Tag "Giordania"

Situazione operativa sui fronti siriani al 12-4-2018

I venti di guerra spingono gli eserciti gli uni contro gli altri e ad essi è appesa anche la nostra sorte. Potenze nucleari si stanno affrontando, tra esse anche la Francia e la Gran Bretagna (le stesse del disastro libico), si uniscono a Trump in questo gioco al dottor Stranamore. Basta un piccolo sbaglio a questo punto e la situazione potrebbe degenerare. Intanto, tra proclami di prove mai mostrate e

Si lavora a diminuire la tensione

  @MSuchkov_ALM  16:11 – 11 apr 2018   Primo aggiornamento sulla Siria: allora, sembra che adesso Russia e Stati Uniti stiano lavorando su varie opzioni per diminuire la tensione attraverso una serie di contatti a “livello intermedio”. I militari russi hanno già affermato di essere in discussione sul problema con lo Stato Maggiore americano, e che ci sono colloqui e comunicazioni fra Russia e NATO mediati dai militari turchi.  

Assad e la guerra in Siria

Robin Yassin-Kassab           @Qunfuz1 13:05 – 16 feb 2018   A causa della dichiarazione di guerra fatta da Assad contro i siriani e gli altri, cominciò la prima guerra, il territorio siriano ora è diviso in zone russe, iraniane, americane, turche, ognuna delle quali è reclamata da molte milizie. Lo stato siriano non sopravviverà. Solo Assad lo farà.   EHSANI2           @EHSANI22 13:17 –

La politica statunitense nel Levante, i curdi e la Turchia

Il Dipartimento di Stato ha voltato pagina sulla Turchia perché non vede più Ankara come un partner affidabile. Molti sostengono che Washington abbandonerà i curdi della Siria per placare la rabbia turca. Ne dubito, Washington si aspetta ulteriori azioni anti-USA da parte di Erdogan. Molti a Washington credono che il crescente islamismo della Turchia, l’appesantimento del regime e il peggioramento della retorica anti-israeliana potranno in futuro solamente aumentare. Non ci

Un breve commento sull’ultimo casino di Trump

Ok, lo ammetto: Trump è un agente russo. Ci ho provato davvero, davvero tanto, a negarlo ma ora non posso più farlo perché sono di fronte ad una incontrovertibile verità: solo un agente russo infiltrato nei più alti ranghi del potere negli USA, la Casa Bianca, potrebbe fare quello che Trump ha fatto un paio di giorni fa, e cioè riconoscere Gerusalemme capitale di Israele. E’stata davvero la cosa più

Gerusalemme e Israele, ordinaria storia di ingerenze

In questa puntata Stefano Orsi incontra Leni Remedios di PandoraTV per discutere gli ultimi eventi che coinvolgono Israele. Si parlerà di Israelgate invece che del tanto famoso Russiagate; la decisione di Trump di spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme; Jared Kushner e la mano di Israele nella politica degli Stati Uniti. Ci scusiamo con gli ascoltatori se la qualità del collegamento non è perfetta, la conversazione è avvenuta da

Sitrep con Stefano Orsi Nr.015

In questo appuntamento parliamo di Abukamal e della fine del Califfato in Siria, apriremo inoltre una parentesi sull’avanzata curda oltre le sponde dell’Eufrate, verso il confine iracheno. Durata circa 48 min. Buona visione!

Sitrep con Stefano Orsi Nr.008

Richiamiamo Stefano Orsi per aggiornarci sulla situazione in Siria dopo due settimane di pausa. Le novità spazieranno da Deir Ezzour a Hama-Homs, parleremo di Al-Tanf e dei restanti miliziani nelle varie sacche. Inoltre tratteremo l’ultima avanzata dell’ISIS su Al Sukhna. (Circa 30 min) Buona visione!

Sitrep con Stefano Orsi Nr.007

Contattiamo Stefano Orsi per aggiornarci sulla situazione dopo l’arrivo delle SAA a Deir Ezzour. Ci sono molte novità, parleremo di curdi, ISIS, USA, Israele e la riduzione delle sacche ancora attive. Purtroppo non abbiamo trattato l’ultimo evento capitato la sera del 24 Settembre, l’uccisione di un generale russo a Deir Ezzour. Siamo d’accordo di trattare l’argomento nel prossimo appuntamento. (circa 40 min) Buona visione!

Situazione operativa sui fronti siriani del 21-7-2017

Siccome da alcuni giorni assisto ad un rallentamento delle operazioni di avanzata da parte siriana, riporto qui gli ultimi aggiornamenti che avevo emesso durante questa settimana. Posso aggiungere oggi alcuni particolari: innanzitutto la supposta decisione del Presidente Trump, di sospendere aiuti e protezione garantiti in questi anni ai “ribelli” siriani, segno, se confermata dai fatti, che questa decisione riconosca la vittoria sul campo da parte siriana. Decisione ed ordine addirittura impartiti