Tag "F-35"

Crisi – il Medio Oriente e alcuni indicatori che si spera siano utili

Il Medio Oriente sta letteralmente esplodendo: gli Huthi hanno sferrato un colpo estremamente efficace contro la produzione di petrolio saudita che (così sostengono) è ora calata del 50%; ci sono voci insistenti che i Su-35S e gli S-400 russi abbiano minacciato di abbattere gli aerei israeliani che attaccano la Siria; il Libano ha dichiarato che si difenderà dagli attacchi israeliani; Hezbollah ha minacciato di eseguire attacchi paralizzanti contro Israele e

Il Pentagono approva la vendita di 32 jet F-35A alla Polonia dopo la sospensione della consegna alla Turchia

L’11 settembre, l’Agenzia di Cooperazione per la Sicurezza della Difesa del Pentagono ha autorizzato la vendita di 32 cacciabombardieri F-35A alla Polonia. Il costo stimato dell’accordo per l’acquisto di 32 aerei da caccia di quinta generazione e 33 motori F-135 è stimato a 6,5 miliardi di dollari. L’ordine proposto copre la variante a decollo e atterraggio convenzionale F-35A. “La Polonia ha richiesto l’acquisto di trentadue (32) velivoli F-35 Joint Strike

Come la Corea del Nord pianifica di contrastare l’F-35 – con artiglieria guidata e missili tattici

Le forze armate della Corea del Nord hanno confermato di aver effettuato, il 31 luglio e il 2 agosto, due lanci di artiglieria missilistica di un “sistema di razzi guidati a lancio multiplo di grande calibro di nuova concezione”. Questi test hanno lo scopo di migliorare la portata delle unità di artiglieria del paese, e complementare i lanci di un nuovo missile balistico tattico a combustibile solido, il KN-23, che

Cronaca di un altro lancio nordcoreano di un missile a corto raggio

Alla fine di luglio-inizio agosto 2019, la Corea del Nord ha condotto una serie di lanci missilistici a corto raggio e lanci con lanciarazzi multipli [in russo] di grosso calibro. Ha suscitato una certa agitazione, ma, prima di analizzare la reazione internazionale, passiamo in rassegna la cronaca degli eventi. Per prima cosa notiamo che tutti i lanci hanno avuto luogo sullo sfondo di una diminuzione del dialogo tra Stati Uniti

La “maledizione dell’F-35”: un altro F-35 si è schiantato durante una missione d’addestramento, stavolta in Giappone

Il 10 aprile, le Forze di Autodifesa del Giappone hanno confermato che uno dei loro F-35A Joint Strike Fighter si è schiantato in mare al largo della Prefettura di Aomori, nel nord del paese [in inglese]. Le Forze di Autodifesa e la guardia costiera hanno inviato navi per effettuare operazioni di ricerca e soccorso. Un portavoce ha confermato che il relitto è stato recuperato ma il pilota era ancora disperso.

Situazione operativa sui fronti siriani del 28-3-2019

Bollettino n. 161 Aleppo Questa notte attorno alle 22,00 ora italiana, è avvenuto un pesante attacco aereo israeliano sul suolo siriano. Non sono stati colpiti, come in passato, obbiettivi vicini al Libano o al sud del Paese, ma la provincia di Aleppo, nel nord quindi.   I bersagli dell’attacco sono stati tre: una caserma, scuola di fanteria militare, sia per truppa che per ufficiali; una zona industriale denominata Sheik Najjar;

Perché l’India dovrebbe prestare attenzione alla diatriba sugli S-400 fra USA e Turchia

Un sacco di sciocchezze sono state messe in risalto dai lobbisti americani durante lo scorso anno, nel senso che Washington era impaziente di punire l’India per aver acquistato il sistema anti missilistico S-400. Questa fobia è stata attentamente fatta circolare nelle discussioni indiane dai gruppi di esperti americani. L’esempio più eclatante è stato dell’esperto strategico indo-americano Ashley Tellis che ha scritto [in inglese] un saggio energico, presentato dalla Carnegie di

Dal 2018 al 2019 – una rapida rassegna di alcune tendenze

L’anno 2018 passerà alla storia come punto di svolta nell’evoluzione dell’ambiente geostrategico del nostro pianeta. Ci sono molte ragioni, e non le elencherò tutte, ma ce ne sono alcune che considero personalmente importantissime: L’Impero ha vacillato. Parecchie volte. Questo è probabilmente lo sviluppo più importante dell’anno: l’Impero Anglo-Sionista ha fatto ogni sorta di minaccia spaventosa, e ha fatto dei passi concreti ancora più spaventosi, ma alla fine ha dovuto ritirarsi.

S-300 in Siria – una valutazione preliminare

Ora sappiamo un po’ di più sulla versione della famiglia degli S-300 che i russi hanno consegnato ai siriani: i russi hanno convertito un certo numero di sistemi S-300PM e S-300P2 nella versione da esportazione S-300PMU-2 “Favorit” che, a proposito, è anche la versione che la Russia ha consegnato agli iraniani e ai cinesi [tutti e tre i link in inglese]. Questo sistema utilizza il missile 48N6E2 e ha una

Cosa dovrebbe fare Israele del sistema antiaereo S-300

Il sistema antiaereo russo S-300 potrebbe permettere alla Siria di abbattere gli aerei all’aeroporto Ben Gurion, interferendo con le operazioni IAF [aviazione militare israeliana]. La Russia dovrebbe consegnare il sofisticato sistema di difesa missilistica S-300 al regime del dittatore siriano Bashar al-Assad, secondo quanto comunicato dai funzionari russi al giornale Kommersant la scorsa settimana. «La versione S-300 PMU-2 “Favourite” dei sistemi antiaerei sarà molto presto fornita gratuitamente ai siriani.» secondo