Tag "Operazione Militare Speciale"

I lanciarazzi multipli termobarici “lanciafiamme” russi TOS-1A conducono bombardamenti a tappeto per aiutare l’avanzata in Ucraina

L’esercito russo ha impiegato il sistema di artiglieria missilistica TOS-1A da 220 mm per bombardamenti su larga scala delle forze ucraine nella regione orientale del Donbass. Da tempo ci si aspettava che questi sistemi d’arma svolgessero un ruolo importante nel conflitto, dato che hanno il potenziale per accelerare considerevolmente l’avanzata russa. Il TOS-1A è eccezionale tra le risorse di artiglieria russe, ed è schierato fra le truppe di protezione nucleare,

Ora solo i mercenari più estremisti entrano in Ucraina per combattere i russi

Con l’apparato dei media occidentali che bombarda il pubblico con la narrativa secondo cui un’Ucraina Liberale sta lottando contro una Russia autoritaria per preservare la sua democrazia, le forze ultra-nazionaliste di estrema destra, inclusi i battaglioni neonazisti, sono state normalizzate e glorificate al punto che migliaia di stranieri si sono riversati in una zona di guerra per combattere. Molti di questi stranieri non hanno un’adeguata formazione ed esperienza militare. Poiché

La leggenda di “Azov” si conclude ingloriosamente

È iniziata la resa dei nazisti del Reggimento scelto Azov (bandito in Russia) nello stabilimento di Azovstal. Durante la prima giornata, secondo i giornalisti che lavorano lì, più di duecento persone sono uscite con le mani alzate. Metà di loro sono feriti. Nel frattempo, il comandante del reggimento nazionale Azov, Denis Prokopenko, già senza “armi”, senza “armatura”, senza galloni e insegne, un po’ patetico, in “puro ”leopolese” (ceco-polacco-zingaro- ungherese-ucraino, che

Il dolce suono dei criminali ucraini nazificati che si arrendono a Mariupol

Non sono stati “evacuati” dall’acciaieria Azovstal di Mariupol come riportato falsamente dai media tradizionali. Il regime di Kiev installato e controllato dagli Stati Uniti ha permesso loro di arrendersi “per salvare le (loro) vite”. L’alternativa era la morte. Secondo il Ministero della Difesa russo, lunedì: “Dopo i negoziati con il personale militare ucraino (rinchiuso) nello stabilimento (di Mariupol) dell’Azovstal, è stato raggiunto un accordo per far uscire i teppisti feriti”

Aggiornamento sul giorno 78 della SMO russa

La realtà sul campo in Ucraina è molto diversa dal rigurgito di fake news della narrativa ufficiale fabbricata dai media tradizionali. Affermazioni fasulle sulle truppe ucraine (malridotte e in crisi) che guadagnano terreno, respingono le forze russe e simili immondizie, non superano il test dell’olfatto. Il regime di Kiev insediato dagli Stati Uniti è così disperato di nascondere la realtà al suo popolo represso, sfruttato, impoverito e in miseria che

Aggiornamento sul giorno 74 della SMO russa in Ucraina

Venerdì, altri 51 civili, tra cui 11 bambini, sono stati evacuati dall’acciaieria Azovstal di Mariupol. Complessivamente, alcune centinaia di civili sono stati liberati dopo essere stati tenuti in ostaggio come scudi umani da teppisti Nazisti sostenuti dagli Stati Uniti e dall’Occidente all’interno dello stabilimento. Non è chiaro se rimangano dei civili intrappolati. Secondo quella che potrebbe essere una notizia falsa del cosiddetto vice Primo Ministro ucraino Irina Vereschuk, l’ordine del

Guerra in Ucraina giorno 72: l’esercito russo assiste il contrattacco della LDPR nel Donbass (foto e video)

Il 6 maggio 2022 è proseguita l’offensiva russa in Ucraina. Alcuni successi sono evidenti. Tuttavia, nella regione di Belgorod, i villaggi di Zhuravlevka e Nekhoteevka al confine con l’Ucraina sono stati bombardati. Una casa e un garage sono stati distrutti a Nekhoteevka. Non ci sono state vittime civili. Direzione Kharkov: Le forze armate ucraine stanno costruendo fortificazioni vicino a Chuguev. Un tentativo di attraversare il fiume Donets in questa direzione

Le forze armate “gravemente degradate” dell’Ucraina

L’esercito malconcio e pesto dell’Ucraina è più degradato ora di quando il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu ha spiegato il suo triste stato, settimane fa. Oltre 50.000 dei suoi soldati sono stati uccisi o feriti, altre migliaia sono stati catturati. Molti altri hanno abbandonato le loro unità. Le cosiddette aviazione e marina ucraina non esistono più. Le forze russe controllano lo spazio aereo e le acque costiere dell’Ucraina. Il

Le difficoltà della seconda fase dell’operazione militare speciale

Molto spesso incontriamo una mancanza di comprensione da parte della gente comune di ciò che sta accadendo al fronte. In un certo senso, questa è colpa degli esperti televisivi, che da otto anni diffondono patriottismo eccessivo sugli “inutili ucraini”. In un certo senso, questa è una banale mancanza di comprensione delle specificità delle operazioni militari nella regione. Nelle regioni di Kharkov e Lugansk, il tasso di avanzamento delle forze alleate

Lobbysta della NATO vuole che la Serbia doni armi all’Ucraina e sanzioni la Russia

Dall’inizio dell’operazione militare speciale russa, in risposta al tentativo di pulizia etnica dell’Ucraina nel Donbass, gli Stati Uniti e la NATO hanno fatto pressioni sugli stati membri, e persino sui membri dell’UE non ufficialmente nella NATO, affinché inviassero le loro armi dell’era sovietica, e altre di fabbricazione russa in Ucraina. Le ragioni per cui USA e NATO spingono in tal senso sono molteplici. In primo luogo, i paesi in questione