Tag "Oleg Lyashko"

Alcuni pensieri sulle recenti elezioni politiche in Ucraina

Brian Milakovsy              @bmilakovsky 2 apr 2019  13:44    Non sono un esperto di elezioni ucraine, e non ho nessun nuovo dato da aggiungere al dibattito. Ma vivo ormai da quattro anni a Severodonetsk (nell’area del Donbass controllata dal governo) e pongo molte attenzioni alla regione che mi sta attorno. Perciò ecco i miei due centesimi su queste affascinanti elezioni.   Brian Milakovsy              @bmilakovsky   Un sacco di gente ha osservato

In Russia e in America: nella sconfitta, il commentariato globalista è disgustoso

Il commentariato liberale, sia esso negli USA o in Russia, risponde nello stesso modo intollerante e non democratico alle sconfitte elettorali dei suoi candidati, ridicolizzando e denigrando la massa di elettori che non la pensano come loro e lasciando intendere che ci sia qualcosa di illegittimo nel modo in cui votano. Mi domando che nome dovremmo dare a tutti i commentatori anti-Trump che hanno giurato di lasciare gli Stati Uniti

Ucraina: verso la Legge Marziale?

Zero dollari. E’ la somma erogata dal Fondo Monetario Internazionale all’Ucraina dal 5 agosto 2015 ad oggi. E tale resterà almeno fino a settembre. Nessuna traccia, quindi, della tanto sospirata “terza tranche” da 1,7 miliardi (le prime due, per complessivi 6,7 miliardi, vennero pagate a stretto giro nel 2015) che Kiev aspetta da ormai un anno in una atmosfera di panico crescente. Ancora martedì scorso il Primo Ministro Groysman si

Savchenko: un “Cavallo di Troia” o un soldato politico?

Quando la Savchenko è stata scambiata, si potevano sentire fondamentalmente due tipi di commenti: “Ma com’è possibile! Putin ci ha tradito!” e “Oh wow, ora farà un gran caos”. Il primo commento è senza senso, ma il secondo è in parte corretto. Le ipotesi su come sarebbe evoluto il tutto erano focalizzate soprattutto sulla possibilità di un estremismo evidente, ritenendo che ora Savchenko, rilasciata dalla prigione, metterebbe su una nuovo Rada