Tag "Paesi Baltici"

L’Estonia diventa lo scenario principale di esercitazioni militari contro la Russia

800 paracadutisti dell’82a Divisione Aviotrasportata dell’esercito degli Stati Uniti sono partiti da Fort Bragg, nella Carolina del Nord, lo scorso venerdì mattina per un esercitazione di risposta rapida. Sono stati lanciati in Estonia in un’operazione di “ingresso forzato congiunto” nelle prime ore di sabato. L’esercitazione aerea è progettata per testare le capacità di risposta rapida degli Stati Uniti per difendere l’Estonia in caso di un’ipotetica guerra con la Russia. Fa

I paradossi della società lituana

Le autorità lituane fanno il possibile per attirare i giovani affinché prestino servizio nelle forze armate. Ma ciò che fanno non porta sempre i risultati desiderati. A causa della situazione di sicurezza unica che la Lituania deve affrontare, nel 2015 è stato deciso di ripristinare la coscrizione, anche se, francamente, in una società democratica la coscrizione sembra molto anacronistica. Non esiste niente di paragonabile a forze armate professionali altamente addestrate

Truppe straniere in Lituania invece della sovranità

Gli Stati Baltici stanno facendo del loro meglio per approfondire la cooperazione militare con gli Stati Uniti. A tal fine, sono persino pronti a perdere la loro sovranità. I paesi baltici non sono paesi autosufficienti da un punto di vista politico. Pertanto, fanno affidamento sugli Stati Uniti per ottenere sicurezza militare e sostegno finanziario. In cambio, forniscono i loro territori per il dispiegamento di strutture e forze militari americane. I

La Lituania ha deciso di sbarazzarsi del gas di Gazprom, e riceve gas liquefatto dalla… Russia

Nel 2014, sulla scia delle sanzioni anti-russe, la Lituania ha deciso di sbarazzarsi del monopolio della russa “Gazprom” e di diventare energeticamente indipendente. Su questa ondata molto patriottica, a Klaipėda è stato costruito un terminale per il gas naturale liquefatto. La Lituania prevede di ritirarsi dall’anello energetico BRELL entro il 2025. Avendo iniziato la costruzione del terminale per il gas naturale liquefatto, la Lituania sperava di riceverne dai suoi partner

Gli stati baltici si allineano con USA e NATO contro la Russia?

Nel 2017, la RAND Corporation ha pubblicato sul suo media associato Small Wars Journal un articolo dei ricercatori Marta Kepe e Jan Osburg, che delineava un piano di difesa strategica per i paesi baltici in caso di invasione russa. Gli autori affermavano che l’Estonia, la Lituania e la Lettonia gestiranno le loro debolezze per affrontare i russi, supereranno i loro deficit di popolazione e militare attraverso la partecipazione dei civili

I residui dell’indipendenza: a che punto sono arrivati gli stati baltici dopo 30 anni di autonomia economica

All’inizio degli anni ’90 le repubbliche baltiche avevano delle moderne industrie manifatturiere e di energia, strade di qualità e porti marittimi ben attrezzati. Il 27 novembre è stato il 30°anniversario dell’adozione della Legge sull’Indipendenza Economica delle repubbliche di Estonia, Lettonia e Lituania. Di fatto, è stato l’inizio dell’indipendenza dei tre paesi o, piuttosto, l’inizio della fine. Ora i paesi baltici stanno ostinatamente cercando di dimenticare la loro eredità sovietica. Ma

Aleksey Pushkov: Russia e Europa, una contrapposizione non necessaria

Abbiamo incontrato Aleksey Pushkov, Presidente della Commissione del Consiglio Federale sulla politica dell’informazione della Federazione Russa, durante la sua conferenza dal titolo «Russia ed Europa: tensione senza ragione», che si è svolta il 3 luglio presso il Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma. Politico, professore presso il MGIMO (Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali), scrittore, giornalista e autore del programma di informazione e analisi politica Postscriptum

NATO: colpire la Russia attraverso il Corridoio di Suwalki

Il presidente americano Donald Trump ha dato la sua approvazione per costruire una base militare statunitense in Polonia. La Polonia ha dato grande importanza all’evento. Il presidente polacco Andrej Duda ha addirittura suggerito di dare il nome di Donald Trump alla nuova base militare. Ma la costruzione della base americana “Fort Trump” sarà di grande importanza non solo per la Polonia, ma per il mondo intero. Per secoli la Polonia

L’Europa non fa sul serio quando parla di ricucire i rapporti con la Russia

Alcune comunità europee – di solito quelle del settore aziendale, ma talvolta anche politici di alto rango come Sigmar Gabriel – hanno espresso pubblicamente la propria volontà di risolvere le cose con la Russia e arrivare almeno ad una tregua che consentirà all’Europa di alleviare le sanzioni e, si spera, rientrare nel movimentato mercato russo. E probabilmente fanno sul serio, ma sono sardine che nuotano contro la corrente degli ideologi

Militarizzazione della penisola scandinava: è l’ora di suonare gli allarmi

Molto è stato detto sul fatto che i rinforzi della NATO negli stati baltici e in Polonia siano stati percepiti a Mosca come azioni provocatorie che minano la sicurezza in Europa, mentre si è detto poco sulla graduale ma costante militarizzazione della Scandinavia. Il tema non guadagna i titoli dei giornali e non è al centro del dibattito pubblico ma, un passo dopo l’altro, la regione si trasforma in un