Tag "Impero Anglosionista"

Cinque mesi di Operazione Militare Speciale – Un riepilogo

Nota: dopo esser stato lontano tre mesi, è un vero piacere tornare al blog. Detto semplicemente, mi siete mancati e mi mancava scrivere analisi. Sono quindi veramente deliziato di essere tornato e voglio ancora una volta ringraziare tutti coloro che hanno aspettato pazientemente che ricaricassi le batterie. Il vostro sostegno significa tutto per me. Grazie di tutto! Il Saker. . Cinque mesi fa, il 24 febbraio, la Russia ha cominciato

Un veloce aggiornamento del Saker e alcune note aggiuntive

Cari amici, è passato un mese dal mio ultimo aggiornamento [in inglese] e ho deciso di scrivere questo post per condividere con voi alcuni pensieri. Per prima cosa, la roba noiosa: la mia salute sta migliorando decisamente e, mentre mi spiace molto di esser stato fuori gioco tutto questo tempo, adesso sono sicuro di aver preso la decisione giusta, sia per me che per il blog. Spero di tornare a

Domani sarà un grande giorno (anche se non succederà niente!)

Per i principianti, una veloce nota su ciò che afferma la macchina della propaganda di guerra anglosassone: .Bene, allora domani [16 febbraio] accadrà una delle due cose: Opzione 1: non succede niente Opzione 2: succede qualcosa Opzione 1 Se non succede niente, allora, come ha precisato Lavrov recentemente, l’Amministrazione Biden dovrà dichiarare che “guidato dai gloriosi e invincibili Stati Uniti d’America, e unito saldamente contro l’aggressione russa, l’Occidente ha dissuaso

Riesaminiamo le capacità militari della LDNR

Ci sono tanti malintesi sulle attuali tensioni intorno all’Ucraina orientale, quindi abbiamo di tutto, qualsiasi cosa e il suo contrario. Il tutto presentato con grande serietà, come fatti indiscussi. Non tratterò qui tutti questi fatti, ma affronterò alcuni malintesi. Ma prima, un avvertimento. Quello che segue è un modello molto semplificato, e la realtà della tattica, dell’arte operativa e della strategia implicano molta più complessità. Tenetelo a mente quando leggete

L’(apparente) disaccordo tra Ze e “Biden”

Come ho detto ieri, Biden ha detto qualcosa di piuttosto strano ieri. Citazione: “La Russia sarà ritenuta responsabile se invade, e dipende da cosa fa – una cosa è se si tratta di una piccola incursione, e allora finiremo per dover litigare su cosa fare e cosa non fare, ma se faranno davvero quello che sono in grado di fare con le forze ammassate al confine sarà un disastro per

Le “élite” occidentali *sono* veramente stupide!

Per prima cosa, leggete qui: In una dichiarazione pubblicata mercoledì, l’ambasciata russa a Londra ha condiviso un articolo del The Telegraph in cui si afferma che l’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assunto dei meteorologi per prevedere quando Mosca potrebbe lanciare un’offensiva e un’invasione dell’Ucraina. La Russia ha criticato il piano suggerendo che i funzionari statunitensi farebbero meglio ad assumere degli astrologi. Vorrei solo aggiungere che pensare

Chi ha “perso” il Kazakistan, e a favore di chi?

Cari amici, Cristo è nato! Glorificatelo! L’entità della crisi in Kazakistan ha sorpreso molti, me compreso. Alcuni hanno paragonato quello che è successo all’EuroMaidan a Kiev, ma è un pessimo paragone, se non altro perché l’EuroMaidan è avvenuto in una piazza di una città, mentre la violenta insurrezione (perché questo è stato!) in Kazakistan è iniziata nelle regioni occidentali ma si è diffusa rapidamente in tutto il paese (che è

Valutazione degli esiti del summit Biden-Putin

Cominciamo col dire l’ovvio: chi sostiene che il vertice di Biden-Putin non abbia prodotto nulla di tangibile e sia stato, nella migliore delle ipotesi, una perdita di tempo, si sbaglia chiaramente, soprattutto perché ha frainteso la vera posta in gioco (e ciò che resta ancora in gioco dopo il vertice). Quali sono le prove di questo? Il primo e più evidente segnale che qualcosa di molto reale è accaduto è

Conto alla rovescia finale per la pace o la guerra

Quindi è confermato. Vladimir Putin e Joe Biden avranno quella che viene annunciata come una “lunga” conversazione diretta (non faccia a faccia, ma tramite un collegamento video sicuro) il prossimo martedì. Considerando le estreme tensioni in atto tra USA/NATO/UE e Russia, questo evento sarà, per definizione, un momento spartiacque, indipendentemente dall’esito. Le due opzioni di base sono a) verrà fatto un qualche tipo di accordo b) non verrà fuori nulla

Il prossimo Summit sulla Democrazia come una macchina del tempo?

Il “Summit per la Democrazia” [in inglese] di Biden, previsto per il 9-10 dicembre 2021, ha pubblicato l’elenco definitivo dei paesi invitati. Diamo un’occhiata: Albania Angola Antigua and Barbuda Argentina Armenia Australia Austria Bahamas Barbados Belgium Belize Botswana Brazil Bulgaria Cabo Verde Canada Chile Colombia Costa Rica Croatia Cyprus Czech Republic Democratic Republic of Congo Denmark Dominica Dominican Republic Ecuador Estonia European Union Fiji Finland France Georgia Germany Ghana Greece