Prima di esaminare ciò che è appena accaduto in Ucraina, dobbiamo ricordare la sequenza di eventi che hanno portato alla situazione attuale. Proverò a fare un breve riassunto (saltando molti dettagli) nello stile di un elenco puntato:

  1. Non sappiamo se Ze inizialmente intendesse fermare la guerra nell’Ucraina orientale, ma sappiamo che non solo non è riuscito a fermarla, ma per molti versi le sue politiche sono state anche peggiori di quelle di Poroshenko. Questo potrebbe essere il noto fenomeno di un politico presumibilmente “favorevole alla pace e alla felicità” accusato di essere “debole”, e quindi non “presidenziale”; questo politico deve dimostrare che la sua “forza” è il “patriottismo”, che agisce in modo sconsiderato sul fronte esterno. Lo vediamo da politici presumibilmente “Liberali” come i Democratici negli Stati Uniti e i Laburisti in Israele. Storicamente, i “Liberali” sono quelli che iniziano guerre più spesso. Ze ha mostrato la sua debolezza quasi dal primo giorno, e gli ucronazisti hanno colto immediatamente questa opportunità per impegnarsi in una massiccia campagna su più livelli per la guerra contro la Russia. Ciò ha portato a:
  2. Un ripudio quasi ufficiale degli Accordi di Minsk e della Formula Steinmeier da parte di Kiev, seguito da un forte aumento di dichiarazioni bellicose e, soprattutto, da un movimento di forze su larga scala (inclusi carri armati, artiglieria pesante, lanciarazzi multipli semoventi e persino missili balistici!) verso la linea di contatto. Allo stesso tempo i politici ucronazisti hanno iniziato a fare dichiarazioni dicendo che a) l’esercito ucraino era capace e disposto a “liberare” tutto il territorio ucraino “occupato dalla Russia”, inclusi sia il Donbass che la Crimea b) che la Russia stava per attaccare l’Ucraina comunque e c) che l’Occidente unito doveva aiutare l’Ucraina perché solo le forze ucraine stavano impedendo alle ubriache orde russe asiatiche di invadere non solo l’Ucraina, ma anche il resto dell’Europa. Dal momento che l’Ucraina semplicemente non ha alcun piano, questo solleva la questione della motivazione degli Stati Uniti (e, in misura minore, del Regno Unito) per queste mosse. È abbastanza semplice:
  3. Costringere la Russia ad intervenire apertamente per proteggere la popolazione del Donbass dall’inevitabile genocidio che gli ucronazisti inizieranno contro la popolazione della LDNR.

Quanto era buono questo piano? Direi che era un piano molto solido che, per gli Stati Uniti, significava una situazione vantaggiosa per tutti. Ecco come sarebbe dovuto andare:

In primo luogo, le forze ucraine attaccherebbero l’LDNR, probabilmente lungo tre assi: uno tra la città di Gorlovka e Donetsk, uno attaccando frontalmente la vera e propria Donetsk, non per invadere la città, ma per costringere le forze dell’LDNR a proteggere la loro capitale, e uno nel sud con l’obiettivo di raggiungere il confine russo. In questo modo, i difensori dell’LDNR avrebbero dovuto difendere la proprio capitale e, allo stesso tempo, rischiare di essere circondati su due assi. Ricordate che l’LDNR non ha profondità strategica (Donetsk è praticamente in prima linea) e che i difensori dell’LDNR non possono scambiare lo spazio con il tempo.

[Nota a margine: ho visto alcuni “esperti” dire che poiché gli ucraini hanno depositato un numero molto elevato di mine, chiaramente non attaccheranno, poiché perderebbero tempo – e forse uomini – per attraversare questi campi minati. Primo, non c’è modo di sapere se queste mine sono vere o false (molte mine hanno anche un timer, comunque) ma, secondo, più cruciale: una forza d’attacco vuole sempre concentrarsi in una posizione specifica della linea di contatto, il che significa che le forze attaccanti devono non solo attaccare, ma anche proteggersi dai contrattacchi nemici: i campi minati sono molto efficaci nel fornire questo tipo di protezione. Le mosse “difensive” possono formare, e in realtà lo sono, parte integrante di qualsiasi piano offensivo]

Naturalmente, la grande domanda era questa: le forze dell’LDNR potrebbero fermare gli ucronazisti? Ci sono quelli che dicono di sì e quelli che dicono di no. Piuttosto che suggerire una risposta, esaminiamo entrambi questi risultati:

Opzione 1: le forze LDNR fermano con successo l’invasione ucraina:

Questo sarebbe di gran lunga il miglior risultato per la Russia, ma per l’LDNR questo risultato, sebbene migliore di una sconfitta, probabilmente provocherebbe molte morti e distruzioni. Sappiamo che sia l’esercito ucraino che le forze dell’LDNR sono state profondamente riformate e ristrutturate dal 2014. Fondamentalmente, le forze dell’LDNR sono passate dall’essere milizie auto-organizzate e disomogenee ad una forza militare convenzionale capace di operazioni combinate a livello operativo. Sarebbe sufficiente per fermare una forza ucraina più grande? Forse. Ma questo non è affatto certo, non solo perché per cominciare la guerra è una cosa imprevedibile, ma anche perché non abbiamo davvero modo di sapere quanto bene è stato riformato l’esercito ucraino. Se quello che hanno ottenuto è stato lo stesso tipo di “addestramento” dei georgiani negli anni precedenti l’8/08/08, allora c’è un buon motivo per dubitare. I leader dell’LDNR, tuttavia, non si sono impegnati in spavalderia e sciocco sventolio di bandiere, e hanno preso molto sul serio la minaccia, il che ci dice che non erano affatto sicuri di ciò che sarebbe potuto accadere. Ora diamo un’occhiata all’opzione 2:

Opzione 2: le difese LDNR alla fine collassano in una o anche più posizioni:

E se le forze dell’LDNR non fossero riuscite a fermare gli ucraini? A questo punto, la Russia non avrebbe avuto assolutamente altra scelta che intervenire per salvare la popolazione del Donbass (più di mezzo milione dei quali ha già passaporto russo!). Non discuterò qui le opzioni che avrebbe un contrattacco LDNR+Russia, o quanta terra occupata dagli ucronazisti la Russia potrebbe o dovrebbe liberare (non è questo l’argomento). In questo caso, due cose sono assolutamente certe:

  1. La Russia sconfiggerebbe completamente qualsiasi combinazione di forze ucraine.
  2. Gli Stati Uniti/NATO dichiarerebbero uno stato di quasi guerra con la Russia e creerebbero qualcosa di simile al Muro di Berlino lungo qualsiasi linea di contatto risultante da un contrattacco russo.

In questo scenario, il più grande perdente sarebbe, ovviamente, l’Ucraina. Ma il perdente successivo sarebbe la Russia, perché invece di occuparsi “solo” del regime Nazista folle della porta accanto, la Russia dovrebbe ora affrontare un Occidente unito, istericamente paranoico e russofobo. Alla fine di una simile guerra, la Russia dovrebbe affrontare qualcosa di simile a quanto accaduto alla fine della Guerra di Corea: un cessate il fuoco seguito da decenni di tensioni.

Il grande vincitore sarebbero gli Stati Uniti: il loro principale strumento per la colonizzazione dell’Europa (NATO) troverebbe finalmente uno scopo nella vita (fermare i russi, ovviamente), il Nord Stream 2 e altre collaborazioni tra UE e Russia si congelerebbero quasi del tutto, rendendo l’economia europea non competitiva con quella degli Stati Uniti, e il complesso militare-industriale statunitense si divertirebbe a vendere equipaggiamento militare molto costoso, anche se non molto efficace, a tutti i paesi europei. E quella vittoria strategica degli Stati Uniti non costerebbe agli Stati Uniti un solo soldato! Cosa c’è che non va?

Ebbene, per la Russia questo sarebbe un pessimo risultato. Sì, la Russia ha i mezzi per affrontare militarmente sia gli Stati Uniti che la NATO, ma politicamente ed economicamente, questo danneggerebbe gli interessi russi, non in modo critico, ma in modo sostanziale.

Poi c’è questo: l’Ucraina è uno stato fallito completamente deindustrializzato, peggiore di molti paesi africani. Anche se sia all’interno dell’Ucraina che nei media tradizionali occidentali la situazione è stata parecchio edulcorata, la pandemia COVID e le sue orribili conseguenze in Ucraina sono diventate impossibili da nascondere o negare, specialmente per lo stesso popolo ucraino. In questo momento, l’intera Ucraina è come un vaso in un negozio: se lo rompi, diventa tuo e devi aggiustarlo. Anche se escludessimo un risultato in cui i carri armati russi si fermassero ai confini occidentali dell’Ucraina e prendessimo un’opzione a metà strada, dove i russi si fermano al fiume Dnepr, ciò avrebbe enormi conseguenze per i russi, tra cui:

  1. La linea del fronte tra gli ucronazisti e le forze russe+LDNR sarebbe enormemente allungata, ma ogni chilometro di quella linea di contatto dovrebbe essere protetto. Ciò pone la domanda: protetto da chi?
  2. La parte russa erediterebbe improvvisamente diverse grandi città (Chernigov, Kharkov, Poltava, Dnepropetrovsk, Zaporozhia, Mariupol, Berdiansk, ecc.). Non solo i russi dovrebbero ripulire queste città dagli insorti ucraini e dalle forze di difesa, ma la Russia dovrebbe anche ricostruirle e nutrire una popolazione molto più grande dell’attuale popolazione dell’LDNR.
  3. L’economia russa semplicemente non può sopportare il peso di quella che attualmente è un’Ucraina governata dai Nazisti, trasformata in un enorme buco nero che risucchia enormi risorse e non lascia mai che nulla se ne vada (tranne che emigranti ucraini). La Russia sta già attualmente investendo miliardi di rubli per ricostruire la Crimea (che i Nazisti hanno sempre odiato e trascurato – tranne che per costruirsi ville sul Mar Nero) mantenendo a malapena a galla l’LDNR.

È l’Occidente unito (USA+Regno Unito+UE) che ha distrutto l’Ucraina, e i russi ne trarranno vantaggio rendendo l’Occidente responsabile della riparazione di ciò che ha rotto; e ciò non accadrà poiché l’UE non ha i mezzi per farlo adesso, mentre gli Stati Uniti non sono direttamente minacciati da questa situazione, e quindi non hanno motivo di intervenire per assicurarsi che il regime di Kiev rimanga a) rabbiosamente anti-russo e b) totalmente sotto il controllo degli Stati Uniti.

Pertanto, né l’opzione 1 né l’opzione 2 erano auspicabili per la Russia. Quindi Putin ha creato l’opzione tre.

Opzione 3 di Putin:

La risposta apparentemente inarrestabile escalation verso la guerra era qualcosa che nessuno in Occidente si aspettava: Putin ha usato il pretesto di esercitazioni militari regolarmente programmate per aumentare rapidamente e drasticamente le capacità russe vicino all’Ucraina: la Russia ha spostato due armate (la 58a e la 41a) e tre divisioni aviotrasportate (7a, 76a e 98a [tutti i link in inglese]) verso le regioni occidentali della Russia (inclusa la Crimea). I russi hanno anche spostato quasi tutta la loro Flottiglia del Caspio verso il Mar Nero. Altre navi da guerra russe sono entrate nel Mar Nero attraverso il Bosforo. Successivamente, tutti i sei sottomarini diesel-elettrici avanzati del tipo 636.3 (forse i più silenziosi del pianeta, alla normale velocità di crociera producono meno rumore rispetto all’ambiente circostante, trasformandoli in buchi neri acustici) sono andati in pattuglia. Infine, la Russia ha schierato i suoi sistemi missilistici di difesa costiera Bal e Bastion, trasformando l’intero Mar Nero in un poligono di tiro russo. E, soprattutto, la Russia ha fatto tutto ciò in modo molto pubblico, in pieno giorno, annunciando ufficialmente le sue mosse militari e senza nemmeno preoccuparsi di alcun tipo di camuffamento o inganno.

A chi ignorava la realtà militare, sembrava che la Russia stesse “minacciando l’Ucraina”. Questa è una sciocchezza assoluta. Tutto ciò che la Russia deve fare per minacciare l’Ucraina è ricordare agli ucraini che le armi russe a lungo raggio sono sufficienti per annientare l’esercito ucraino, e che la Russia può usare queste armi da lontano, senza spostare alcuna forza. No, il vero oggetto di queste mosse russe non era l’Ucraina, ma l’Occidente stesso, in particolare qualsiasi forza occidentale abbastanza folle da decidere di entrare in guerra e aiutare militarmente l’Ucraina. Perché? Ancora una volta, offrirò la mia visione di come questa situazione potrebbe essersi evoluta:

  1. In primo luogo, gli ucraini attaccano l’LDNR. Le forze dell’LDNR subiscono il colpo iniziale e cercano di contenere l’avanzata ucraina.
  2. I russi dichiarano una no-fly zone sopra l’area delle operazioni, e colpiscono le forze ucraine che avanzano con la loro formidabile potenza di fuoco. Il risultato qui non è in dubbio.
  3. Le nazioni NATO+UE decidono di intervenire, ad esempio inviando diversi battaglioni polacchi in Ucraina. Le forze USA+Regno Unito conducono operazioni di ricognizione volando vicino (o addirittura sopra) la linea di contatto e inviando forze speciali. Dopo alcuni avvertimenti (o meno), i russi decidono di abbattere uno di questi aerei o droni dell’intelligence. L’Occidente decide di “mostrare solidarietà” impegnandosi in attacchi informatici contro la Russia, imponendo ancora più sanzioni e trasportando per via aerea ancora più forze nell’Ucraina occidentale.

A questo punto, USA+NATO+UE e Russia sarebbero sull’orlo di una grande guerra. Ma ecco la cosa cruciale: spostando due armate e tre divisioni aviotrasportate (una forza enorme, molto più grande e più capace di qualsiasi combinazione di forze NATO!) così rapidamente la Russia ha dimostrato alla NATO che può ottenere rapidamente e ovunque un enorme vantaggio numerico, qualsiasi forza NATO possa decidere di attaccare. Al contrario, nessuna nazione NATO ha la capacità di concentrare le proprie forze convenzionali così rapidamente e in qualsiasi punto lungo la linea del fronte.

[Nota a latere: confrontare le dimensioni delle forze implica una “conta dei fagioli”, ed è inutile. Non importa molto quanto sia grande una forza, ciò che conta sono i rapporti di forza lungo i settori chiave della zona avanzata dell’area di combattimento [FEBA, in inglese] o del fronte (supponendo che ci sia un “fronte”, che a volte non esiste realmente) e in un momento specifico nel tempo.]

Inoltre, tenete presente che, a differenza della maggior parte delle forze aviotrasportate occidentali, le forze aviotrasportate russe sono completamente meccanizzate, hanno persino alcuni carri armati, molti veicoli corazzati, la loro artiglieria e la capacità di muoversi molto molto rapidamente (ricordate il Rusbat in Bosnia andare a Pristina quasi dall’oggi al domani?). Le forze aviotrasportate occidentali sono forze d’attacco progettate per rafforzare l’egemonia imperiale occidentale in tutto il mondo, quindi devono essere molto più leggere. I russi non hanno bisogno di inviare forze aviotrasportate oltre il confine, ne hanno bisogno per difendere la Russia e per essere schierate entro meno di circa 1000 Km dalle principali forze russe. Pertanto, la Russia ha “sacrificato” la mobilità strategica delle sue forze aviotrasportate per dare loro una mobilità tattica e operativa e una potenza di fuoco che le forze aviotrasportate occidentali non possono nemmeno sognare. Quindi cosa potrebbero fare queste tre divisioni nel contesto di un attacco ucraino?

Bene, potrebbero fare ciò per cui sono principalmente progettate: schierarsi dietro le linee nemiche, distruggere (o mantenere) obiettivi strategici (come ponti, centrali elettriche, basi missilistiche, ecc.), tenere una posizione strategica o rappresentare una minaccia nelle retrovie degli ucraini. Ma questo trascura l’importante riforma che le forze armate russe hanno subito. Sono anche forze ad alta mobilità e ad alta prontezza che, ad esempio, potrebbero essere schierate per proteggere la forza russa di mantenimento della pace in Transnistria (una tale mossa sarebbe anche protetta dalle capacità di fuoco a lungo raggio sia della Flotta del Mar Nero che delle Forze Aerospaziali Russe). Le unità aviotrasportate russe potrebbero anche essere schierate nelle retrovie ucraine per creare caos e interrompere le linee di rifornimento ucraine. Infine, qualsiasi forza polacca che minacci di intervenire potrebbe essere rapidamente attaccata e distrutta. Ancora una volta, ciò farebbe infuriare i politici occidentali, ed è in questo momento che i russi potrebbero spostare le loro forze oltre il confine per dimostrare che qualsiasi combinazione di forze occidentali verrebbe annientata. Ciò lascerebbe all’Occidente solo due opzioni: arrendersi, o passare al nucleare. E il nucleare non sembra essere un’opzione che l’Occidente vuole esercitare, quindi il ripiegamento sarebbe l’unica opzione praticabile. Per adesso (le cose potrebbero cambiare in futuro, chissà con quanta follia può agire la NATO?).

Infine, Putin ha parlato direttamente all’Occidente nel suo discorso davanti all’Assemblea Federale quando ha detto:

Il significato e lo scopo della politica della Russia sulla scena internazionale – mi limiterò a dire alcune parole per concludere il mio intervento – è garantire la pace e la sicurezza per il benessere dei nostri cittadini, per lo sviluppo stabile del nostro paese. La Russia ha certamente i suoi interessi, che difendiamo e continueremo a difendere nel quadro del diritto internazionale, come fanno tutti gli altri stati. E se qualcuno rifiuta di capire questa cosa ovvia, o non vuole condurre un dialogo e sceglie con noi un tono egoista e arrogante, la Russia troverà sempre un modo per difendere la sua posizione.

Allo stesso tempo, purtroppo, tutti nel mondo sembrano essere abituati alla pratica delle sanzioni economiche illegali e politicamente motivate e ai brutali tentativi di alcuni attori di imporre la propria volontà agli altri con la forza. Ma oggi, questa pratica sta degenerando in qualcosa di ancora più pericoloso – mi riferisco all’interferenza diretta recentemente esposta in Bielorussia nel tentativo di orchestrare un colpo di Stato e assassinare il presidente di quel paese. Allo stesso tempo, è tipico che anche azioni così flagranti non siano state condannate dal cosiddetto Occidente collettivo. Nessuno è sembrato accorgersene. Tutti fingono che non stia succedendo niente.

Ma ascoltate, potete pensare quello che volete del presidente ucraino [Viktor] Yanukovych o di [Nicolás] Maduro in Venezuela. Ripeto, possono piacervi o non piacervi, incluso Yanukovych, che è stato quasi ucciso anche lui e rimosso dal potere con un colpo di Stato armato. Potete avere la vostra opinione sulla politica del Presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko. Ma la pratica di organizzare colpi di Stato e pianificare omicidi politici, compresi quelli di alti funzionari, beh, questo va troppo oltre. Questo è oltre ogni limite.

Basti menzionare l’ammissione fatta dai detenuti partecipanti alla cospirazione riguardante un assedio pianificato di Minsk, compresi i piani per bloccare le infrastrutture e le comunicazioni della città e un arresto completo dell’intero sistema elettrico nella capitale della Bielorussia! Ciò significa che in realtà stavano preparando un massiccio attacco informatico. Cos’altro potrebbe essere? Sapete, non si può fare tutto con un solo interruttore.

Chiaramente, c’è una ragione per cui i nostri colleghi occidentali hanno rifiutato ostinatamente le numerose proposte della Russia di stabilire un dialogo internazionale sull’informazione e la sicurezza informatica. Abbiamo elaborato queste proposte molte volte. Evitano persino di discutere di questo argomento.

E se ci fosse stato un vero tentativo di colpo di Stato in Bielorussia? Dopotutto, questo era l’obiettivo finale. Quante persone sarebbero state ferite? Che ne sarebbe stato della Bielorussia? Nessuno ci pensa.

Così come nessuno pensava al futuro dell’Ucraina durante il colpo di Stato in quel paese.

Nel frattempo, anche le mosse ostili verso la Russia sono continuate senza sosta. Alcuni paesi hanno intrapreso una routine sconveniente in cui prendono di mira la Russia per qualsiasi motivo, il più delle volte senza motivo. È una specie di nuovo sport a chi grida più forte.

A questo proposito ci comportiamo in maniera estremamente contenuta, direi anche modestamente, e lo dico senza ironia. Spesso preferiamo non rispondere affatto, non solo a mosse ostili, ma anche a vera e propria maleducazione. Vogliamo mantenere buoni rapporti con tutti coloro che partecipano al dialogo internazionale. Ma vediamo cosa sta succedendo nella vita reale. Come ho detto, ogni tanto se la prendono con la Russia, senza motivo. E, naturalmente, tutti i tipi di piccoli Tabaqui corrono intorno a loro come Tabaqui correva intorno a Shere Khan – tutto è come nel libro di Kipling – ululando per rendere felice il loro sovrano. Kipling è stato un grande scrittore.

Vogliamo davvero mantenere buoni rapporti con tutti coloro che sono impegnati nella comunicazione internazionale, inclusi, tra l’altro, quelli con cui non siamo andati d’accordo ultimamente, per usare un eufemismo. Non vogliamo davvero bruciare i ponti. Ma se qualcuno scambia le nostre buone intenzioni per indifferenza o debolezza, e intende bruciare o addirittura far saltare questi ponti, deve sapere che la risposta della Russia sarà asimmetrica, rapida e dura.

Chi sta dietro alle provocazioni che minacciano gli interessi fondamentali della nostra sicurezza si pentirà di ciò che ha fatto in un modo in cui non si sono pentiti di nulla per molto tempo.

Putin minaccia molto raramente, ma quando lo fa, le persone ascoltano, perché capiscono che i suoi avvertimenti non sono mai un bluff e che quando promette qualcosa ha i mezzi per realizzare la sua minaccia (in questo caso, 2 Armate combinate e 3 Divisioni aviotrasportate, il tutto sostenuto dalle armi russe a lungo raggio e ipersoniche e, se tutto il resto fallisce, dalla triade nucleare più moderna e potente del pianeta). Per quanto riguarda quella che sarebbe una “linea rossa” russa, Putin ha deciso di lasciare deliberatamente questo punto ambiguo solo dicendo che “devo solo metterlo in chiaro, abbiamo abbastanza pazienza, responsabilità, professionalità, fiducia in noi stessi e certezza nella nostra causa, così come il buon senso, quando si prende una decisione di qualsiasi tipo. Ma spero che nessuno pensi ad oltrepassare la “linea rossa” nei confronti della Russia. Determineremo noi stessi in ogni caso specifico dove verrà disegnata”. Il punto di questa ambiguità strategica è lasciare che l’Occidente indovini quando è sicuro fare una mossa e quando no. Questo molto semplicemente massimizza l’effetto deterrente del resto del suo discorso.

E oggi i russi hanno “chiarito” che lo Stretto di Kerch non è chiuso al traffico, nemmeno quello ucraino. “Tutto” quello che la Russia ha fatto è stato dichiarare alcune zone di esclusione per scopi di esercitazioni militari, ma il traffico sotto il Ponte di Crimea rimane aperto. Giusto. E quanto tempo impiegherà la Russia per richiudere (veramente) quello stretto? Minuti. Questa minaccia inespressa è principalmente una minaccia agli ucraini, che mostra loro quanto sarebbe facile per la Russia interrompere le loro linee di comunicazione se minacciassero la Russia.

Sì, Putin ha vinto questo round in modo abbastanza elegante, senza che un solo soldato russo morisse. Ma il problema è che questo innegabile successo russo non risolve davvero nulla. Sono ancora presenti tutte le cause che hanno portato il regime ucronazista a portare l’intera regione sull’orlo del baratro. All’interno dell’Ucraina non è cambiato nulla e, semmai, le cose sono anche peggio: censure totali dei canali televisivi dell’opposizione, persecuzioni politiche (comprese torture e rapimenti), la stessa retorica bellicosa. L’economia è in rovina e gli ucraini emigrano a milioni (sia in Russia che nell’UE), gli squadroni della morte Nazisti continuano a godere della totale impunità e, naturalmente, la catastrofe totale del COVID (l’Occidente dà agli ucraini armi letali da usare contro i russi, ma nessun vaccino, e molte più persone muoiono di COVID in Ucraina di quante ne muoiano in prima linea! Questi sono i “valori” “europei” e “occidentali” al lavoro…)

Certo, sembra che una combinazione di riserve europee e il rischio che i membri dell’élite al potere a Kiev vengano fisicamente eliminati dagli attacchi russi, possibilmente combinata con la realizzazione da parte dell’amministrazione “Biden” che un’esplosione totale nell’Ucraina metterebbe a dura prova le relazioni USA-Europa (ci saranno molte colpe da affibbiare) abbia provocato l’attuale de-escalation.

Purtroppo, e nonostante l’attuale tregua, una sorta di guerra tra Russia e Ucraina è probabilmente ancora inevitabile. In questo momento, la maggior parte delle forze russe stanno tornando alle loro normali aree di schieramento, probabilmente alcune resteranno. Possiamo anche essere sicuri che i russi effettueranno un importante riesame dopo l’azione, per scoprire cosa è andato storto e cosa dev’essere cambiato. Di conseguenza, la prossima volta, i russi muoveranno le loro forze ancora più velocemente.

Ma per quanto riguarda gli Stati Uniti, i loro scagnozzi della NATO e il regime ucronazista?

Gli Stati Uniti stanno ancora cercando di riprendere il controllo di una situazione internazionale che è chiaramente andata totalmente fuori controllo per l’aspirante Egemone mondiale. Ancora più importante, la situazione interna degli Stati Uniti è veramente critica, con molte crisi molto gravi che si verificano simultaneamente. Sì, i media statunitensi abbelliscono molto la situazione, ma la maggior parte delle persone vede e sa cosa sta realmente accadendo. Il che significa che gli Stati Uniti sono tanto deboli quanto instabili. Infine, a giudicare dalle scarse capacità intellettuali dei decisori statunitensi, dovremmo sempre aspettarci qualcosa di sciocco o addirittura pericoloso, o entrambi, da questa amministrazione e dai pazzi del Woke (soprattutto perché la “diversità” ha ormai completamente sostituito la “competenza”).

La NATO e l’UE sono in un vicolo cieco. Mentre alcuni paesi diventano “totalmente pazzi” (la Repubblica Ceca e il solito 3B+PU) altri stanno disperatamente cercando di tenere le cose insieme (Germania). Per quanto riguarda il regime di Kiev, mantiene a malapena il potere, e non ha altra scelta che raddoppiare più e più volte. Fondamentalmente, la giunta a Kiev continuerà ad incolpare la Russia di assolutamente tutto e niente (circa il 99% di ciò che la classe politica ucraina fa oggigiorno è odiare la Russia e minacciare di sconfiggere la Russia militarmente).

Niente di tutto ciò si qualifica come “pace” nel senso più significativo del termine (le persone muoiono ogni giorno, quasi tutte civili). Peggio ancora, le stesse cause possono solo portare agli stessi risultati, e nessuno può fare molto poco per cambiare questo. Quindi, nella migliore delle ipotesi, ciò che stiamo vedendo è solo una tregua. Ma finché una banda di teppisti Neonazisti continuerà a detenere il potere a Kiev, la guerra sarà quasi inevitabile. La vera pace arriverà solo quando gli ucronazisti saranno morti, incarcerati o tornati in Canada. Fino ad allora non ci sarà pace, solo varie gradazioni di guerra.

Il Saker

*****

Pubblicato su The Saker.is il 25 aprile 2021
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: