Tag "False Flag"

Importanti sviluppi nel caso dell’omicidio Nemtsov (AGGIORNATO)

Ci sono voluti gli sforzi congiunti di FSB/SKR/MVD [servizi di sicurezza russi, NdT], per una settimana, per effettuare i primi arresti nel caso dell’omicidio di Nemtsov: un gruppo di 7 uomini, tutti del Caucaso settentrionale, sono stati arrestati. Un sesto uomo si è ucciso con una bomba a mano a Grozny, quando stava per essere arrestato. I russi hanno utilizzato la combinazione della rete di monitoraggio via telecamera HD “Potok”

Come fu abbattuto il volo MH17 – analisi di Colonel Cassad

Colonel Cassad ha appena pubblicato una interessante analisi riguardo l’abbattimento del volo MH17 (Qui potete trovare il testo russo originale). “Uncle Martin” ha già fatto una traduzione completa e l’ha pubblicata sulla versione inglese del blog di Colonel Cassad (Qui potete trovare la traduzione inglese). Dal momento che si tratta di un testo veramente lungo, non lo pubblicherò nuovamente ma ho deciso di renderlo disponibile come file nei formati ODT,

L’assassinio di Nemtsov: Putin avvertiva che operazioni false flag di questo tipo potessero capitare già due anni fa

Già nel Febbraio 2012 (due anni fa!) Putin avvertiva i russi esattamente a proposito di questo genere di false flag che abbiamo visto accadere con l’assassinio di Nemtsov. Guardate voi stessi: Nota: la parola russa “provocatsiia” è spesso tradotta come “provocazione” che non è sbagliato finchè siete coscienti che in russo “provocazione” può significare “false flag”, come avviene in questo contesto. Putin sta avvertendo chiaramente che un “sacrificio” di tipo

Ultime Notizie: FALSE FLAG A MOSCA!

Boris Nemtsov è stato ucciso a Mosca. Era uno dei più carismatici leader “non di sistema” dell’opposizione “liberale” e “democratica” in Russia (si prega di capire che nel contesto russo, “liberale” o “democratico” significa pro-statunitense o addirittura strumento della CIA, mentre “non di sistema” significa troppo piccolo per ottenere un singolo deputato alla Duma). E’ stato ucciso pochi giorni prima dell’annunciata dimostrazione che la stessa opposizione “non di sistema”, “liberale”

Dietro il Grande Firewall dell’Occidente, la brutta verità

Il Grande Firewall Occidentale contro il Grande Firewall cinese: metodologie differenti, risultati identici. Una verità non detta è una menzogna. Un fatto nascosto è censura. – L’Autore Quando ho cessato di scrivere per Reflections in Sinoland, dicendo che per il momento non avrei mandato più articoli, in modo da scrivere il mio terzo libro, Red Letters – The Diaries of Xi Jinping, facevo sul serio. Ma nelle ultime due settimane, è

Chi trae beneficio dalla morte di Charlie?

  E’ stato Putin. Anzi no. Insomma, a conti fatti, non è stata “l’aggressione russa” a colpire il cuore dell’Europa. Si è trattato invece di un commando di professionisti della jihad. Chi ci guadagna? Attenta pianificazione e preparazione, Kalashnikov, lanciarazzi, passamontagna, gilet tattici color sabbia con munizioni di riserva, stivali dell’esercito, fuga-passeggiata su una Citroën nera. E la ciliegina sulla mortifera torta: supporto logistico localizzato a Parigi per portare a

Situazione *estremamente* pericolosa a Debaltsevo

I Novorussi e la giunta hanno concordato un cessate il fuoco per permettere alla popolazione civile di lasciare Debaltsevo. In teoria, ogni civile potrà scegliere tra l’evacuazione in Novorussia o nell’Ucraina occupata dai nazisti. Il convoglio di profughi sarà scortato da alti funzionari dell’OSCE. Entrambe le parti in conflitto si sono impegnate a non aprire il fuoco durante il tempo necessario per tale operazione. Ora consideriamo che: 1) L’unica protezione