Tag "Medvedev"

Sfatare le voci su un cedimento russo ad Israele

Questa primavera ha visto un incremento improvviso del volume di articoli nella cosiddetta “stampa alternativa e blogosfera” riguardo la “svendita” di Siria e Iran agli israeliani e i loro sponsor americani, o entrambi. Ciò che era particolarmente interessante di questa campagna è che non è stata provocata da un qualsiasi tipo di evento o dichiarazione da parte di Putin o qualsiasi altro responsabile russo. Vero, politici israeliani hanno fatto numerosi

Elezioni della Duma russa del 2016: importanti, o uno spreco di tempo e denaro?

A giudicare dalle reazioni nei media corporativi occidentali, le elezioni del 2016 della Duma russa sono fondamentalmente un non-evento: il malvagio Putin ha mantenuto la “presa sul potere”, tutti i partiti della Duma sono fondamentalmente sotto il suo controllo, e non è stato permesso di emergere ad alcuna opposizione. Perfino in Russia ci sono alcuni che concordano, ma per motivi differenti: dicono che tutti sapevano che Russia Unita (il partito

Ritorna Kudrin?

L’annuncio che l’ex Ministro delle Finanze russo, Alexey Kudrin, è stato designato vice responsabile del Consiglio dei Consulenti Economici del Presidente Putin, ha suscitato parecchio scalpore. Questo non sorprende. Pochi tra i politici Russi dividono l’opinione pubblica così tanto quanto Kudrin. Gli ammiratori di Kudrin devono essere cercati nel mondo degli affari, tra gli economisti liberali, e tra coloro che provengono in genere dall’élite e che sono di idee liberali.

La NATO va alla Guerra… contro il Mondo

Per favore, la smettiamo con le sciocchezze e parliamo di come stanno veramente le cose? L’alleanza militare NATO a guida USA è in guerra col mondo intero. E la Russia è la principale forza che tiene a bada quest’organizzazione criminale. Ascoltare vari leader politici occidentali alla recente Conferenza per la Sicurezza di Monaco fa ridere e rabbrividire allo stesso tempo. Abbiamo sentito persone come il capo della diplomazia USA John

Il più grosso fallimento di Putin

Qualunque cosa possa succedere in futuro, Putin si è già assicurato un posto nella storia come uno dei più grandi leaders russi di tutti i tempi. Non solo è riuscito letteralmente a resuscitare la Russia come nazione, ma in poco più di un decennio l’ha riportata al rango di potenza mondiale, perfettamente in grado di sfidare l’Impero Anglo-Sionista. Il popolo russo ha valutato correttamente l’entità di questo successo e, secondo

Terza settimana dell’intervento russo in Siria: il ritorno della diplomazia

La fine della legge internazionale e della diplomazia La fine della Guerra Fredda venne salutata come una nuova era di pace e sicurezza, in cui le spade si sarebbero trasformate in aratri, i vecchi avversari in amici e il mondo avrebbe assistito ad un nuovo sorgere di amore universale, pace e felicità. Naturalmente non è successo nulla di tutto questo. Quello che è successo è che l’Impero Anglo-Sionista si è

Una guerra è alla nostra porta. Come al solito, abbiamo bisogno di un altro anno.

Alessandro il Benedetto aveva bisogno di un anno in più per finire la guerra con la Turchia, addestrare le reclute già arruolate e dispiegare lungo il confine contro Napoleone non 200 mila soldati, ma un’armata forte di mezzo milione di uomini che non si sarebbe presa la briga di ritirarsi nel cuore dell’Impero. Iosif Vissarionovic Stalin aveva bisogno di un altro anno per completare l’aggiornamento tecnico dell’esercito, la formazione di

Putin crea una “Agenzia per gli Affari Etnici” Russa ed estende la scontistica per l’Ucraina

Il Cremlino riferisce: “Vladimir Putin ha avuto un incontro di lavoro con il Primo Ministro Dmitry Medvedev. Il signor Putin ed il signor Medvedev hanno parlato dell’istituzione dell’Agenzia Federale per gli Affari Etnici. E’ stata discusso anche l’argomento dell’estensione degli sconti sul prezzo del gas naturale per l’Ucraina. Vladimir Putin, Presidente della Russia: Signor Medvedev, io e Lei abbiamo avuto varie discussioni relativi all’importanza di un più efficace coordinamento su

M. Khazin: una previsione sullo sviluppo dei processi che influenzeranno la Russia nel 2015

Non scrivevo previsioni sulla Russia da anni. Sopratutto perchè non ne valeva la pena, non era cambiato nulla, i processi di base stavano semplicemente andando per la loro strada e non c’erano cambiamenti da descrivere. Oggi la situazione è mutata e questo richiede una nuova previsione. Non ci saranno analisi delle previsioni precedenti dal momento che è passato troppo tempo. Questa proiezione parte da zero (al contrario delle previsioni in

Medvedev dichiara: stessa ricetta

Medvedev ha appena convocato una riunione di governo, con la maggior parte dei piu’ importanti amministratori di aziende russi, e con il direttore della Banca Centrale. Ha subito annunciato che non adotterà nessuna severa misura normativa  e che lascerà alle forze di mercato il compito di correggere la situazione. Per quanto riguarda l’ex ministro delle Finanze, tanto amato in Occidente, Alexei Kudrin, ha espresso il suo pieno sostegno per l’ultimo aumento