Tag "spionaggio"

Il più grande successo sovietico in un’operazione di spionaggio della II Guerra Mondiale

L’abilità magistrale nei “giochi radiofonici” è ciò che ha permesso agli agenti sovietici di privare la Germania nazista di dozzine di agenti e di milioni di rubli, oltre a perdere le battaglie più importanti sul fronte orientale. Una fredda notte invernale del 1941, le posizioni tedesche a sud di Mozhaysk, nella regione di Mosca, furono avvicinate da un uomo, un traditore, che sosteneva di rappresentare una chiesa anti-bolscevica e un

Come spiegare gli incredibili successi del KGB nell’identificare gli agenti della CIA sul campo?

I paranoici capi della CIA incolpavano le talpe sovietiche, ma la vera ragione dei ripetuti disastri era molto più semplice. Mentre la Guerra Fredda si concludeva con la caduta del Muro di Berlino nel novembre 1989, quelli della sede della CIA a Langley, in Virginia, speravano finalmente di risolvere molti enigmi di lunga data. Il più importante era perché gli agenti sul campo sotto copertura diplomatica e copertura profonda, di

Domande sulla “Babushka security” e tonnellate di risposte, tutte sbagliate

Ho appena guardato un video di un vicino di Motorola [in russo] che spiega come il Comandante non godesse di un vero regime di protezione, come fosse facile entrare nel suo palazzo, raggiungere il condotto dell’ascensore e metterci una bomba.  Per quanto riguarda l’uso di un dispositivo telecomandato, è facile anche per un dilettante costruirne uno. Risultato: ad aver ucciso Motorola potrebbero essere stati anche solo dei dilettanti male addestrati. Okay, la

La spia col cinturino spezzato

Comandante veterano dell’unità d’élite del KGB Gruppo Alpha, il Maggior Generale Gennadij Nikolaevič Zajcev racconta l’operazione del 1977 per arrestare l’agente della CIA Martha Peterson, che lavorava all’ambasciata statunitense con una copertura diplomatica. La Peterson stava manipolando un prezioso agente – Aleksandr Ogorodnik, nome in codice Trigon, un membro d’alto profilo del Ministero degli Esteri Sovietico. All’epoca in cui Ogorodnik era stato già arrestato e si era suicidato in prigione col veleno