Breaking news
  • No posts where found

Tag "Lavrov"

La paranoia Americana merita lo Scherno Russo

Politici e media statunitensi sono usciti a tal punto di testa a causa della teoria della cospirazione russa, che forse il meritato scherno è la cura migliore per loro. Il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov si trovava a Washington questa settimana per discutere importanti tematiche globali con la sua controparte americana Rex Tillerson. Invece fare alla coppia domande sul conflitto siriano, o sul pericolo che scoppiasse una guerra nucleare

Perchè i recenti sviluppi in Siria mostrano che l’amministrazione Obama è in uno stato di confusa agonia

Gli ultimi sviluppi in Siria non sono, io credo, il risultato di un qualche piano messo a punto dagli Stati Uniti per aiutare sul campo i loro “terroristi moderati”, ma piuttosto il sintomo di un qualcosa di molto più grave: la totale perdita, da parte degli USA, del controllo sulla situazione in Siria e probabilmente anche altrove. Lasciate che ri-esponga quello che è appena successo. Primo, dopo giorni e giorni

Il potere del “Niet”

Su questo pianeta è previsto che le cose vadano così: negli Stati Uniti gli apparati del potere (pubblico e privato) decidono quello che vogliono far fare al resto del mondo. Comunicano i loro voleri attraverso canali ufficiali e non, attendendosi una cooperazione automatica. Se questa cooperazione non arriva immediatamente, allora incominciano a fare pressioni, politiche, finanziarie ed economiche. Se anche queste, tuttavia, non producono l’effetto desiderato, allora provano con un

L’intervista del Presidente Assad alla NBC News

Giornalista: Signor Presidente, grazie di averci ricevuto e permesso alla NBC News di porle delle domande su alcune questioni importanti. Presidente Assad: Siete i benvenuti a Damasco. Domanda 1: Qualche settimana fa, lei ha detto ai parlamentari che avrebbe ripreso ogni centimetro di Siria. Il Dipartimento di Stato statunitense ha chiamato “delirante” questa affermazione. Lei è lontano dal vincere la guerra, non è vero? Per non parlare di riprendere ogni

Siria – L’attacco a sorpresa russo manda a monte la tattica dilatoria di Kerry

Gli USA non vogliono fermare la guerra in Siria e dirimere la questione al tavolo dei negoziati. Vogliono che il 100% delle loro richieste vengano accolte, la dissoluzione del governo e dello stato siriano e l’inaugurazione di un’amministrazione fantoccio  americana in Siria. Dopo l’inizio del cessate il fuoco a fine febbraio, Obama ha infranto le sue promesse di discernere da Al-Qaida i “ribelli moderati”. Ad aprile i ribelli appoggiati dagli USA,

Intervista del Ministro degli Esteri Sergey Lavrov alla Komsomolsakja Pravda

Domanda: Prendiamo il toro per le corna. Abbiamo ricevuto centinaia di messaggi e domande diverse. Molti di questi manifestano franca preoccupazione in relazione alla situazione, molto difficile, in cui si trova questo paese. Hanno provato a spezzarci con le sanzioni, la NATO si avvicina ai nostri confini, stanno dispiegando un sistema di difesa missilistica. Il nostro paese è sottoposto ad una demonizzazione senza precedenti da parte dei media internazionali. Si rifiutano

La Russia può ancora diventare un alleato per l‘Occidente?

Ascoltando Donald Trump parlare del suo desiderio di trasformare la Russia in un alleato, mi sono sorpreso ad interrogarmi se ancora ce ne fosse una possibilità. Dopo tutto, “l’Occidente” – e con questo intendo i politici occidentali, nessuno escluso – ha continuato a mentire alla Russia (per esempio con la promessa di non espandere la NATO), ma l’Ovest ha anche pugnalato alle spalle la Russia e ha preso le parti

Analisi del ritiro militare russo dalla Siria

Vladimir Putin ha appena ordinato il ritiro delle forze russe in Siria: “Considero generalmente raggiunti gli obiettivi stabiliti dal Ministero della Difesa. Per questo motivo ordino l’inizio del ritiro della parte principale del nostro contingente militare dal territorio della Repubblica Araba Siriana a partire da domani” ha detto Putin lunedì nel corso di un incontro con Shoigu e il Ministro Degli Esteri Russo Sergey Lavrov. “In un breve intervallo di

Nota del Ministero degli Esteri russo sulla Visita di Sergey Lavrov in Italia

Il 10 e 11 dicembre, il Ministro degli Esteri Sergey Lavrov sarà nella Repubblica Italiana per una visita di lavoro. Durante il suo soggiorno a Roma incontrerà Sergio Mattarella, il Presidente dell’Italia, e intratterrà colloqui a largo raggio con Paolo Gentiloni, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale dell’Italia. L’ Italia è uno dei più importanti interlocutori europei della Russia. Le relazioni con questo paese si basano su

Se foste Lavrov o Putin, chi scegliereste come interlocutore in occidente?

Il comunicato unitario del G7 – l’ennesimo esercizio di fantasia Non pubblicherò il testo integrale, che si può leggere qui, ma solo il passaggio sulla “politica estera” che ha a che fare con l’Ucraina: Trovare una Soluzione al Conflitto in Ucraina Rinnoviamo la nostra condanna alla annessione illegale della Penisola di Crimea da parte della Federazione Russa e riaffermiamo la nostra politica di non – riconoscimento. Rinnoviamo il nostro pieno