.

Vladimir Putin: Cari cittadini della Russia! Cari amici!

L’anno 2022 sta per finire. È stato un anno di decisioni difficili e necessarie, di passi importanti verso la conquista della piena sovranità della Russia, e di un forte consolidamento della nostra società.

È stato l’anno che ha chiarito molte cose, che ha distinto chiaramente il coraggio e l’eroismo dal tradimento e dalla viltà, che ha dimostrato che non c’è forza più grande dell’amore per i propri cari, della lealtà verso gli amici e i compagni d’armi e della devozione alla Patria.

È stato un anno di eventi davvero cruciali. Sono diventati una pietra miliare su cui poniamo le basi per il nostro futuro comune, la nostra vera indipendenza.

Oggi stiamo combattendo per questo, per difendere la nostra gente nei nostri territori storici delle nuove regioni della Federazione Russa. Insieme stiamo costruendo e creando.

Il destino della Russia è la cosa più importante. Difendere la Madrepatria è un dovere sacro nei confronti dei nostri antenati e discendenti. La rettitudine morale e storica è dalla nostra parte.

L’anno appena trascorso ha portato grandi e fondamentali cambiamenti per il nostro Paese e per il mondo intero. È stato un anno pieno di preoccupazioni, ansie e lutti.

Ma il nostro popolo multinazionale, com’è accaduto in ogni momento difficile della storia russa, ha dimostrato coraggio e dignità, sostenendo i difensori della Patria, i nostri soldati e ufficiali e tutti quelli coinvolti nell’Operazione Militare Speciale.

Abbiamo sempre saputo, e oggi ne siamo nuovamente convinti, che il futuro sovrano, indipendente e sicuro della Russia dipenda solo da noi, dalla nostra forza e volontà.

Per anni le élite occidentali hanno ipocritamente assicurato a tutti noi le loro intenzioni pacifiche, compreso il loro aiuto per la risoluzione del difficile conflitto nel Donbass. In realtà hanno incoraggiato in ogni possibile modo i neonazisti, che hanno continuato a compiere azioni militari e palesemente terroristiche contro i pacifici cittadini delle repubbliche popolari del Donbass.

L’Occidente ci ha mentito sulla pace mentre si stava preparando all’aggressione, e oggi non esita ad ammetterlo apertamente e ad usare cinicamente l’Ucraina e il suo popolo per indebolire e dividere la Russia. Non abbiamo mai permesso a nessuno di farlo, e non lo permetteremo oggi.

I militari, le milizie e i volontari russi stanno combattendo per la loro patria, per la verità e la giustizia, per la garanzia di pace e sicurezza per la Russia. Sono tutti nostri eroi e stanno sostenendo proprio adesso il peso maggiore.

Rivolgo i miei più sentiti auguri di buon anno a tutti i partecipanti a quest’Operazione Militare Speciale, a coloro che sono con me in questo momento, a coloro che sono al fronte e al fronte interno, a coloro che si stanno preparando nei centri di addestramento prima di andare in battaglia, a coloro che sono negli ospedali o che sono già tornati a casa dopo aver compiuto il loro dovere, a tutti coloro che sono in servizio di combattimento nelle divisioni strategiche, a tutto il personale delle Forze Armate!

Compagni,

grazie per il vostro valoroso servizio! Tutta la nostra vasta nazione è orgogliosa della vostra forza d’animo, della vostra resistenza e del vostro coraggio. Milioni di persone sono con voi nel cuore e nell’anima, e sicuramente brinderemo in vostro onore alla tavola del nuovo anno.

Grazie a tutti coloro che sostengono lo sforzo bellico: gli autisti e i ferrovieri che riforniscono le linee del fronte, i medici, i paramedici, gli infermieri e le infermiere che combattono per la vita dei soldati e curano i civili feriti. Ringrazio gli operai e gli ingegneri delle nostre fabbriche militari e di altri settori che oggi stanno lavorando duramente, gli edili che stanno costruendo strutture civili e fortificazioni difensive, e che stanno aiutando a ricostruire le città e i villaggi distrutti nel Donbass e in Novorussia.

Cari amici!

Dal 2014, dopo gli eventi in Crimea, la Russia vive sotto sanzioni, ma quest’anno è stata dichiarata una vera e propria guerra delle sanzioni nei nostri confronti. Chi l’ha iniziata si aspettava la distruzione totale della nostra industria, delle nostre finanze e dei nostri trasporti.

Questo non è successo, perché tutti noi abbiamo messo insieme un solido margine di sicurezza. Quello che abbiamo fatto e stiamo facendo in quest’area riguarda il rafforzamento della nostra sovranità nell’area più importante: l’economia. E la nostra lotta per noi stessi, per i nostri interessi e per il nostro futuro è certamente un esempio ispiratore per altri Stati nella loro ricerca di un giusto ordine mondiale multipolare.

Credo sia importante che nell’anno appena trascorso siano cresciute nel nostro popolo qualità come la misericordia, la solidarietà e l’empatia. Sempre più persone sentono il bisogno di aiutare gli altri. Si uniscono da soli, senza alcuna istruzione formale.

Voglio ringraziarvi per la vostra sensibilità, responsabilità e gentilezza, perché voi, persone di ogni età e reddito, partecipate attivamente a questa causa comune, organizzando magazzini e trasporti per consegnare pacchi ai nostri combattenti in zona di guerra e agli abitanti delle città e delle campagne che hanno sofferto, e per aiutare a mandare in vacanza i bambini dei nuovi soggetti della Federazione.

Voi, miei cari, state dando un enorme sostegno alle famiglie dei nostri soldati caduti che hanno dato la loro vita per difendere quella degli altri.

Capisco quanto possa esser difficile ora per le loro mogli, i loro figli, le loro figlie, i loro genitori che hanno cresciuto dei veri eroi e come devono sentirsi adesso, a Capodanno. Faremo tutto il possibile per aiutare le famiglie dei nostri compagni d’armi caduti a crescere i loro figli, a dare loro un’istruzione decente e una professione.

Con tutto il cuore condivido il vostro dolore e chiedo le vostre sincere parole di sostegno.

Cari amici!

In tutti i tempi, anche in quelli difficili, il nostro Paese ha sempre festeggiato il Capodanno. È sempre stata ed è tuttora una delle feste preferite, e ha il magico dono di far emergere il meglio delle persone, moltiplicando l’importanza dei valori tradizionali e familiari e l’energia della generosità, della disponibilità e della fiducia.

Con l’avvicinarsi del nuovo anno, ci sforziamo tutti di rendere felici i nostri cari, di riscaldarli con attenzioni e calore di cuore, di regalare loro ciò che hanno sognato, di vedere la gioia negli occhi dei bambini, di sentire la commovente gratitudine per le nostre attenzioni da parte dei genitori e della generazione più anziana: loro sanno apprezzare queste scintille di felicità.

Cari amici, questo è il momento migliore per lasciarsi alle spalle tutti gli insulti e le incomprensioni personali, per raccontare alle persone più care i vostri teneri sentimenti, il vostro amore, quanto sia importante prendersi cura l’uno dell’altro, sempre, in qualsiasi momento.

Che queste parole sentite e questi nobili sentimenti diano a tutti noi la forza d’animo e la fiducia per superare insieme tutte le difficoltà e mantenere grande e indipendente il nostro Paese.

Andiamo avanti e vinciamo per il bene delle nostre famiglie, per il bene della Russia, per il bene del futuro della nostra unica, amata Madrepatria!

Buon anno, cari amici, buon anno 2023!

***** 

Discorso di Capodanno di Vladimir Putin pubblicato su President of Russia il 31 dicembre 2022
Traduzione in italiano di Fabio_san per SakerItalia 

__________ 

La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce. 

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: