Breaking news
  • No posts where found

Tag "ONU"

Il risultato più importante del 2017: cancellata la grande guerra con la NATO

Politici ed esperti russi hanno espresso la loro opinione su Pravda.Ru sugli eventi più importanti del 2017. Aleksej Puškov, membro del Comitato del Consiglio della Federazione su Difesa e Sicurezza: “Il più grande evento dell’anno è il successo dell’operazione russa in Siria [in inglese] e la liquidazione dell’ISIL come formazione combattente e, ancor più, come entità statale in Siria, questo, a mio avviso, è l’evento più importante. Un altro evento molto

Hezbollah non è una minaccia per l’America

Le accuse inventante contro l’Iran non funzionano I combattenti sostenuti dall’Occidente sono in ritirata, Bashar al-Assad rimane presidente, Hezbollah ha esteso la sua presenza nella regione, il potere di Israele è in declino [in inglese] mentre quello dell’Iran è in crescita. Non un bel risultato per l’investimento di molti miliardi di dollari fatto da Washington nel conflitto siriano, specialmente se la finalità era quella di cambiare la mappa della regione

È ora di prepararsi al peggio in Corea del Nord

I recenti test missilistici e nucleari hanno fatto tornare la questione nucleare nordcoreana al centro dell’attenzione internazionale. Secondo gli analisti, questi test dimostrano che Pyongyang non solo possiede armi nucleari, ma anche missili che possono raggiungere la costa occidentale degli Stati Uniti [in inglese]. Non dovrebbe passare molto tempo prima che la Corea del Nord sviluppi la capacità di miniaturizzare le armi nucleari e adattarle ai suoi missili a raggio intermedio

Una prova ulteriore del perché non ci si può fidare della parola dell’America

Gli eventi recenti confermano la visione di molti che, per gli Americani,  il rispetto delle leggi internazionali è – se va bene – un optional aggiuntivo, piuttosto che una componente essenziale del comportamento fra Stati. Il primo esempio si riferisce al recente stallo tra USA e Corea del Nord. L’articolo 2 (3) della Carta delle Nazioni Unite, un documento della cui formulazione gli Stati Uniti sono stati determinanti, recita: “Tutti

Il Pentagono fortificherà Kabul per la guerra senza fine in Afghanistan

Il Pentagono sta attuando un piano per espandere e fortificare maggiormente la “Zona Verde” di Kabul, la sezione della capitale dell’Afghanistan dove si trovano le ambasciate americane e altre ambasciate straniere, il quartier generale della NATO e di altre forze armate, le organizzazioni internazionali e i ministeri del governo. Questo importante progetto, riferito dal New York Times domenica, coincide con una grande escalation americana del conflitto, che dura da quasi

Ascoltando The Donald all’ONU

Nella tarda mattinata di oggi sono iniziate ad arrivarmi in gran quantità e-mail indignate. I miei corrispondenti riferivano di “essere nauseati” e di provare “dolore al cuore”. La causa di tutto questo? Avevano appena guardato il discorso di Trump all’ONU. Ho sospirato, e ho deciso di guardare il discorso completo. Sì, è stato doloroso. Qui potete leggere il testo completo (non ufficiale) oppure guardare qui il video [in inglese]. La

Benvenuta nel club della bomba H, Corea del Nord!

Dopo mesi di annunci, è successo [in inglese]: domenica 3 settembre, precisamente a mezzogiorno ora locale, la Corea del Nord ha fatto esplodere il suo sesto ordigno nucleare per testare presumibilmente la nuova bomba termonucleare. L’esplosione ha generato un terremoto che è stato avvertito oltre i confini con la Cina, e che ha suggerito una potenza nell’ordine di centinaia di kilotoni, o dieci volte più potente della bomba che gli Stati

Situazione operativa sui fronti militari siriani al 9-9-2017

La Grande Battaglia per Deir Ezzour Riprendiamo la narrazione ed il commento dei fatti che avvengono nel nostro Medio Oriente, che ormai ci è sempre più familiare, impariamo a conoscere le città la loro posizione ed importanza; un giorno sarebbe davvero interessante vedere come ricostruiranno tutto e si cancelleranno i segni di tanta distruzione. Prima di leggere, una considerazione: nel momento in cui il serpente sembra chiuso all’angolo e sul

Il Venezuela alle urne, la fila si forma all’alba

All’Unità educativa Miguel Antonio Caro la gente è in fila dalle 4 di mattina. Il presidente Nicolas Maduro, che avrebbe dovuto votare in questo liceo di Caracas, arriva all’improvviso, accompagnato dalla “prima combattente” Cilia Flores, candidata all’Assemblea Nazionale Costituente. Vuole essere il primo a votare. “E’ un voto per la tranquillità del Venezuela”, dice ricordando l’anno 2000, quando Chavez ha rimesso alla prova delle urne i risultati dell’Assemblea Nazionale Costituente

Aleppo e Mosul: un racconto di due città liberate

La città irachena di Mosul. La città siriana di Aleppo. Entrambe ‘liberate’ negli ultimi mesi da gruppi radicali del terrorismo jihadista. Ma mentre una delle due operazioni anti-terroriste è stata lodata in Occidente, l’altra è stata ferocemente denunciata. I modi molto diversi in cui le rispettive ‘liberazioni’ sono state raffigurate ci dicono molto sul modo in cui opera la propaganda bellica nel cosiddetto mondo libero. Negli ultimi giorni ci sono