Quando Petro Porošenko diventò inaspettatamente Presidente dell’Ucraina, aveva due strade davanti…

Il percorso a destra si basava sui nazisti russofobi all’interno del paese e sul perseguire una politica anti-russa nell’arena internazionale. Il cammino verso sinistra dettava un compromesso con il Sud-Est, anche a prezzo dell’indipendenza informale del Donbass, e un tentativo di migliorare i rapporti con la Russia nelle nuove condizioni post Maidan.

Il secondo percorso corrispondeva agli interessi statali dell’Ucraina (almeno dava la possibilità di preservarsi come Stato), ma era incommensurabilmente più difficile. Inoltre, non concedeva nulla a Porošenko personalmente, o almeno nulla che Porošenko considerasse importante. Se avesse percorso questa strada e avesse vinto, avrebbe meritato la gloria di eminente statista che ha salvato un paese sull’orlo dell’abisso. Se l’avesse seguita e perso, sarebbe stato ricordato come la persona che ha cercato di fermare il “diluvio”, ma che non ci è riuscito per cause di forza maggiore.

Tutto ciò non interessava a Porošenko. Era interessato solo all’opportunità di aumentare nettamente le sue fortune (che non erano già proprio piccole). In linea di principio, tutte le azioni di Porošenko (come, a proposito, della stragrande maggioranza dei suoi complici del Maidan – quelli che sono sia noti a tutti, che non noti a nessuno) testimoniano una certa deficienza. Tutti loro si sono gettati sull’arrivare al potere ad ogni costo (ma non tutti ci sono riusciti) e aspiravano ad usare il potere per un impetuoso arricchimento personale, cercando di superare le più antiche famiglie aristocratiche e le più ricche dinastie finanziarie dell’Occidente in termini di volume di beni, dimensioni di palazzi e insipido lusso plebeo.

Si sono comportati come persone che nella loro infanzia e gioventù erano disprezzate dai loro compagni di classe, non amate dai loro genitori, che pensavano che quelli sopra di loro sottovalutavano i loro talenti, e che ora cercano di dimostrare come questo mondo si sia sbagliato su di loro. Lo fanno come sono in grado di farlo, in base a come comprendono il concetto di successo – cercano di diventare i più ricchi, perché secondo loro tutto può essere comprato con il denaro: potere, rispetto delle persone, intelletto e persino bellezza e gioventù.

Non sono soli nelle loro illusioni. Queste persone esistono in tutti i paesi. Sono proprio loro che inventano leggende su governi mondiali segreti composti da proprietari di tutte le capitali terrestri che non sono noti a nessuno, e per i quali quelli che hanno la parte dei miliardari, dei re e dei presidenti sono solo impiegati.

E ce ne sono molti anche in Russia – sia nell’ambiente dell’opposizione “liberale” che di quella “patriottica” (compresa la “sinistra”). Lottano contro il loro stesso Stato, collegando il loro successo personale alla sua sconfitta e distruzione. Ma è solo in Ucraina che si è potuta portare avanti per 25 anni una selezione negativa ed efficace dell’élite che, di conseguenza, è interamente composta da persone moralmente corrotte, semi-competenti, ma terribilmente ambiziose, che sono pronte, pur di primeggiare, ad uccidere chiunque sia più intelligente, più onesto, più bello e più efficiente di loro – almeno in qualcosa. E Porošenko è il primo di esse.

Ed è proprio per questo motivo che ha scelto il primo percorso – il cammino verso destra, verso la guerra e gli omicidi, e verso la distruzione dello Stato e la liquidazione dei mezzi di sussistenza di 43 milioni (al momento del suo arrivo a potere, già senza Crimea) di persone. Questo era il percorso più facile e con meno rischi (inizialmente). Nel piano politico c’era solo la necessità di andare a valle, senza interferire nella guerra civile e sostenendo l’Unione Europea e l’attacco degli Stati Uniti alla Russia. Sul piano personale apparvero opportunità illimitate per la ripartizione di beni già divisi in suo favore, e per il travaso di denaro dai bilanci dello Stato alle proprie tasche.

Il sogno dell’idiota si è avverato?

Vi starete chiedendo: perché “idiota”, se ha così abilmente risolto i suoi problemi? Anche se i suoi propositi erano immorali, li ha raggiunti comunque. Risposta: perché era chiaro sin dall’inizio che il suo successo era temporaneo. Rifiutandosi di controllare gli eventi, è diventato dipendente dalle probabilità, ed era chiaro che queste probabilità non erano dalla sua parte.

È riuscito a non capire che la politica dell’UE e degli Stati Uniti nei confronti della Russia sarebbe cambiata inevitabilmente se Mosca non avesse ceduto entro due-tre anni. La strategia di sopprimere la Russia adottata dalla squadra Obama-Clinton era la strategia di un blitzkrieg geopolitico. La crisi sistemica che minava le basi della potenza americana era già in pieno svolgimento, e l’Occidente non poteva giocare una partita lunga. Era possibile sottovalutare quanto fosse solida e consolidata la Russia. Alla fine, anche i politici e gli analisti degli Stati Uniti (compresa la loro “grande” comunità di intelligence e persino le più “eccezionali” strutture analitiche private) hanno ritenuto che “Putin bluffava”.

Tuttavia, è impossibile non capire che avendo distrutto le fondamenta della vita della tua gente, e allo stesso tempo approfittando apertamente della morte dello Stato, diventi tutto così tossico che il consenso degli stessi “cattivi ragazzi” insoddisfatti (di cui una volta hai fatto parte anche tu, quando sognavi di diventare un giorno presidente) verrà rapidamente creato all’interno del paese, e i partner esterni non si metteranno in fila per amore di uno straniero ingenuo che ha cercato invano di attaccarsi al loro mondo borghese. Non ha importanza per loro come si chiama il leader locale e quale titolo ha.

http://www.stalkerzone.org/wp-content/uploads/2018/07/1019378460.jpg

Come Igor Kolomoiskij – offeso da Porošenko nei suoi più profondi affetti – ama dire: “È necessario rubare i profitti degli altri”. I banditi precedenti erano meno sofisticati, e lo formulavano in modo più specifico: “È necessario essere in grado di dividerli con gli altri” – se non con le persone, almeno con l’oligarchia dominante. Almeno qualcuno, almeno qualche classe sociale, almeno qualche gruppo sociale deve sostenerti, rendendosi conto che qualsiasi governo, tranne il tuo, sarà una catastrofe per loro.

Porošenko non solo non lo ha capito, non lo ha nemmeno presunto e non ci ha riflettuto sopra. Era sicuro che se davvero fosse riuscito ad arrivare alla presidenza, poi tutto sarebbe stato meraviglioso: l’Occidente lo avrebbe aiutato semplicemente per immemorabile russofobia, e avrebbe moltiplicato l’opposizione interna per zero, appoggiandosi alle risorse dell’Occidente, incluso il suo sostegno politico. A causa del suo egocentrismo, Porošenko non riusciva nemmeno immaginare che l’Occidente potesse allontanarsi da lui e sostenere qualche altro politico ucraino. Dopotutto, Porošenko è così compiacente, così arrendevole, così lusinghiero e tenero, e così veloce ad afferrare le istruzioni. E il fatto che rubi… Vabbè, anche gli altri ruberanno.

In particolare, Porošenko non riusciva a credere che l’Occidente potesse allontanarsi dall’Ucraina in generale. Ma non può essere criticato per questo, dal momento che tutte le élite ucraine non sono state in grado di crederci per un lungo periodo di tempo. Anche ora, l’Ucraina spiega il cambiamento di atteggiamento dell’Occidente nei suoi confronti dicendo che “Putin ha comprato tutti”. Inoltre, questo non è ancora creduto da tutti in Russia (e non solo tra i “principali esperti di tutte le questioni sui social network”, ma anche tra persone abbastanza sensibili che hanno una specifica istruzione ed esperienza lavorativa).

Ancora una volta, ripeterò: il fatto che circostanze oggettive si siano sviluppate contro Porošenko non è colpa sua – capita a tutti. La sua colpa e anche il problema è che, avendo scelto la via più facile, si è rifiutato di controllare le circostanze, lasciandosi alla mercé delle probabilità. Ma le probabilità sono state gentili con Porošenko già per molto tempo; gli hanno permesso di raccattare miliardi e diventare presidente. Una persona ragionevole sarebbe cauta, penserebbe che il sentiero una volta in cima possa solo scendere, ma Porošenko è stato tradito da una malattia caratteristica dell’élite ucraina – accusa insufficienza intellettuale.

Se lui, come Tatjana Čornovol, soffre di un disturbo mentale documentato, allora non ci sono problemi. Le persone disabili hanno l’immunità giudiziaria, ma alla domanda come ha ottenuto questo lavoro – lasciate che risponda la Nuland, poiché è stata lei a raccomandarlo per il lavoro. Ma la stupidità non è una circostanza che ti assolve in nessun codice penale. Ecco perché molto prima della scadenza del suo mandato presidenziale, già a metà del 2016, Porošenko non dubitava che una perdita di potere per lui avrebbe inevitabilmente portato alla perdita di proprietà, capitale, libertà e, molto probabilmente, della sua vita. È troppo odiato dal popolo (anche dall’oligarchia dominante) e il governo che verrà ha bisogno di un capro espiatorio.

Tuttavia, Porošenko ha anche fatto un grosso errore riguardo alla questione del preservare il suo potere. Anche se aveva ancora l’opportunità di organizzare la soppressione forzata dei suoi avversari (usando un colpo di Stato informale), ha avuto paura della reazione dell’Occidente a tale arbitrarietà, e sperava che l’Occidente proibisse comunque di nuocergli. Ma, nel momento in cui l’Occidente ha chiarito che non gl’importava, le opportunità di Porošenko di usare la forza si sono molto limitate, e forse anche più limitate di quanto lui si rendesse conto.

http://www.stalkerzone.org/wp-content/uploads/2018/07/1020587909.jpg

È per questo che oggi Porošenko scommette sia sul bloccare le elezioni che sul vincerle. Questo può sembrare un’assurdità. Cosa può fare qualcuno che è odiato letteralmente da tutto il paese e la cui squadra ha già iniziato ad abbandonarlo? Ma è necessario capire che abbiamo a che fare con un politico ucraino, e che i politici ucraini credono in qualsiasi assurdità. Dopo tutto, Janukovyč credeva che se non avesse disperso il Maidan [in inglese] che l’Occidente aveva organizzato per ucciderlo, allora l’Occidente avrebbe capito che non era affatto un cattivo ragazzo, e che era in grado di dare l’ordine di disperdere il Maidan più tardi.

Bene, e se qualcuno sta per annullare/vincere le elezioni, allora devono avere la strategia corrispondente. E qui è necessario rendere omaggio a Porošenko. Penso che la ragione per cui ha fatto una scelta logica nella sua situazione non è perché ha una grande mente, ma piuttosto perché ha una visione limitata che non gli permette di trovare mosse non convenzionali. Una scelta a favore della coerenza. Si è spostato di nuovo sul sentiero a destra.

Porošenko ha iniziato a giocare a un gioco chiamato “non si cambia cavallo mentre si attraversa il torrente”. Il paese è in crisi, è in guerra, la Patria è in pericolo e solo i mercenari di Putin possono opporsi al presidente in una tale situazione.

Ma la gente in Ucraina si è già abituata ad un lento conflitto nel sud-est del paese, e la nitidezza dei loro sentimenti in relazione al “cambio di nazionalità” della Crimea è diventata più diretta. Inoltre, le persone hanno scoperto che è possibile andare in Crimea in vacanza come prima [in inglese], solo che è diventata più confortevole e c’è più ordine. La maggior parte degli ucraini è pronta a rinunciare alla Crimea e al Donbass in modo che il dollaro, i servizi pubblici e gli stipendi diventino “come se fossero sotto Janukovyč”. Pertanto, le persone in Ucraina devono avvertire un pericolo nel luogo in cui vivono, direttamente sotto le finestre della loro casa.

Per questo Porošenko è pronto a commettere gravi e sanguinose provocazioni, che gli darebbero un motivo formale per appellarsi ai sentimenti patriottici della popolazione, accusando i suoi concorrenti di cedere gli interessi dello Stato. E se questo non aiuta, allora è sempre possibile ricordare che le elezioni non si possono tenere in condizioni di conflitto civile. All’inizio è necessario calmare le passioni, e con questo scopo – introdurre la legge marziale e punire coloro che sono colpevoli di incitare al conflitto, che per puro caso sarà la concorrenza più influente.

Porošenko non ha perso la speranza di ricevere un’autocefalia – non è chiaro di chi – dalle mani del Patriarcato di Costantinopoli. La situazione religiosa nel paese esploderà immediatamente, poiché è stato già dichiarato che subito dopo aver ottenuto la autocefalia gli scismatici che verranno così legalizzati inizieranno ad espropriare non solo alcuni templi della Chiesa Ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca, ma tutti i suoi monasteri – compresi le lavra, i templi, le parrocchie e le comunità. Poiché non vi è alcuna garanzia che il Fener rischi di attirare la rabbia di Mosca nelle condizioni attuali, Porošenko prepara un’opzione di riserva – dichiarare la creazione della Chiesa locale ucraina attraverso un atto di Stato (con le stesse conseguenze).

Allo stesso tempo, solo nell’ultima settimana, nella sfera militare, è stato dato l’ordine alle forze navali ucraine di garantire il libero passaggio delle navi ucraine attraverso lo Stretto di Kerč, e anche il ritiro di tutte le formazioni volontarie dalla zona dell’Operazione Forze Unite (ex ATO). Se sono volti alla provocazione di uno scontro militare controllato nel sud-est, allora queste sono effettivamente quelle misure che sono necessarie per la sua preparazione.

http://www.stalkerzone.org/wp-content/uploads/2018/07/1020629305.jpg

È chiaro che la Russia non inizierà ad inviare cacciatorpediniere per cacciare e affondare i gommoni ucraini. Allo stesso tempo, una scorta armata delle navi da parte di motoscafi e lance delle Forze Navali ucraine renderà ogni tentativo della Guardia Costiera russa di effettuare un’ispezione un motivo per un conflitto armato. Le guerre su vasta scala non iniziano perché due motoscafi si sparano l’un l’altro. Mantenere metà della Flotta del Mar Nero nella regione delle acque di Azov, in piena preparazione militare per fare pressione sulla psiche dei marinai ucraini, è inutile e privo di senso se questa non affonda tutto ciò che lascia le acque territoriali ucraine sotto una bandiera navale. E se le affonda, significa guerra.

Pertanto, la tensione e le condizioni di conflitto nella regione marittima di Azov devono aumentare, ma in modo tale che la linea rossa non sia attraversata. E se un paio di vascelli ucraini saranno affondati insieme al loro equipaggio a causa dell’imprudenza, allora per Porošenko sarà solo utile – confermerà il “livello di pericolo”.

Lo stesso vale anche per il Donbass. I battaglioni volontari sono mal controllati [in inglese], non sempre attuano gli ordini del comando e sono inclini a fare ciò che vogliono. Sono stati tollerati sulla linea di contatto perché la loro tendenza a bombardare spontaneamente le posizioni della DPR/LPR e ad effettuare periodici attacchi locali è correlata con la strategia politico-militare di Kiev. Ma se si sta preparando una provocazione su larga scala, che deve avere un effetto sulla popolazione come una bomba che esplode, ma non portare ad un conflitto con la Russia o almeno ad un’offensiva su larga scala in profondità nel territorio ucraino, i volontari indisciplinati saranno essenzialmente un ostacolo. Il comando centrale, al fine di evitare conseguenze impreviste, deve controllare tutto in modo affidabile – fino all’ultimo soldato.

Bene, e infine, Porošenko, insieme al suo Ministero degli Esteri, ha iniziato a lavorare per interrompere i negoziati tripartiti (Ucraina-Russia-UE) sulla questione del gas (preservando il transito attraverso l’Ucraina, che Kiev stessa ha cercato di ottenere).

Come vediamo, le provocazioni si stanno estendendo alle politiche interne, internazionali e militari – in tutte le sfere disponibili per Porošenko. Quindi, se dovesse avere successo, spera di ricevere il sostegno degli oppositori di Trump negli Stati Uniti e nell’UE. Il netto peggioramento della situazione politico-militare nei confronti dell’Ucraina darà loro un argomento a favore del rifiuto di continuare il dialogo tra i presidenti di Russia e Stati Uniti. È dubbio che Trump sarà in grado di superare la pressione che gli verrebbe inflitta. E questo significa che la situazione, che è così spaventosa per l’UE e scandalizza i falchi americani, tornerà come prima del 16 luglio 2018, e Porošenko sarà una delle principali persone coinvolte in questa inversione di marcia – il garante che Kiev perseguirà la politica corretta.

Una volta andato sul sentiero a destra, Porošenko non è più in grado di fermarsi. Cercherà l’appoggio di persone sempre meno adeguate e di forze sempre più anti-russe e aggressive, alzando la posta come un giocatore d’azzardo che cerca di recuperare ciò che ha perso. Questo costringe i suoi avversari a cercare una posizione alternativa, più moderata. Ma in questa fase sono stati finora infruttuosi. Alla minima cosa, Avakov – che ha accennato alla necessità di raggiungere un accordo col Donbass sulla base di un compromesso – è stato immediatamente ostacolato, perché durante il periodo post-colpo di Stato, qualsiasi pensiero sulla possibilità di un compromesso era troppo estraneo alla politica.

Quindi è improbabile che gli avversari di Porošenko possano giocare un ruolo di mantenimento della pace. Molto probabilmente, questo porterebbe loro successo durante le elezioni, ma non gli sarà permesso di vincerle con una tale posizione – saranno accusati di tradimento e incarcerati. Ecco perché l’unico modo per sconfiggere Porošenko è quello di alzare la posta in gioco ancora più in alto, facendo sì che le situazioni di conflitto vadano fuori controllo, quando sarà possibile accusare Porošenko di non essere in grado di resistere alle sfide.

Tutto ciò non ispira molto ottimismo riguardo al prossimo futuro dell’Ucraina, anche se è necessario dire che il tentativo di Avakov di ridurre il potenziale di conflitto testimonia che, perlomeno, una parte del circolo politico ucraino non è pronta ad affidarsi ulteriormente ad un’escalation, e vorrebbe uscire da conflitti interni ed esterni.

L’unica domanda è: quanto è grande questa parte, e quanto è pronta a superare la resistenza fisica dei nazisti allevati, nutriti e armati da loro e che non vogliono alcuna pace? A giudicare dal fatto che tutti loro, come Porošenko, negli ultimi quattro anni si sono sicuramente spostati lungo il sentiero a destra, la probabilità di una coerente resistenza sistemica alla politica delle provocazioni è estremamente bassa.

*****

Articolo di Rostislav Iščenko pubblicato il 21 luglio 2018 su The Saker.is
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per SakerItalia.

[le note in questo formato sono del traduttore]