Tag "Europa"

Intervista a Carla Nespolo, Presidente nazionale dell’ANPI

Durante il confronto vengono trattati diversi argomenti, dall’incarico ottenuto un anno prima, al ruolo dell’ANPI oggi, la difesa della Costituzione italiana, i rischi di un ritorno del fascismo in Italia e del nazismo in Europa, la situazione preoccupante dell’Ucraina, il valore del patriottismo per i Partigiani. Ringraziamo Carla Nespolo per averci onorati della sua intervista. ***** Intervista a cura di Stefano Orsi

Non c’era neve sui loro stivali. L’esercito russo sul fronte occidentale nella Prima Guerra Mondiale

Non diventeranno vecchi, come noi che siamo rimasti a invecchiare: L’età non li logorerà, né gli anni li condanneranno; Al calare del sole, e al mattino, Li ricorderemo. – Laurence Binyon, Prima Guerra Mondiale Quando ero a scuola in Scozia, moltissimi anni fa, imparammo a conoscere la Prima Guerra Mondiale da un illustre storico che amava animare le sue lezioni con piccoli aneddoti. E un giorno ci disse che durante

NATO – Russia: I preparativi dell’ultima guerra

Si chiama Trident Juncture, ha preso il via il 17 ottobre e si concluderà il 7 novembre prossimo. 31 i Paesi coinvolti (29 membri della NATO, più i partners Svezia e Finlandia) che, con 50mila soldati, 65 navi, 150 aerei e 10mila veicoli militari, si stanno addestrando tra la Norvegia centro-orientale, i Paesi del nord Atlantico e i Baltici. E’ la più grande esercitazione militare dai tempi della guerra fredda.

Evgeny Pashentsev: la Cooperazione fra Stati Nazionali per risolvere i Problemi comuni

Il Prof. Evgeny N. Pashentsev, dell’ Istituto di Studi Contemporanei Internazionali della Accademia Diplomatica del Ministero degli Esteri della Federazione Russa, autore di numerosi saggi e monografie aventi ad oggetto i sistemi politici russo ed europeo ed il ruolo della comunicazione nelle relazioni strategiche, ha visitato l’ Italia per un ciclo di conferenze, in occasione delle quali ha presentato il suo ultimo libro: Strategic Communication in EU-Russia Relations: tensions, challenges and

Trovare il giusto equilibrio strategico: la risposta preventiva di Putin

Credo che non sia stato per nulla casuale che a Valdai Vladimir Putin abbia cominciata a parlare del pericolo crescente di una guerra nucleare, che abbia ripetuto l’assioma che la Russia è pronta a portar via il mondo intero con se stessa, e che abbia discusso la titolarità del diritto ad un attacco preventivo. Sull’ultimo argomento, gli esperti hanno dato il via ad una discussione in merito al fatto che

Perché sia Londra che Washington sono frustrate dalla firma della Convenzione del Mar Caspio

La regione del Caspio non sta ricevendo molta attenzione negli ultimi tempi, in confronto con quella ottenuta  tipicamente dal Medio Oriente. Tuttavia, ci sono tutte le possibilità che la Russia, gli Stati Uniti, l’UE e la Cina presto focalizzino l’attenzione su questa parte interna dell’Eurasia, poiché questa regione inizia a svolgere un ruolo sempre più importante negli affari internazionali, in particolare sullo sfondo della firma della Convenzione sullo status giuridico

NATO: colpire la Russia attraverso il Corridoio di Suwalki

Il presidente americano Donald Trump ha dato la sua approvazione per costruire una base militare statunitense in Polonia. La Polonia ha dato grande importanza all’evento. Il presidente polacco Andrej Duda ha addirittura suggerito di dare il nome di Donald Trump alla nuova base militare. Ma la costruzione della base americana “Fort Trump” sarà di grande importanza non solo per la Polonia, ma per il mondo intero. Per secoli la Polonia

Poche parole sulla catastrofe europea dei migranti

L’Europa ne ha abbastanza. È stata raggiunta la massa critica per la crisi dei rifugiati. Qualsiasi persona sana di mente avrebbe potuto prevedere cosa avrebbe fatto alla coesione dell’Unione Europea l’afflusso di milioni di richiedenti asilo e di migranti economici. E oggi, i cittadini europei sono stupiti di come la fiducia nei loro governanti abbia portato ad una catastrofe crescente. È tempo che l’Europa riesamini l’Unione Europe e il corso per il futuro. Quando

“L’UE ha un piede nella fossa” – E’ tempo di ripensare il Progetto Europeo

“L’austerity imposta dall’Europa a una Grecia depauperizzata è finalmente finita, ed è quindi il momento per ripensare l’intero progetto europeo”. Così scrive la politologa Marina Prentoulis in un suo editoriale intitolato “La Grecia forse è ancora il paziente malato dell’Europa, ma l’Europa ha un piede nella fossa”. La Grecia è entrata in una nuova, “normale” fase, ora che l’accordo del prestito con la troika (Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea,

Che cosa farà il supergruppo de I Sanzionati?

L’assolo di Trump non può competere con i presidenti hard rock che vengono dall’elettronico est Erano quelli i giorni, durante la Guerra Fredda degli anni ’60 e ’70, in cui il pianeta era davvero governato dai supergruppi rock, a partire dai Cream e i Led Zeppelin fino agli Yes e agli Emerson, Lake & Palmer. Ben ritrovati, amici miei, ad assistere allo show infinito e al remix geopolitico post-verità del