Breaking news
  • No posts where found

Tag "Russia Today"

4 diplomatici russi morti in 3 mesi

L’ambasciatore, che rappresentava da molto tempo la Russia alle Nazioni Unite, è morto improvvisamente a New York – questo è il quarto diplomatico russo morto negli ultimi 3 mesi. Vitalij Čurkin è stata una delle voci più sagge della diplomazia internazionale [in Inglese]. La sua voce non echeggerà più nei corridoi delle Nazioni Unite. Eloquente, gentile ma autorevole, saggio ma affabile, ha supervisionato alcuni degli eventi più importanti per la Russia

Odiata da chi odia la Russia

Recentemente Marie Krarup, deputata del Partito popolare danese, mi ha contattato per dire che la task force East Stratcom dell’UE mi ha posto in una lista che mi bolla come propagandista filo-russa e mi accusa di diffondere la disinformazione russa. Quest’organizzazione è stata istituita nel marzo 2015 dal Consiglio d’Europa per attuare un piano d’azione sulla comunicazione strategica per affrontare quello che etichetta come “le continue campagne di disinformazione della

Rischi ed opportunità per il 2017

Siamo solo da pochi giorni nel 2017 e possiamo già affermare con un notevole grado di confidenza che il 2017 sarà un anno storico. Penso anche che il 2017 sarà l’“anno di Trump” perché accadrà una di queste tre cose: Trump manterrà in pieno le sue minacce e le sue promesse, Trump manterrà qualcuna, ma non tutte, delle sue minacce e delle sue promesse o, alla fine, Trump sarà neutralizzato

Il vero significato del rapporto dell’ODNI sull’interferenza elettorale russa

Devo confessare che la mia prima reazione è stata semplicemente quella di ignorare questa relazione, dal momento che è un inutile mucchio di stupidaggini. Poi ho ascoltato un blogger ucraino, Anatolii Sharii, farsi beffe di questo rapporto per più di 10 minuti. Mentre lo ascoltavo, la mia prima reazione è stata “non può essere così, Sharii sta esagerando”. Poi Sharii ha iniziato a riportare dei lunghi estratti del documento e,

Di male in peggio: la Clinton pone le premesse per relazioni sempre più ostili con la Russia

Cerchiamo di essere onesti: Hillary Clinton e Vladimir Putin non sono esattamente grandi amici. Ma la Clinton sembra essere intenzionata a fare peggiore una brutta situazione – e tutto pur di segnare alcuni punti politici a proprio favore. Il rapporto con la Russia è tale che la Clinton dovrebbe prenderlo molto sul serio. Se ella conquisterà la presidenza nel mese di novembre, le relazioni tra Washington e Mosca continueranno ad

La Grande Muraglia dell’impotenza del Pentagono

Nessuno ha mai perso dei soldi scommettendo sull’astensione del Pentagono dalla propria retorica eccezionalistica. Ancora una volta l’attuale capo supremo del Pentagono, il neoconservatore DOC Ash Carter, non ha deluso allo Shangri-La Dialogue, l’annuale, assolutamente da non perdere, forum sulla sicurezza di Singapore, a cui partecipano i più importanti ministri della Difesa, studiosi e dirigenti d’azienda di tutta l’Asia. Il contesto è la chiave di tutto. Lo Shangri-La Dialogue è

Contro-propaganda, al modo russo

Ascoltando i media corporativi occidentali si ha l’impressione che il Cremlino controlli tutti i mezzi di informazione russi con il pugno di ferro, e che non ci si possa permettere neanche una parola di critica sulla Russia, per non parlare poi di Putin stesso. La situazione è così drammatica che gli Anglo-Sionisti stanno finanziando nuovi sforzi “informativi” per controbilanciare la macchina propagandistica russa, e portare un po’ di quella informazione

‘Primo Ministro’ Lula: la svolta nella partita brasiliana

A confronto dell’otto-volante politico/economico brasiliano, quelli di House of Cards sono giochi da asilo infantile. Solo tre giorni dopo le imponenti manifestazioni che chiedevano l’impeachment della presidentessa Dilma Rousseff, e meno di due settimane dopo la, discutibile dal punto di vista legale, detenzione di quattro ore per sottoporre a interrogatorio l’ex presidente del Brasile Lula, quest’ultimo si prepara ad uno spettacolare rientro nel governo del Brasile come ministro, in effetti