Anche se l’autore non si definisce “giornalista”, questo è un servizio giornalistico sulla guerra nel Donbass, perché scava nei fatti alla ricerca della verità; una cosa alla quale non siamo più abituati qui in Occidente, dove la quasi totalità del “giornalisti” si è ridotta da tempo al ruolo di passacarte delle veline del potere.

Nessuno, qui in Occidente, sa che la situazione del Donbass è quella che mostra il servizio. Nessuno, a parte chi ha scelto la pillola rossa. Per tutti gli altri questi fatti non stanno avvenendo: non c’è stato un colpo di Stato a guida CIA il 22 febbraio del 2014 a Kiev, non è stata insediata una giunta di oligarchi e nazisti nostalgici di Stepan Bandera, non c’è stata ed è in corso una “operazione anti-terrorismo” contro le popolazioni del sud-est dell’Ucraina, non ci sono stati decine di migliaia di morti. Ma c’è stata una fantomatica “invasione russa” dell’Ucraina.

Orwell è fra noi, 1984 è oggi: inesistenti “invasori russi”, esistono. La distruzione, i morti, le sofferenze che vedete qui sopra, non esistono.

*****
Sottotitoli in Italiano a cura di Mario per SakerItalia.it