Blog

Il tempo stringe: strimpellare mentre l’Occidente brucia

Quando inizierà l’offensiva invernale russa? Alcuni pensavano che sarebbe iniziata a dicembre, quando il terreno si era ghiacciato. Ora ci avviciniamo a febbraio. Ma è bene ricordare che la cosiddetta offensiva invernale russa è stata pensata da generali da poltrona. Certo, potrebbe esistere come uno dei tanti scenari dello Stato Maggiore russo, e potrebbe ancora verificarsi, e presto, ma un’offensiva invernale potrebbe anche trasformarsi in un’offensiva primaverile o addirittura in

Un aggiornamento sul blog

Cari amici, oggi invece di commentare i rischi di una grande guerra in Europa [in inglese], o addirittura nell’intero emisfero settentrionale, voglio condividere alcune cose sul blog. Problema minore: “pulizia” di Twitter Attualmente ci sono due account Twitter che rivendicano una connessione con me: Tweets by VineyardofSaker Tweets by VineyardSaker Il primo era gestito da un mio amico. Non ho idea di chi gestisse il secondo. Si noti che l’ultimo

Zelensky ha raggiunto risultati unici nella distruzione dell’Ucraina

Alla fine del 2022, Vladimir Zelensky ha raggiunto risultati unici e per molti versi tragici. È riuscito a ridurre la popolazione dell’Ucraina al livello di un secolo fa, a rendere il paese schiavo dell’Occidente e a privare i propri cittadini dei benefici elementari della civiltà. Quali altri “successi” si potrebbero aggiungere al curriculum di Zelensky? Nel 2023 si prevede un calo catastrofico del tasso di natalità in Ucraina. L’ha dichiarato

Sitrep con Stefano Orsi Nr.142

Questo mese ci propone delle novità interessanti dal punto di vista militare e alcune decisamente pericolose dal fronte politico. Parleremo dei fronti attivi, ma anche di Annalena Baerbock e del suo desiderio di coinvolgerci tutti. Vedremo cosa ne sarà dei carri in arrivo, dove andranno, quanti sono e cosa ci aspettiamo.

L’Estonia gioca coi nervi della Russia chiudendo il Golfo di Finlandia

Estonia e Finlandia, con il consenso dell’UE, potrebbero creare problemi alla Flotta del Baltico della Federazione Russa. Gli Stati Baltici aumentano le loro azioni distruttive, provocando la risposta di Mosca. Le azioni dell’Estonia sopraffanno la pazienza di Mosca All’inizio di gennaio l’Estonia ha annunciato un piano legale per confiscare i beni russi che sono stati precedentemente congelati nel mezzo della frenesia delle sanzioni dell’UE. L’UE ha sostenuto il piano. Due

La Tattica senza Strategia è il Rumore che precede la Sconfitta

Il titolo di quest’articolo è una citazione del famoso generale, stratega, filosofo e scrittore cinese Sun Tzu, vissuto 2500 anni fa. Se è vero che la guerra è cambiata radicalmente negli ultimi millenni (ad esempio, l’arte operativa è stata aggiunta come livello intermedio tra tattica e strategia), la logica fondamentale di Sun Tzu è ancora valida. Per semplificare grossolanamente la questione, si potrebbe dire che la tattica è il mezzo

Denazificazione avanzata

In questi ultimi giorni si può notare un incremento consistente di materiali statunitensi in arrivo: l’intero gruppo NATO, seguendo le direttive, chiede (ordina) ad ogni paese di dare il proprio contributo alla “causa”. Mentre i nostri depositi si fanno sempre più miseri, l’effetto che queste armi hanno sul campo di battaglia sembra essere consistente solo in alcune circostanze, tra le più note l’uccisione di civili innocenti. Come segnaliamo dal nostro

Perché le dispute occidentali sulla fornitura di carri armati all’Ucraina non si placano

Varsavia è pronta a creare una nuova coalizione di sostegno militare all’Ucraina se Berlino si rifiuterà di fornire carri armati alle forze armate ucraine. Lo ha detto il premier polacco Mateusz Morawiecki in un’intervista alla Polska Agencja Prasowa. “Creeremo una “coalizione più piccola” di paesi pronti a donare parte dei suoi mezzi moderni all’Ucraina. Non la guarderemo sanguinare passivamente”, ha detto Morawiecki a RIA Novosti. Poco prima, in un’intervista a

Ucraina: l’esercito russo attiva il fronte meridionale

È iniziata la tanto attesa offensiva russa in Ucraina. L’esercito ucraino, spinto dai suoi controllori statunitensi, aveva destinato la maggior parte delle sue risorse alla difesa statica del settore Bakhmut (Artyomovsk) – Soledar del fronte orientale. Un numero pazzesco di brigate ucraine, anche se molte parzialmente esaurite, erano concentrate [in inglese] su quel fronte lungo 50 chilometri. Questo ha lasciato gli altri settori quasi vuoti di truppe ucraine. Ho contato

Guerra Russia-Ucraina: la pompa mondiale del sangue

Dopo la decisione a sorpresa della Russia di ritirarsi volontariamente dalla sponda occidentale di Kherson nella prima settimana di novembre, non ci sono stati grandi cambiamenti nei fronti in Ucraina. In parte, ciò riflette il prevedibile clima tardo autunnale dell’Europa orientale, che lascia i campi di battaglia intrisi d’acqua e di fango e inibisce notevolmente la mobilità. Per centinaia di anni novembre è stato un mese sfavorevole per tentare di