Il parlamento ucraino ha presentato [in ucraino] la sua bozza di bilancio nazionale per il 2020. Include oltre 245 miliardi di grivnie (circa 9,9 miliardi di dollari) per la sicurezza e la Difesa. L’incremento di quasi il doppio del bilancio militare del Paese è stato annunciato in un briefing dal Ministro delle Finanze Oksana Markarova, secondo quanto riferito dall’UNN.

“Abbiamo in programma di assegnare 245,8 miliardi a varie branche coinvolte nella sicurezza e nella Difesa”, ha detto. Allo stesso tempo, il ministro ha chiarito che non tutta questa cifra sarà distribuita a manager specifici.

“Questi sono i fondi che dovrebbero essere ridistribuiti dal Consiglio di Sicurezza e di Difesa Nazionale”, ha aggiunto la Markarova.

“Stiamo aumentando il costo del lavoro e la sicurezza del denaro”, ha detto il ministro. “Un aumento della sicurezza e della Difesa è una delle priorità principali”.

Il 15 settembre, il Gabinetto dei Ministri del paese ha introdotto nella Verchovna Rada il progetto di legge n. 2000 “Sul bilancio statale dell’Ucraina per il 2020”. Sul sito web del parlamento, il suo testo o documenti giustificativi non sono ancora stati pubblicati.

L’UNIAN ha osservato che il progetto si basa sull’attuale macroprevisione [in inglese] con un tasso di cambio di 28,2 grivnie per dollaro e prevede entrate per un importo di 1.170 trilioni di grivnie e spese per 1.170 trilioni di grivnie.

La bozza di bilancio dell’Ucraina per il 2019 prevedeva circa 101,4 miliardi di grivnie per le esigenze del Ministero della Difesa. Il Consiglio dei Ministri ha proposto di indirizzare 657 milioni di grivnie alla leadership e alla gestione militare delle forze armate del paese.

Il 25 settembre, l’amministrazione Trump dovrebbe sbloccare 250 milioni di dollari in aiuti militari all’Ucraina.

Come rilevato [in inglese] da Politico, l’importo è stato congelato poiché il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha richiesto un’analisi per stabilire se la destinazione degli aiuti fosse in linea con gli interessi nazionali degli Stati Uniti. Il denaro è destinato all’acquisto di attrezzature e armi militari, nonché alla fornitura di servizi che miglioreranno le capacità delle forze armate ucraine, ha affermato l’ambasciata ucraina negli Stati Uniti.

Allo stesso tempo Bloomberg, citando fonti anonime, ha riferito [in inglese] che il governo ucraino ha in programma di chiedere un altro prestito al Fondo Monetario Internazionale (FMI). Questa volta il valore sarà di 5 miliardi di dollari.

Zelensky Administration Drastically Increases Military Spending Despite Peace Rhetorics

L’aumento delle spese per la Difesa ha chiaramente lo scopo di accelerare i preparativi per una guerra aggressiva. Ciò è in netto contrasto con le affermazioni del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj secondo cui l’Ucraina attualmente desidera normalizzare la situazione nell’Ucraina orientale.

Se l’obiettivo è la pace, perché sono necessari così tanti investimenti nella Difesa, specialmente quando il paese chiaramente non ha fondi, a giudicare dalle voci di un altro prestito dell’FMI?

Recenti analisi e rapporti mostrano inoltre che, nonostante lo scambio di prigionieri 35 per 35, che è stato un “cambiamento tettonico”, e il “cessate il fuoco del raccolto”, si sta realizzando molto poco per ottenere la pace.

La situazione nell’Ucraina orientale rimane terribile, con continui bombardamenti e aggressioni, che vengono per lo più iniziati dalle forze armate ucraine.

Inoltre, l’annunciato “disarmo” dei “battaglioni volontari” infestati dai Nazisti li ha lasciati con metà delle loro armi al loro posto, ed è evidente che non sono stati ritirati dalla prima linea com’era stato suggerito in precedenza.

*****

Pubblicato da Southfront il 16 settembre 2019
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

Condivisione: