Tag "Viktor Yanukovich"

Confermato pubblicamente lo status coloniale dell’“Ucraina indipendente”

Il 19 maggio, il membro del Parlamento ucraino (Rada) Andrei Derkach ha rivelato in una conferenza stampa le registrazioni delle conversazioni telefoniche tra l’allora presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko e l’allora vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden. Le conversazioni sono in inglese e possono essere ascoltate qui. Di per sé, non c’è nulla di straordinario nel fatto che un presidente abbia avuto alcuni contatti telefonici con un leader di una potenza

Chi l’Ha Visto? Edizione patrioti ucraini

“Eppure, troppo spesso, la colpa è solo un altro nome per l’impotenza, per la difesa distruttiva della comunicazione; diventa un dispositivo per proteggere l’ignoranza e la continuazione delle cose così come sono, la massima protezione per l’immutabilità”. Audre Lorde, da “Sorella Outsider: Gli Scritti Politici di Audre Lorde”. Pochi esercizi costruiscono prospettive come il rivedere le azioni e le approvazioni e prevedere la traiettoria della carriera di varie personalità nel

Il doloroso viaggio dell’Ucraina Indipendente attraverso le cinque fasi del dolore

Nel mio articolo del 25 luglio intitolato “Il dilemma di Zelenskyj”, avevo sottolineato la strutturale asimmetria della configurazione del potere in Ucraina a seguito della schiacciante vittoria di Zelenskyj su Poroshenko: anche se una grande maggioranza di Ucraini ha chiaramente votato per fermare la guerra e ripristinare un qualche tipo di pace nel paese, le vere leve del potere nello stato del Banderastan post-Maidan sono tutte in mano ad ogni

Le leggi dittatoriali di Poroshenko

Tra le favole che si raccontano della Maidan di Kiev, c’è questa: battendosi per essere Europa, i cittadini ucraini non potevano aspettare per la loro marcia per la libertà il presidente Viktor Yankovich. Questo discorso fa riferimento alle cosiddette “leggi dittatoriali” del 16 gennaio 2014. E ora il pro-Europa Petro Poroshenko si sta preparando a superarle. Ma per una nuova Maidan, ancora una volta non c’è alcuna possibilità. Il Parlamento