Tag "Hollande"

Hollande a Turchia e Russia: Smettete di combattere e fate come vi è stato detto!

Il Presidente francese Hollande, che non solo ha spinto il coltello ulteriormente nel cuore dell’economia francese, ma ha anche fatto sì che in Francia non rimarrà più alcuna traccia di libertà, ora critica la Turchia [in inglese] per la sua azione contro i fanatici curdi e le milizie curde sostenute dall’Occidente in Siria. Inoltre, Hollande ha consigliato alla Russia di non diventare un “protagonista” della guerra. Hollande ha dichiarato che “interventi

Brexit: come gli Inglesi hanno disatteso le aspettative del loro governo (un breve commento)

Dopo la rivolta del 17 giugno il segretario dell’Unione degli scrittori fece distribuire nella Stalinallee dei volantini sui quali si poteva leggere che il popolo si era giocata la fiducia del governo e la poteva riconquistare soltanto raddoppiando il lavoro. Non sarebbe più semplice, allora, che il governo sciogliesse il popolo e ne eleggesse un altro? La soluzione, Bertold Brecht [1] Dire che il Brexit è stato un evento storico

Bruxelles: Il terrore ha origini lontane

Articolo di Cesare Corda Dunque il “Terrore” (sarà stato adeguatamente ricompensato colui che ha i diritti d’autore su questo indovinato slogan di marketing?) ha colpito ancora. Gli attentati da un po’ di tempo si replicano tutti in fotocopia, seguendo fin nei minimi dettagli un format ormai collaudato. La standardizzazione degli eventi ne permette l’immediato riconoscimento e catalogazione da parte del pubblico, e l’esatta stima dell’impatto emotivo presso lo stesso, ma

Gli europei stanno a guardare il fallimento totale in Ucraina

Dato che la situazione politica in Ucraina continua a deteriorare – con il governo paralizzato a seguito della lotta di potere tra Poroshenko e Jatsenjuk – gli europei sono sempre più disperati, e sempre più frustrati con gli ucraini la cui intransigenza prolunga la crisi. Tuttavia gli europei non hanno alcuna strategia di uscita e sono di fronte a un fallimento totale. Il motivo è la crescente rabbia in tutta

Settimana N° 7 dell’intervento russo in Siria: un drammatico aumento di intensità

Questa settimana è stata chiaramente dominata da due eventi principali: l’attacco terroristico a Parigi e la dichiarazione ufficiale russa sul fatto che il Volo Kogalymavia 9268 è veramente precipitato a causa di una bomba. Primo, vorrei far notare che, contrariamente a tutte le previsioni sul fatto che Russi, Egiziani e tutte quante le nazioni coinvolte avrebbero mentito e cercato di insabbiare questo attacco, ciò non è successo. Russi ed Egiziani sono

Una guerra è alla nostra porta. Come al solito, abbiamo bisogno di un altro anno.

Alessandro il Benedetto aveva bisogno di un anno in più per finire la guerra con la Turchia, addestrare le reclute già arruolate e dispiegare lungo il confine contro Napoleone non 200 mila soldati, ma un’armata forte di mezzo milione di uomini che non si sarebbe presa la briga di ritirarsi nel cuore dell’Impero. Iosif Vissarionovic Stalin aveva bisogno di un altro anno per completare l’aggiornamento tecnico dell’esercito, la formazione di

Le Monde – Le Violazioni degli Accordi di Pace di Kiev Iniziano a turbare l’Occidente

  Secondo l’autorevole quotidiano francese, Kiev sta portando avanti istanze che non erano state stipulate negli accordi Minsk 3 Aprile (TASS) – Secondo il quotidiano francese la percezione di una violazione degli accordi di pace di Minsk da parte di Kiev starebbe generando inquietudine nella capitale, stando alla reazione dell’amministrazione presidenziale al fatto che le autorità ucraine non riescono ad onorare gli impegni volti a portare la pace nella martoriata

Ucraina – SITREP Mercoledì 4 Marzo 2015

Ad oggi la situazione in Ucraina è ingannevolmente calma. Se i novorussi hanno completato il ritiro delle loro armi pesanti, a quanto pare la giunta non ha fatto lo stesso: hanno ritirato alcune unità ma per la maggior parte potrebbe trattarsi di ben altro che una ritirata, perlopiù un trasferimento o una rotazione delle forze. L’OSCE sa tutto a riguardo ma possono fare ben poco. Inoltre c’è stata una raffica

Temendo la disfatta dell’esercito ucraino, la Merkel parla di pace

Angela Merkel è arrivata giovedì a Kiev con un piano di pace. Il giorno successivo è andata a Mosca per presentarlo a Putin. Secondo l’autorevole quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung tale piano propone: Un immediato cessate il fuoco Ampia autonomia per il Donbass Riconoscimento delle recenti conquiste territoriali dei ribelli Il governo federale ha negato quanto riportato da una fonte di stampa, che esista cioè un piano di pace per l’Ucraina

Parigi val bene una strage

La strage di Parigi, al giornale Charlie Hebdo, innalza il livello dello scontro in Europa…non tra fondamentalismo islamico e mondo libero, come qualcuno potrebbe emotivamente pensare, bensì tra movimenti antieuropeisti/sovranisti ed il resto della marmaglia filo-occidentale che ha portato i nostri paesi sull’ orlo del baratro finanziario e della disfatta sociale. Il fatto che ad avere le mani macchiate di sangue siano gli oltranzisti del Corano non risolve il caso.