Breaking news
  • No posts where found

Tag "Russia"

L’intervista del Saker a “Ramzes”, un ufficiale degli Spetsnaz GRU

Saker: Presentati con poche parole, dicci in quale brigata hai servito, che grado hai raggiunto e qual era la tua specialità militare. Ramzes: Il mio pseudonimo negli Spetsnaz GRU era Ramzes. Sono nato in Russia. Ho preso servizio nel 1994 ed ho terminato nel 1999. Sono stato un cadetto degli aviotrasportati per quattro anni poi ho servito un altro anno con il grado di tenente. Ho servito nella 16° brigata

Breve aggiornamento sulla (molto pericolosa) situazione ucraina

Cari amici, Per prima cosa, voglio solo farvi sapere che sto lavorando a due interviste che, penso, troverete interessanti: una con Michael Hudson ed un’altra con un esperto sulla Siria, che preferisce rimanere anonimo. Entrambe dovrebbero essere molto interessanti. Datemi qualche altro giorno per pubblicarle. Adesso passiamo all’Ucraina. Un rapporto da leggere ed un video da guardare [NdT: entrambi in inglese]. Tirando le somme: la situazione è molto MOLTO tesa.

“Frau Merkel, con gli USA non andiamo da nessuna parte”

Un attacco frontale al filo-atlantismo e alla politica di rigore della Merkel. Dalla leader dell’opposizione Sahra Wagenknecht una dura critica alle ingerenze USA in Europa. Dai rapporti con la Russia all’approvazione del TTIP, dal caso Grecia alla sudditanza alla Troika. ***** Video pubblicato da PandoraTV Traduzione a cura di Maria Heibel

Una guerra è alla nostra porta. Come al solito, abbiamo bisogno di un altro anno.

Alessandro il Benedetto aveva bisogno di un anno in più per finire la guerra con la Turchia, addestrare le reclute già arruolate e dispiegare lungo il confine contro Napoleone non 200 mila soldati, ma un’armata forte di mezzo milione di uomini che non si sarebbe presa la briga di ritirarsi nel cuore dell’Impero. Iosif Vissarionovic Stalin aveva bisogno di un altro anno per completare l’aggiornamento tecnico dell’esercito, la formazione di

L’Ucraina che ho conosciuto non esiste più

  In futuro potrebbe esserci una sorta di Ucraina, ma sarà molto, molto diversa da quella che conoscevamo e che purtroppo è finita. Per quanto sia difficile dirlo, per quanto sia triste per quelli di noi che hanno amato l’Ucraina, come me– vivendo lì oltre 2 anni prima della guerra, era un Paese a cui ero molto legato – ma dopo l’Euromaidan, l’Ucraina è morta. Ed ecco perché. Se non

Intervista del Saker con Jeff J. Brown

Prefazione del Saker: Proprio quando stavo per pubblicare l’intervista con Jeff J. Brown, ho ricevuto quest’email da Larchmonter445: http://news.xinhuanet.com/english/2015-05/26/c_134269678.htm     Yang, l’uomo seduto accanto alla interprete, è il capo dei Consiglieri per la Politica Estera, e spesso agisce da secondo Ministro degli Esteri. Ne nascondono l’importanza, parlando poco del suo portafoglio, della sua attività e delle sue interazioni. E’ una mente per quanto riguarda la formazione di strategie politiche. Io

Unione fraterna o Stato russo?

Articolo di Rostislav Ishchenko: Non tutti i politici e gli esperti riconoscono l’esistenza di uno stato di guerra tra la Russia e gli Stati Uniti, e questo nonostante una strategia di Washington chiaramente dichiarata a favore del cambio di regime in Russia e della vanificazione di qualsiasi opportunità per Mosca di effettuare qualsiasi tipo di politica indipendente. Molte persone, che sono state per decenni abituate a credere che la guerra

E se Putin stesse dicendo la verità?

Il 26 aprile scorso la principale emittente televisiva nazionale della Russia, Rossiya 1, ha celebrato il presidente Vladimir Putin in un documentario creato per il popolo russo nel quale venivano esposti gli eventi dell’ultimo periodo storico, compreso l’evento dell’annessione della Crimea, quello del colpo di Stato in Ucraina supportato dagli Stati Uniti, e lo stato generale dei rapporti fra Russia e Stati Uniti e Unione Europea. Nelle sue parole si

I Russi

Terra nativa della pazienza duratura, la terra della gente russa! di Fyodor Tiutchev,(1803-1873), poeta romantico, secondo solo a Pushkin.   Tutto ciò che è russo appare sempre come esotico, strano, incomprensibile agli occidentali. Gli stessi russi hanno dibattuto a lungo la questione di chi fossero: occidentali o asiatici? O qualcos’altro ancora? In ogni caso, come riflesso dalla corrente politica estera russa, la storia della Russia è anche legata inestricabilmente con

Vita politica di V.V. Putin – Seconda Parte – Il primo anno, lo scontro con gli oligarchi, il Kursk, un Paese allo sbando

Seconda parte del documentario di Vladimir Solovyov sulla vita politica del presidente russo Putin, oltre le grottesche e volgari rappresentazioni occidentali che lo dipingono ora come un “dittatore”, ora come un “nuovo Hitler”, perchè si rifiuta di svendere il suo Paese all’Impero. La prima incoronazione popolare, le prime difficoltà. Fra le altre, gli scontri con gli oligarchi che dirigevano e dissanguavano la nazione (fra i quali è possibile vedere il