Breaking news
  • No posts where found

Tag "ISIS"

Da dove viene Duterte e dove sta andando?

La storia potrebbe arrivare ad una fine imbarazzante nei centri dell’Impero, ma non nelle sue regioni più remote. Come sottolinea il grande analista egiziano Samir Amin in un saggio su Monthly Review: è nella periferia del sistema globale che si verificano le grandi tempeste politiche e sociali. Perché? Perché lì la storia è ancora fluida. La battaglia contro e a favore della trasformazione del sistema va ancora avanti. Mentre i

Sitrep con Stefano Orsi Nr.009

Siamo di nuovo in contatto con Stefano Orsi per aggiornarci sulla situazione in Siria. I fronti trattati in questa puntata: Mayadin, Deir Ezzour, Al Tanf, Idlib, Al Sukhnah. Invitiamo gli ascoltatori a porre delle domande a Stefano sulla sua pagina Facebook o sul nostro blog. Risponderemo con una puntata speciale o lo farà lui stesso. (Durata 50min circa) Buona visione!

Situazione operativa sui fronti siriani del 13-10-2017

Oggi devo scrivere una breve sitrep sulla situazione in Siria: i fatti che stanno accadendo meritano un maggiore approfondimento, quindi mi limiterò a elencare le attuali novità e sviluppi e a rimandare, magari alla Videositrep, l’eventuale commento e analisi. Fronte di Deir Ezzour Deir Ezzour 13-10-2017 La città, nella parte occupata, è sempre più stretta dall’assedio siriano. Isis ha richiamato tutte le truppe dalla sacca a nord della città lasciando

La Dinastia Saudita si inchina a Putin

L’Arabia Saudita si volge alla Russia, il nuovo sceriffo in città Che differenza può fare, un anno – un’eternità in termini geopolitici. Nessuno avrebbe potuto prevederlo; la matrice ideologica di tutti i ceppi del terrorismo salafita-jihadista – che la Russia combatte senza esclusione di colpi, dall’ISIS/Daesh all’Emirato del Caucaso – che costruisce una via verso il Cremlino e abbraccia la Russia come alleato strategico. La Dinastia Saudita è rimasta sconvolta

Situazione operativa sui fronti siriani del 6-10-2017

Continuiamo il monitoraggio della feroce guerra in Siria, vista attraverso le battaglie ed i fronti più attivi. Aggiornamento flash dai fronti siriani del 1-10-2017 Offensiva ISIS dal saliente di Al Sukhnah Saliente di Al Sukhnah, offensiva ISIS 1-10-2017 Chiamiamo saliente di Al Sukhnah quella parte di fronte desertico dimenticato dopo l’apertura verso Deir Ezzour della strada m20. Eppure appariva chiaro che avrebbe rappresentato una fonte di debolezza sul fianco sinistro,

Sitrep con Stefano Orsi Nr.008

Richiamiamo Stefano Orsi per aggiornarci sulla situazione in Siria dopo due settimane di pausa. Le novità spazieranno da Deir Ezzour a Hama-Homs, parleremo di Al-Tanf e dei restanti miliziani nelle varie sacche. Inoltre tratteremo l’ultima avanzata dell’ISIS su Al Sukhna. (Circa 30 min) Buona visione!

“Putin è il nuovo padrone del Medio Oriente”

Con l’amministrazione Trump che si è di recente concentrata principalmente sulla politica interna – anche se l’inchiesta russa di Mueller continua a pendere sulla testa di Trump – il potere e l’influenza degli Stati Uniti in Medio Oriente sono in ritirata, a seguito delle politiche senza successo e/o fallite realizzate dall’amministrazione Obama, che hanno portato ad un vuoto di potere che deve essere riempito, ed è emerso un paese disposto

Per grazia di Israele – il clan Barzani e l’“indipendenza” curda

La regione curda in Iraq ha tenuto un “referendum” sulla separazione dall’Iraq per formare uno stato indipendente [in inglese]. Il referendum era altamente irregolare e il risultato era assicurato [in inglese]. Il referendum che si è tenuto aveva più a che fare con la situazione confusa dell’illegittimo presidente regionale Barzani, che con un’autentica opportunità di raggiungere l’indipendenza. Il referendum non era vincolante, e ora sta a Barzani dichiarare l’indipendenza o mettere da

Il Generale Asapov è morto perché, da ufficiale russo, si trovava in prima linea (con un commento del Saker)

La morte del Tenente Generale Valery Asapov e di due colonnelli russi che erano con lui in Siria, evidenzia le fondamentali differenze nelle filosofie di comando nelle forze armate  americane e russe. A differenza degli eserciti occidentali, l’esercito russo richiede che alti ufficiali come il Generale Asapov conducano i propri uomini in battaglia. Mettiamo da parte la questione se il Generale Asapov sia stato colpito deliberatamente [in inglese] o meno, il punto

Siria – il comando centrale americano dichiara guerra alla Russia

Ieri, tre alti ufficiali russi sono rimasti uccisi in un “attacco dell’ISIS” nella Siria orientale. È probabile che siano stati uccisi dalle forze speciali americane, o da ribelli controllati dalle stesse. L’incidente sarà interpretato come una dichiarazione di guerra. Il Comando Centrale USA in Medio Oriente brama il controllo dei giacimenti petroliferi della Siria orientale attraverso le proprie forze delegate, allo scopo di stabilire e controllare un mini-Stato curdo nell’area.