Tag "NATO"

Le tre opzioni di Poroshenko

Le tre possibili opzioni a disposizione di Pietro Poroshenko per la risoluzione del conflitto in Ucraina   ***** Sottotitoli in italiano a cura di Mario per Sakeritalia.it

La NATO attraverso lo specchio: un viaggio personale dall’ingenuità alla lucidità

Era una fredda sera di marzo del 2004 quando io ed un insegnante russo di inglese uscimmo dalla University Embankment nella notte dell’isola Vasilevsky, a San Pietroburgo. Eravamo colleghi nella stessa scuola linguistica, che collaborava con la facoltà di Filologia della Università Statale in quella città. Il marciapiede era affollato di studenti, di altri insegnanti e personale amministrativo, perché i corsi erano molto popolari e venivamo buttati fuori alla 9

La NATO Scalda i Motori: attivazione di un Battaglione Carri Tedesco

La Germania ha pianificato l’attivazione di un battaglione carri che esiste solo sulla carta, nel tentativo di migliorare le proprie capacità militari. Il Ministro della Difesa ha parlato di “variazione dello stato di sicurezza” nel corso del conflitto in Ucraina. In un’intervista pubblicata su una rivista venerdì, il Ministro della Difesa Ursula von der Leyen, ha detto che il battaglione di base a Bergen, nello Stato della Bassa Sassonia, riceverà

Il colpo di stato “segreto” di Victoria Nuland in Georgia

Victoria Nuland inizierà a distribuire biscotti a Tbilisi? L’ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili va ripetendo da sei mesi che tornerà tra sei mesi! Non sono in programma elezioni, nè lui può ricandidarsi come presidente. Ora sfortunatamente, forse sappiamo cosa intendeva. Il 17 febbraio Victoria Nuland, vice segretario di stato statunitense, ha visitato Tbilisi. E’ nota per essere un’aperta sostenitrice del colpo di stato a Kiev dell’anno scorso, che ha portato

La Cina avvisa gli USA, si schiera con la Russia sul conflitto in Ucraina

E’ ufficiale: la Cina adesso diffida apertamente gli Stati Uniti dall’interferire ulteriormente in Ucraina   Quando si parla della guerra per delega in Ucraina, che è iniziata sul serio circa un anno fa con il violento colpo di stato che ha rovesciato l’allora presidente Yanukovich sostituendolo con un oligarca locale pro-USA, non ci sono stati dubbi su chi fossero gli attori principali: a sinistra c’era l’Occidente, personificato da USA, Unione

Ucraina Sitrep 24 febbraio 2015

Il ritiro delle armi pesanti ed il secondo accordo di Minsk (M2A) La situazione sulla linea di contatto é in generale calma. Le forze Novorusse stanno ritirando le loro armi pesanti in linea con la tabella di marcia, mentre le forze della junta, secondo la maggior parte dei rapporti, non lo stanno facendo o lo stanno facendo poco. La scusa per questi ritardi é che “non sono state create le

Ennesima provocazione statunitense: Veicoli NATO a 300 metri dal confine Russo

Mercoledì veicoli militari da combattimento statunitensi sono stati fatti sfilare per le strade di Narva, città che si affaccia sulla Russia, un atto simbolico che mette in risalto la posta in gioco per entrambe le parti, durante le peggiori tensioni tra l’Occidente e la Russia dai tempi della guerra fredda. I mezzi blindati Estoni e altri veicoli dell’esercito americano che passavano attraverso le strade di Narva, una città di confine

Libia, la Turchia appoggia gli islamisti di “Alba Libica”

Questo non è uno scenario futuribile di Geopoliticalcenter, questa è la realtà dei fatti che si stanno svolgendo in Libia da quando è caduto il governo del dittatore libico Gheddafi. In Libia contro Gheddafi intervenne la NATO. Tuttavia la posizione dei governi dell’alleanza non fu omogenea. Alcuni, come la Germania, non parteciparono all’azione, forti di una scelta strategica che non vedeva come una soluzione la deposizione tout court di Gheddafi. Altri

L’Ucraina è una rapina

Un audiovisivo che mette in luce gli aspetti economici che sono alla base del Colpo di Stato in Ucraina orchestrato dagli Stati Uniti ***** Sottotitoli in italiano a cura di Mario per Sakeritalia.it

Dietro il Grande Firewall dell’Occidente, la brutta verità

Il Grande Firewall Occidentale contro il Grande Firewall cinese: metodologie differenti, risultati identici. Una verità non detta è una menzogna. Un fatto nascosto è censura. – L’Autore Quando ho cessato di scrivere per Reflections in Sinoland, dicendo che per il momento non avrei mandato più articoli, in modo da scrivere il mio terzo libro, Red Letters – The Diaries of Xi Jinping, facevo sul serio. Ma nelle ultime due settimane, è