Cari amici,

Innanzitutto, un piccolo annuncio: sto lavorando con alcuni amici per cercare di pubblicare una “SITREP Operazione Z” quotidiana nella nostra sezione SITREP. Conterrebbe le ultime notizie e le mappe che tanto piacciono a molti. E’ ancora un lavoro in fase di pianificazione, ma spero di poter iniziare ragionevolmente presto.

Poi, secondo fonti cecene, le forze speciali cecene sono entrate nella fabbrica Azovstal di Mariupol. Questa è un’affermazione troppo importante per essere accettata alla leggera, ma ci sono molte segnalazioni indirette che sembrano confermarne la veridicità. Se è così, significa che la maggior parte delle aree residenziali di Mariupol sono state liberate dai terroristi nazisti del Battaglione Azov. Se l’operazione di combattimento all’interno o vicino agli edifici dell’Azovstal è ancora in corso, significa che molto presto Mariupol sarà denazificata, il che, considerando che le forze naziste all’interno della città erano solo le unità più malvagie e tuttavia abbastanza capaci di combattere a disposizione del regime ucronazista, la liberazione finale di Mariupol significherà molto per l’intera operazione.

Guardate questo video di Gonzalo Lira per avere un quadro completo del perché Mariupol è così cruciale.

Questa è una foto del capo delle forze speciali cecene della guardia nazionale russa, Adam Delimkhanov, che coordina le attività di combattimento questo pomeriggio a Mariupol (guardate qui  e qui [entrambi i link in inglese]) per vedere quanto l’Occidente odia quest’uomo!)

A proposito di Gonzalo Lira, sono estremamente preoccupato per lui: ha detto che avrebbe pubblicato un report YT ogni 12 ore, e ormai ne sono passate sedici (16!). E, considerato questo [in inglese], aspetto francamente con ansia che dia un segno di vita. Gonzalo, se leggi queste parole (chi lo sa?) ti consiglio di cercare di andartene, se possibile, verso le linee russe. Se qualcuno ha la sua email, per favore me la mandi, vorrei contattarlo.

Se avete notizie da/su di lui, per favore fatemelo sapere.

Passando ora alla Zona A:

Questo è il genere di cose che si possono vedere nella metropolitana di Londra, mi è stato detto.

Vero o falso? Chissà, ma il punto è che racchiude praticamente la tradizionale visione britannica del popolo russo. Ancora una volta, questi tipi di “coming out” sono straordinariamente importanti per il futuro della Russia, quindi li incoraggio.

Il che mi porta alla narrazione ufficiale.

Penso che finalmente si stia rompendo. Qua e là nei media ufficiali ci sono articoli su alcuni casi falsi ucraini, altri articoli mettono in dubbio la saggezza di entrare in guerra con la Russia per quello che è un paese 404 Nazista, morto e corrotto.

Le notizie sulla perdita di un milione di carri armati, soldati, missili e uomini russi vengono via via sostituite da valutazioni più sobrie, e le mappe prodotte dalle testate occidentali iniziano gradualmente ad assomigliare più o meno alle mappe prodotte dalle varie “fonti di propaganda Putin ”.

Vedo due cose in arrivo:

  • La tanto annunciata “atrocità russa” sotto falsa bandiera (molte sono fallite negli ultimi giorni, inclusa una chimica) è stata sventata quando il vento ha soffiato nella direzione “sbagliata”, cioè lontano dalla città presa di mira.
  • La Polonia cercherà di convincere gli Stati Uniti a permettergli di nascondersi dietro lo Zio Shmuel, e condurre una “operazione di mantenimento della pace” per creare un mini-Banderastan nell’Ucraina occidentale.

Ora non ho alcun dubbio sul fatto che gli USA vogliano tre cose:

  1. Una guerra che duri il più a lungo possibile
  2. Quante più vittime civili possibile
  3. Inondare l’Ucraina di armi, per poi dirigere un’insurrezione “stay-behind”.

Non sono affatto convinto che gli USA aderiranno al piano polacco. Perché? Perché credo che un attacco di Iskander russo ALL’INTERNO DELLA POLONIA (simile a quelli che abbiamo visto a Iavorov, al deposito di munizioni a Kiev e a Novaja Ljubomirka) sia una quasi certezza (ricordate: la Russia È pronta a combattere sia la NATO che gli Stati Uniti insieme!). A proposito – quello di Iavorov ha fatto saltare in aria un’enorme deposito di munizioni che è stato sepolto sotto 60 metri di roccia. Non ho alcuna spiegazione su come ciò sia stato ottenuto. Qualcuno ce l’ha?

La conclusione è che se i polacchi organizzano un altro piccolo “campo di addestramento per il mantenimento della pace”, e pensano che i russi non oseranno colpire un paese della NATO, si sbagliano di grosso. Probabilmente sono troppo stupidi/deliranti per rendersene conto, ma la gente del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti probabilmente no, e non ne ha bisogno. Perché, proprio perché membro della NATO o meno, articolo 5 o meno, nessuno verrà ad aiutare i polacchi contro l’ira dell’intero esercito russo, gli uomini e le risorse necessarie non sono comunque lì…

A meno che i russi e gli americani non accettino una spartizione dell’Ucraina. Non probabile, ma sempre possibile. Quasi sicuramente accadrà comunque, l’unico modo per impedirlo sono i carri armati russi al confine polacco, e non solo per una rapida visita, ma per creare qualcosa come la Base 201 in Tagikistan.

Ad ogni modo, non anticipiamo troppo, tutto questo è ancora nel futuro.

Volete farvi una bella risata?

No, questo non è un pesce d’aprile in anticipo!

Ecco quanto è scesa in basso la CNN: date un’occhiata a questo titolo davvero inestimabile: due volte avvelenato e ancora molto vivo, sorprendente! Gli “assassini della guerra biologica” russi hanno davvero bisogno di più addestramento se non possono nemmeno uccidere un uomo, ma uccidono i suoi animali domestici (Skripal), non riescono ad avvelenare un cittadino russo in Russia (Navalnyj) e non riescono a uccidere questo tizio (il suo nome è Vladimir Kara-Murza, è un criminale comune) DUE VOLTE!

Gli assassini del KGB non sono più quelli di una volta…

E gli eventi in prima linea?

Non entrerò nei dettagli, ma offrirò un elenco puntato:

  • Combattimenti molto pesanti vicino ad Avdeevka e Mariupol.
  • Combattimenti praticamente ovunque sulla linea di contatto, il che si traduce in una lenta guerra di posizione con scambi di artiglieria e un rastrellamento molto attento edificio per edificio, e persino stanza per stanza.
  • In media le forze russe avanzano tra i 5 ei 20 chilometri al giorno, il che è piuttosto veloce contro una difesa in profondità preparata da anni.
  • Le città chiave di Kiev e Odessa sono quasi completamente bloccate, ma non ancora completamente circondate.
  • La Flotta del Mar Nero controlla sostanzialmente l’intera costa ucraina e tutto lo stesso Mar Nero.
  • La flotta del Mar Nero impedisce anche qualsiasi rifornimento di Odessa dalla Romania.
  • La Russia ha la piena superiorità aerea sull’intero spazio aereo ucraino
  • Gli ucraini stanno ANCORA lanciando missili Tochka-U e Grad/Smrech in direzione delle città liberate solo per creare quante più vittime possibili, ma i russi sono diventati molto abili non solo nell’abbattere questi missili (il rapporto di distruzione si è alzato molto bruscamente) ma anche una distruzione dei principali depositi di munizioni ucraini dove nascondono quei missili (questo è quello che è successo con il grande edificio nel centro di Kiev che i russi hanno completamente vaporizzato con un missile Iskander perfettamente mirato). Se non avete visto questo fantastico video, potete rivederlo rapidamente qui:

Ed ecco un video di cosa nascondevano gli Ucraini sotto questo edificio commerciale (foto di un residente locale, che da allora l’SBU ucraina ha fatto scomparire):

E, infine, voglio condividere con voi una cosa molto importante: le forze ucronaziste non possono rifornirsi o darsi il cambio. Perché?

  • Perché muoversi quando l’aria è piena di Mi-24/35, Mi-28N e Ka-52 in modalità “caccia libera” richiede un tipo di coraggio che pochissime persone hanno.
  • Perché la maggior parte delle strade è attentamente monitorata da ricognizione/intelligence russa multisensore
  • Perché strade più grandi (non è possibile utilizzare piccole strade sterrate per rifornirsi o ruotare in modo efficace) sono già controllate fisicamente dai russi o sono “sparate”, che in russo indica che appena i soldati russi si raggiungono e si abbracciano possono sparare a qualsiasi posizione da queste strade da qualsiasi lato.

Quindi non importa quanto siano motivati gli ucraini. Anche supponendo che il 100% degli ucraini sia ben addestrato, ben armato e preferirebbe morire piuttosto che ritirarsi o arrendersi, hanno comunque bisogno di molte TONNELLATE di cose (cibo, munizioni, acqua, MRE, medicine, batterie, petrolio, diesel, lubrificanti, olio e tante altre cose!) TUTTI I GIORNI. Giusto per darvi un’idea, leggete questa discussione abbastanza decente su alcuni aspetti della logistica da parte dell’esercito americano [in inglese].

Quindi, una volta che gli ucraini verranno bloccati dai russi, per loro è praticamente finita. Chiunque abbia una conoscenza di base della guerra moderna può confermarvelo.

Aggiungete che nel primo giorno la Russia ha distrutto tutti i centri di comunicazione e le capacità ucraine nelle prime ore dell’operazione, e vedrete che anche se la parte ucraina ha “brigate” e “battaglioni”, questi sono tutti indeboliti e, soprattutto, non possono collaborare tra loro. In altre parole, non possono manovrare insieme per sostenersi a vicenda.

Per dirla nei termini più semplici, gli ucraini non sono in grado di condurre alcuna operazione, ed è per questo che tutti i loro cosiddetti “contrattacchi” falliscono sempre, e per lo più non si sono nemmeno concretizzati. Nella migliore delle ipotesi, possono distruggere un posto di blocco russo, far saltare in aria un camion o addirittura abbattere un elicottero, ma niente di tutto ciò risolve il loro vero problema, che è che ora sono per lo più ridotti al tipo di guerra della Prima Guerra Mondiale contro delle forze armate ultramoderne del 21° secolo che hanno il controllo totale della situazione.

Questo è tutto per oggi. Devo davvero fermarmi perché ho una lesione da stress ripetitivo (RSI) che mi ruggisce nella mano destra perché passo troppo tempo sulla mia tastiera. Uso già un tutore per proteggere il pollice, ma neanche quello aiuta. Quindi timbrerò il cartellino e tornerò domani, a Dio piacendo.

Cordiali saluti

Il Saker

PS: ho trovato una mappa molto decente della situazione su Telegram (il posto dove andare per buone informazioni!). Qualcuno sa da dove proviene questa mappa?

*****

Pubblicato su The Saker.is il 22 marzo 2022
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: