucleare americana, un cambiamento così sbalorditivo che sta terrorizzando Putin. Domenica 5 giugno, la Reuters sottolineava che “La Russia asserisce che

Wikipedia è propaganda, non storia – MH17 ne è un esempio

Le voci di Wikipedia sono più propaganda che resoconti storici. E, spesso, le fonti che vengono riportate sono fuorvianti o addirittura false. Il 15 agosto 2007 la BBC se ne uscì con questo titolo: «Wikipedia contiene pagine editate dalla CIA» e Jonathan Fildes riportava che «un programma online in grado di svelare l’identità delle organizzazioni che editano le pagine di Wikipedia ha rivelato che in questo tipo di attività era