La Russia continua a demolire le infrastrutture ucraine, e questo è stato il tema degli ultimi giorni. C’è stato un enorme aumento degli assalti aerei e degli attacchi missilistici su varie infrastrutture, ovunque. Al momento della stesura di questo documento, è stata registrata un’enorme quantità di missili che sorvolano l’Ucraina, e si dice che i bombardieri Tu-95MS siano in volo per contribuire con i loro Kh-101.

Le ferrovie di Pavlograd sono state colpite:

Molti oggetti a Dnepropetrovsk, Kremenchug, Druzhkovka, Poltava, Kharkov, Odessa e altrove sono stati tutti colpiti con colpi molto potenti, missili multipli in ogni posizione. Non solo Kalibr da sottomarini e navi nel Mar Nero, ma anche missili Kh-101 dai Tu-95MS.

Secondo il portavoce militare russo, il Maggior Generale Igor Konashenkov, nel pomeriggio “missili a lungo raggio lanciati dall’aria di alta precisione” hanno colpito un terminal logistico situato su un aeroporto militare vicino a Odessa, dove “un grande lotto di armi straniere ha ricevuto da Stati Uniti e paesi europei era stato immagazzinato””.

L’Ucraina è estremamente a corto di carburante, al punto che sono stati scoperti treni segreti che forniscono enormi rifornimenti di carburante di emergenza dalla Moldavia:

Una nota su questo: a volte è difficile quantificare il successo militare quando sentiamo parlare di questi attacchi, perché sembrano “astratti”, e una volta che iniziano a sommarsi, i numeri iniziano a sembrare sempre più astratti e irrilevanti. Ogni giorno il Ministero della Difesa russo annuncia la distruzione di centinaia di nuovi oggetti delle Forze Armate ucraine. E abbastanza presto la mente inizia naturalmente a chiedersi: “quanto danno stanno davvero facendo questi attacchi se l’Ucraina continua ad operare?” ecc.

Ed è una buona domanda: sappiamo dal ragionamento militare che non puoi vincere una guerra solo con gli attacchi aerei, gli stivali sul terreno devono ottenere grandi vittorie strategiche alla vecchia maniera. Ci sono troppi esempi da elencare (la maggior parte dei quali americani) di vaste campagne di bombardamenti per lunghi periodi di tempo che non hanno fatto molto per sradicare ribelli risoluti.

Detto questo, è spesso facile cadere nella trappola degli estremi, in cui si inizia a pensare che gli attacchi non stiano facendo nulla. In effetti stanno facendo una quantità enorme di danni, ma basti dire che non porteranno da soli alla resa dell’AFU.

Inoltre, non fa che rafforzare la mia posizione secondo cui la vera Fase 2 non è ancora iniziata, e questo grande aumento degli attacchi è la continuazione di una pre-fase di ammorbidimento. Altri analisti come Colonel Cassad concordano:

Vi ricordo che l’Ucraina ha già annunciato qualche giorno fa che le forze armate russe avevano lanciato un’offensiva generale, dopodiché il giorno successivo il Pentagono ha annunciato che l’offensiva non era ancora iniziata, e lo Stato Maggiore delle forze armate ucraine ha urgentemente cominciato a cambiare versione. Finora, la Russia ha solo annunciato l’inizio della 2a fase dell’operazione in Ucraina, ma non ha annunciato l’inizio di un’offensiva generale.

La direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa ucraino avverte di un’imminente offensiva su larga scala da parte delle forze armate russe.

Il GUR afferma che i russi stanno finendo il raggruppamento delle truppe, e ora si stanno concentrando sull’identificazione dei luoghi più vulnerabili delle formazioni armate ucraine. E nel prossimo futuro inizierà una “offensiva su vasta scala”.

Nonostante l’assenza di un’offensiva generale, le forze armate russe continuano comunque a condurre operazioni offensive nella direzione di Izjum (c’è un’avanzata in direzione di Slavjansk, il fronte si sta avvicinando a Krasnij Liman, Jampol e Seversk), nonché nella direzione di Zaporozhye a est di Gulyaipol. Ma è ovvio che la maggior parte delle forze non sono ancora state messe in azione”.

Quindi l’importante distinzione da fare è che la Russia ha annunciato una 2a fase, non ha annunciato specificamente una nuova offensiva generale. Le due non sono necessariamente interoperabili. Il fatto è che ci sono ancora grandi raggruppamenti in corso, e non stiamo assistendo a molte operazioni offensive su larga scala nella maggior parte dei teatri dalla parte russa – la maggior parte dei progressi maggiori è stata fatta dall’LPR, al momento.

Proprio ieri, il distaccamento di fanteria di marina russo di Mariupol aveva appena iniziato a ridispiegarsi ed era visibile sulla strada a nord di Mariupol. Potrebbero volerci giorni prima che raggiungano le nuove posizioni – che non sappiamo ancora quali siano.

https://twitter.com/200_zoka/status/1517879620384837638

E ora sentiamo altre conferme come la seguente: “@anna_news
Per quanto riguarda l’offensiva generale delle Forze armate russe, emergono fonti, che citano fonti britanniche, che l’offensiva inizierà entro 72 ore”.

E: “Il capo dell’amministrazione di Krivoj Rog Oleksandr Vilkul ha affermato che le truppe russe si stanno preparando per un attacco a Krivoj Rog”.

Quindi queste indicazioni sembrano puntare ad una grande offensiva molto più ampia che inizierà presto.

Detto questo, ci sono stati alcuni aggiornamenti e progressi sul campo di battaglia buoni/significativi, principalmente nella direzione LPR:

Novotoshkovske è stata catturata, a sud di Severodonetsk (a nordest di Popasnaja).

Secondo quanto riferito, anche Zarichne è stata catturata, si trova proprio accanto a quella Torske, che abbiamo riferito come catturata l’ultima volta:

E ora sono stati segnalati combattimenti a Jampol, il che significa che presto cadrà anche lei. Se guardate sulla mappa, questo significa che Krasnij Lyman viene lentamente circondata, e questo è l’ultimo grande ostacolo prima di Slavjansk stessa.

Ecco una buona mappa generale di quest’area:

https://twitter.com/Denyo666/status/1518255454106828800

Abbiamo segnalato la caduta di Lozove l’ultima volta, ma ora anche del piccolo insediamento di Ridkodub, appena ad est di essa, è stato catturato, il che crea un fronte unificato che si sta lentamente avvolgendo e si sta spingendo a sud verso Slavjansk.

A sud di Izjum, ora è stato riferito che le forze russe hanno catturato il piccolo insediamento di Kurulka, a est di Barvenkovo.

Queste sono piccole conquiste incrementali, ma si sommeranno presto, in particolare se inizierà un’offensiva più ampia.

Ecco alcuni filmati della cattura di Kreminna pochi giorni fa:

https://twitter.com/islamicworldupd/status/1518294606546411523

Inoltre, nell’estremo nord, le forze armate ucraine hanno tentato un’offensiva verso il confine russo. Un’altra delle loro operazioni psicologiche per cercare di tenere a galla il morale. È finita male per loro, e sono emerse foto/video che mostrano la perdita di diverse unità corazzate e fino a 30 morti:

(18+) https://www.bitchute.com/video/DU7i1L9EXmUv/

(18+) https://www.bitchute.com/video/lzpgcqAbP1dP/

Ci sono foto ancora più raccapriccianti di alcuni soldati ucraini morti in questa scappatella, con la testa saltata, che non sono incluse in quanto sopra.

Ecco cos’ha scritto un analista riguardo a questo tentativo:

Il sanguinoso fallimento delle forze armate ucraine le costringerà a trarre conclusioni e preparare più attentamente il prossimo tentativo di questo tipo. Lo faranno sicuramente. Non hanno scopi militari. Il compito è invadere il territorio della Federazione Russa con fanteria ed equipaggiamento per almeno alcune centinaia di metri, ad ogni costo, e annunciare il “trasferimento della guerra” nel territorio della Federazione Russa. Anche se poi verranno respinti, non farà male promuovere la vittoria sui social network per alzare il morale delle truppe. Ebbene, il fatto che queste operazioni di pubbliche relazioni siano costose, difficilmente confonde i suoi clienti. Hanno ripetutamente dimostrato il loro vero atteggiamento nei confronti dei soldati ucraini uccisi e catturati”.

Sul fronte sud nessuna vera avanzata, ma qualche interessante aggiornamento. In primo luogo ci sono state molte catture di soldati, comprese alcune vicino a Malinovka, appena a est di Guljajpole. 17 che sono stati catturati sono ritratti qui:

Secondo quanto riferito, 2 di loro erano dell’Azov, 1 un istruttore straniero e un croato. La cosa interessante è che vediamo sempre più combattenti stranieri tra le composizioni delle truppe ucraine. Ci sono 3 diversi nuovi video che mostrano combattenti con bandiere britanniche, questo è uno: https://www.bitchute.com/video/o1FbzFu0hRsa/

L’ultima volta ho postato una bandiera britannica su un combattente liquidato. Ora anche nel nord i russi hanno recuperato un gallone che si dice sia di un sergente della Legione Straniera francese:

Ovunque guardi ora sul campo di battaglia ci sono bandiere straniere. Ecco un video precedente dell’assalto a Rubizhnoe, con bandiere americane visibili per qualche motivo:

Ora ci sono rapporti secondo cui un generale canadese potrebbe essere uno degli obiettivi di alto valore intrappolati nell’Azovstal:

Non ci sono dettagli reali sul fatto che si trovi all’Azovstal, e questa sembra derivare in parte da notizie di cui non si è “sentito parlare” in Ucraina. Tuttavia la sua partenza per l’Ucraina è un fatto confermato al 100%, riportato dalla stessa stampa canadese: https://ottawacitizen.com/news/local-news/retired-canadian-general-under-police-investigation-for-alleged-sexual-misconduct-is-now-in-ukraine

In effetti, il generale era sotto accusa per crimini sessuali e sembrava essere “andato in pensione” ed è fuggito rapidamente in Ucraina per evitare le ripercussioni. Sarebbe stato un buon compagno di letto per gli azoviti nell’Azovstal. Alcuni hanno persino ipotizzato che, dal momento che il presunto “generale americano” che sarebbe rimasto intrappolato nell’Azovstal ha anche lui un cognome simile che inizia con una “C” (Cloutier), forse è stato commesso un errore e tutto questo parlare di un generale intrappolato è in realtà a proposito di questo canadese di nome Cadieu.

Ora, un quotidiano turco sostiene che Macron abbia abbandonato oltre 50 ufficiali francesi intrappolati nell’Azovstal:

Secondo la fonte, questi sono ufficiali francesi di alto rango. Sono sul campo per garantire che i militari ucraini e i Neonazisti siano in grado di usare le armi consegnate dai paesi occidentali. Ora sono intrappolati e l’unica via d’uscita è andare dalla parte russa”.

Potete tradurre l’articolo qui: https://www.aydinlik.com.tr/haber/macron-subaylarini-mariupolde-olume-terk-etti-312526

Sul tema Azovstal, alcuni interessanti aggiornamenti:

In primo luogo, viene gettata più luce sull’interno, immagini trapelate che mostrano combattenti dell’Azov feriti e alcuni dei loro ambienti. https://twitter.com/Cyberspec1/status/1518207023502217216

È emerso anche un video che mostra i feriti in decomposizione dell’Azov, che marciscono nelle loro abitazioni sotterranee:

Alcuni combattenti dell’Azov riescono a sgattaiolare fuori e vengono catturati dal cordone alleato attorno all’impianto. Eccone uno che indica il proprio comandante morto ai ceceni che lo hanno catturato: https://www.bitchute.com/video/ecEJtPRZ8TBy/

Ecco un combattente dell’Azov catturato dai ceceni che inizia a mostrare loro le mappe di dove il gruppo dell’Azov è nascosto nella fabbrica:

E un video di un ex dipendente dell’Azovstal che una volta era un supervisore di turno lì, che ha offerto volontariamente la sua esperienza per mostrare il probabile luogo in cui il principale gruppo dell’Azov si nasconde nel complesso:

Un tunnel pedonale sotterraneo passa sotto il reparto dischi, proprio sotto l’uscita dà nel reparto, due uscite – nella stessa TLC. Se l’officina è calda, allora c’è un potente sistema di approvvigionamento idrico per le apparecchiature di raffreddamento e il metallo, e quindi ci sono necessariamente potenti serbatoi di sedimentazione in cemento armato lì”, ha detto Chuprin.

Come potete vedere, l’operazione per sradicare gli azoviti continua ancora nonostante il decreto di Putin di non “prendere d’assalto” il complesso. Stanno rispettando il decreto, ma semplicemente lo stanno facendo in modo intelligente, scoprendo esattamente dove si trova l’Azov nel complesso, e quindi trovando una soluzione per sradicarlo.

In effetti Aleksandr Sladkov continua a mostrare i progressi nel nord del complesso, il terreno della “fabbrica di cemento”:

Ed ecco una mappa: https://twitter.com/Suriyakmaps/status/1518305324633100289

La fabbrica di cemento catturata è la parte più settentrionale del complesso Azovstal, con le linee tratteggiate arancioni che vedete sopra.

Ecco come l’Azov apparentemente sta mangiando laggiù:

https://twitter.com/CanadianUkrain1/status/1518274778846609409

Alcuni aggiornamenti vari:

Zelenskyj ha parlato dei droni Bayraktar, ammettendo la loro inutilità contro le divisioni corazzate russe: “Ma con tutto il rispetto, dirò onestamente che questa è una guerra diversa, dicono gli esperti, non può essere paragonata a nessun’altra nel 21° secolo. Quelli o altri droni possono aiutare, ma non influiscono sul risultato”.

In effetti, c’è un account su Twitter che conta ogni giorno dall’ultima apparizione dei Bayraktar sotto forma di filmati, e siamo passati a circa 36-40 giorni da quando è apparso l’ultimo filmato di qualsiasi tipo di attacco di Bayraktar.

Sistemi avanzati di comunicazione sul campo di battaglia crittografati americani Harris Falcon sono stati catturati dalle forze russe:

(link alternativo) https://www.bitchute.com/video/b0P03XkrKNkn/

L’ultima volta che abbiamo menzionato com’è stata denunciata la corrotta OSCE, il suo dipendente è stato arrestato per spionaggio. E ho parlato di storie su come l’OSCE stesse persino effettuando la correzione del fuoco di artiglieria per le forze armate ucraine.

Ora: “il Ministero della Sicurezza di Stato della LPR ha trovato documenti che confermano l’interazione della missione speciale di monitoraggio dell’OSCE con il Ministero della Difesa dell’Ucraina. Tra le altre cose, è stato trovato un “elenco di infrastrutture nella regione di Lugansk che potrebbero essere soggette a danni da incendio”, indicando la loro posizione.

Le informazioni sono state raccolte dal capo della squadra OSCE di Severodonetsk, un cittadino polacco, Jaroslav Kurak. È stato dato l’ordine di iniziare a raccogliere informazioni
Pilar Castro Moto, vicecapo del Team OSCE per i Diritti Umani di Lugansk, cittadino spagnolo”.

Il dipendente dell’OSCE ammette di aver trasmesso informazioni ai servizi di intelligence stranieri – LPR

https://www.urdupoint.com/en/world/osce-employee-ammette-di-passare-informazioni-t-1500886.html

Il Ministero dell’Interno della LPR ha mostrato documenti che confermano che la missione speciale di monitoraggio dell’OSCE opera da molto tempo nell’interesse del Ministero della Difesa ucraino”.

Inoltre è stato scoperto che la Francia ha fornito munizioni alle forze armate ucraine “per posta diplomatica, forse a bordo di aerei civili. Scatole con cartucce calibro 12,7 mm sono state trovate in una delle postazioni delle forze di sicurezza ucraine nel Donbass, dove il destinatario è l’ambasciata francese a Kiev”.

E un nuovo sondaggio ha rilevato:

Il 75% dei residenti cinesi sostiene l’operazione russa in #Ucraina. I dati corrispondenti sono forniti dallo studio US — China Perception Monitor. Il 60% degli intervistati ritiene che la #Cina dovrebbe sostenere l’operazione russa in Ucraina. Il 16% era favorevole alla fornitura di armi all’esercito russo, se necessario. Il 70% degli intervistati considera affidabili le informazioni sui laboratori biologici americani in #Ucraina. La #Cina ha già affermato che i principali colpevoli di tutti i recenti eventi sono gli Stati Uniti e la #NATO, e le forniture di armi a #Kiev non porteranno la pace in #Ucraina. 3/3

Chinese Public Opinion on the War in Ukraine

Prima apparizione dei droni suicidi polacchi chiamati Warmate in Ucraina:

https://twitter.com/UAWeapons/status/1518284891766636546

A proposito, alcuni in Occidente stanno iniziando lentamente a rendersi conto della realtà, e nuove scuse vengono rapidamente forgiate:

Alcuni ultimi video casuali:

Lanciarazzi multiplo BM-27 Uragan russo di nuovo in azione: https://www.bitchute.com/video/SU3atvVPVAmz/

Reporter si infiltra nella manifestazione pro-Azov di Manhattan, New York, per porre alcune domande scottanti: https://www.bitchute.com/video/fr0p8gTOQ1vc/

I ceceni ora combattono a Popasnaja: https://www.bitchute.com/video/AZSsVSJu7jdN/

*****

Articolo di Nightvision pubblicato su The Saker.is il 24 aprile 2022
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.


La redazione di Saker Italia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: