Tag "white helmets"

Gli Elmetti Bianchi di nuovo alla ribalta

Spesso mi viene chiesto di spiegare perché paesi come l’Iran appaiano così aggressivi nel farsi coinvolgere in guerre all’estero e nel creare alleanze che sanno destinate a provocare le peggiori e più paranoiche reazioni di alcuni dei loro vicini. La mia risposta è che la percezione della minaccia è sempre relativa rispetto a quale lato della barricata si guardano le cose. L’Arabia Saudita e Israele ovviamente percepiscono le azioni iraniane

Gli Stati Uniti riprendono ufficialmente i finanziamenti per i Caschi Bianchi in Siria

  Con una svolta alquanto sorprendente, ma non del tutto imprevedibile, il presidente Trump ha autorizzato nuovi finanziamenti per i Caschi Bianchi che erano stati precedentemente sospesi. Un comunicato stampa del Dipartimento di Stato Americano riporta la cifra iniziale di finanziamento di 6,6 milioni di dollari per continuare quelle che definisce “le operazioni vitali e salvavita della Difesa Civile Siriana, più comunemente conosciuta come i “Caschi Bianchi”. Sempre sul sito

Situazione operativa sui fronti siriani del 2-3-2018

Iniziamo questa sitrep riproponendovi le ultime analisi sulla situazione in Siria, buona visione: Prosegue la guerra in Siria, ma prosegue anche la guerra fuori dalla Siria. Se i combattimenti si svolgono fisicamente nelle province siriane, la guerra vera si sta svolgendo al di fuori. Le grandi manovre per preparare un attacco delle potenze occidentali contro la repubblica araba di Damasco sono in pieno svolgimento. Francia e Stati Uniti hanno già

Sitrep con Stefano Orsi Nr.018

Rieccoci in contatto con Stefano per l’ultima puntata dell’anno. Gli argomenti trattati: La sitrep aggiornata delle ultime operazioni ad Idlib, nel Golan e a Latakia. Parleremo di Erdogan, degli Elmetti Bianchi e di attacchi chimici, quelli inscenati in passato e quelli che potrebbero preparare in futuro. Ringraziamo i nostri ascoltatori e vogliamo augurare loro un Buon anno 2018. La Redazione Luciano – Marco – Fabio – Sascha – Elvia –

Situazione operativa sui fronti siriani del 27-10-2017

Appuntamento settimanale per riassumere la situazione sui fronti siriani dopo i fatti descritti nella sitrep del 20 ottobre. Vediamo nel dettaglio i fronti attivi al momento, allargando lo sguardo al vicino Iraq. Aggiornamento flash dai fronti siriani del 22-10-2017 Se qualche sprovveduto avesse nutrito dubbi sulla reale natura e sul compito delle SDF-YPG in Siria, oggi potrebbe osservare l’ultimo tassello mancante al puzzle che chiarisce a cosa servano realmente e quale

Situazione operativa sui fronti siriani del 20-9-2017

Abbiamo atteso alcuni giorni prima di riassumere qualche aggiornamento significativo per questa grande battaglia, decisiva per il prosieguo della guerra in Siria, che non riteniamo sia prossima alla fine come molti credono: ISIS verrà sicuramente sconfitta, ma le carte servite in tavola ci propongono uno scenario poco rassicurante nel breve medio periodo di tempo. Vediamo ora come si è evoluta e valutiamo le eventuali prossime mosse delle controparti. Iniziamo quindi

Le verità taciute…

Parliamo un po’ dell’arresto della nostra concittadina, per giunta residente a Garbagna, in provincia di Alessandria. Leggevo un articolo al riguardo, pubblicato su Repubblica, e subito ho notato qualcosa di strano: si fa esplicito riferimento all’ISIS, e subito la condanna per le azioni della terrorista è immediato. Poi leggo altri approfondimenti, Il Secolo XIX è più preciso, parla con gli inquirenti che fanno un nome preciso, un gruppo assai noto

La famiglia di Omran rompe il silenzio; sono sostenitori del governo siriano

Omran Daqneesh è stato usato per evidenziare la brutalità del governo siriano dopo che filmati del bambino, seduto insanguinato dentro una ambulanza, filmato dai White Helmets, sono divenuti virali. Dopo mesi passati ad evitare i media, la famiglia di Omran ha rotto il silenzio e raccontato la sua storia. Nonostante sia stata vittima di un attacco aereo del regime, la famiglia Daqneesh ha dichiarato di essere pro-governo. Diversamente da altri

Vladimir Safronkov: come si diventa un eroe nazionale

Nel diciannovesimo secolo, una teatro d’pera di Parigi decise di mettere in scena un’opera derisoria verso la Russia e il suo monarca Alessandro I (che sconfisse Napoleone) Lo zar inviò il suo diplomatico per parlare con l’amministrazione teatrale e chiese loro di non mettere in scena questa opera  russofobica. L’amministrazione rifiutò  dicendo che siccome i francesi godevano della libertà di parola avrebbero potuto insultare i russi a  loro piacimento. Lo

La propaganda anti siriana rialza la testa

È ormai evidente agli occhi di un cieco come le difficoltà crescenti del ressemblement qaedista, che controlla per intero la provincia di Idlib, spingano i terroristi ad intensificare le manovre di propaganda. Oggi hanno inscenato nuovamente, come già fecero nel 2013, un attacco chimico, e naturalmente di questo accusano lo stato siriano. Facciamo il punto della situazione militare nella provincia di Idlib, roccaforte di Al Qaeda e dei suoi dolci