Tag "PSYOP"

Verso il vero Nuovo Ordine Mondiale

Introduzione Trent’anni fa George Bush Senior, con il sangue di un numero incalcolabile di civili e bambini iracheni morti sulla coscienza, fu il primo a rendere popolare il termine “Nuovo Ordine Mondiale”. Senza dubbio l’ispirazione gli venne guardando lo slogan su una banconota da un dollaro (del resto, da dove altro potrebbe trarre ispirazione un uomo del genere?). L’espressione, nel significato di Bush, è stata completamente screditata negli ultimi trent’anni.

In Europa c’è un pericoloso branco di iene in libertà

Si aspettavano forse che li trattassimo con rispetto? Possono lucidare le loro medaglie e affilare i loro sorrisi, e divertirsi con i giochi per un po’ bum bum, bang bang, sdraiati sei morto Roger Waters. Ormai la maggior parte di voi avrà sentito parlare del “misterioso” attacco missilistico che ha colpito la Polonia. Se ve lo siete perso, ecco alcuni articoli che mostrano come questo non-evento sia stato sviluppato dai

Alcune riflessioni sul ruolo degli “utili idioti” nelle moderne PSYOPS

Devo iniziare con un’ammissione: mentre l’uragano Ian è stato un disastro totale per la maggior parte della Florida, l’uragano Nicole è arrivato giusto in tempo per risparmiarmi di dover reagire all’idiozia di massa che circonda l’annunciato ritiro dell’esercito russo da Kherson. Se non avete ancora ascoltato Andrei Martyanov e Brian Berletic che ne hanno parlato con Gonzalo Lira, cliccate qui [in inglese] per ascoltare la loro conversazione. Inoltre, ascoltate i

L’escalation della NATO (di nuovo) non porta a nulla (di nuovo)

Penso che dovremmo iniziare questa panoramica su ciò che sta accadendo, ovvero che l’Occidente unito, alias l’Egemonia AngloSionista, è disperato e, in risposta a questa disperazione, sta facendo ogni sorta di sciocchezza pericolosa. Tutti conosciamo i Tre Grandi: L’attacco a NS1/NS2 L’attacco al Ponte di Crimea (CB) L’attacco alla base della Flotta del Mar Nero (BSF) a Sebastopoli. A dire il vero, si tratta di tre eventi completamente diversi. Uno

Alcuni aggiornamenti sulla crociata della NATO contro la Russia

Introduzione: impostazione del contesto attuale Prima di dare un’occhiata agli ultimi sviluppi più interessanti, penso sia importante affermare chiaramente una cosa che deve essere ripetuta quasi costantemente: quella a cui assistiamo oggi non è una guerra tra Russia e Ucraina, ma tra Russia e l’Occidente unito, consolidato. In pratica ciò significa che la Russia è in guerra con gli Stati Uniti e la NATO, con la seconda che non è

Sul ruolo e l’importanza delle PSYOP nella SMO

Introduzione: la proverbiale “nebbia di guerra” contro Internet Ascoltando tutte le innumerevoli opinioni e notizie (queste ultime per lo più false) su quanto è accaduto nei giorni scorsi in Ucraina, ho la sensazione di osservare mondi quasi non collegati. Il primo mondo è quello puramente militare, e in questo mondo è accaduto un incidente piuttosto piccolo. In questo mondo, è anche possibile che i russi abbiano messo in atto un’astuta

Aggiornamento sull’attacco ucraino a Kupiansk

Probabilmente mi pentirò di averlo fatto, ma lo farò comunque (sigh):  pubblicherò le mappe. Anzi, lo farò tre volte!. Primo, un video dell’avanzata ucraina dopo il loro contrattacco (senza audio):  . In secondo luogo, ecco una mappa per darvi un’occhiata più da vicino: . E infine una mappa di Google dell’area, con indicata la distanza effettiva tra Balakleia e Kupiansk: Cosa sto cercando di dimostrare? Due cose: Questo è,

“I russi” commettono ancora un’altra “atrocità”

La grossa notizia di oggi è che quei diabolici russi hanno lanciato un missile Tochka-U con una testata a sub-munizioni sulla città di Kramatorsk, uccidendo un mucchio di civili innocenti. L’“intero mondo civilizzato” è disgustato, e ha annunciato immediatamente ancor PIÙ sanzioni, PIÙ condanne e PIÙ segnalazioni virtuose antirusse. Piccolo problema: la Russia non ha i missili Tochka-U, che sono missili sovietici vecchi di trent’anni, sorpassati di gran lunga dai

Giorno 39 della SMO russa – alcuni sviluppi

Cominciamo con l’Ungheria: Viktor Orban ha vinto con una maggioranza schiacciante le ultime elezioni. Ciò ha senso, poiché le politiche di Orban hanno garantito che l’Ungheria riceva, per i prossimi 15 anni (se ricordo bene), la sua energia a prezzi bassi e stabili, mentre gli Eurolemmings avranno la loro agli astronomici prezzi del mercato libero avendo scelto di preferirlo ai contratti a lungo termine. Lo stesso per i vari cibi,

Le molte “grandi esternazioni” innescate dalla guerra in Ucraina

Cari amici, per quattro settimane abbiamo parlato dell’operazione militare speciale della Russia, e la gran parte degli eventi discussi avvenivano o in Ucraina o lì vicino. Mi ricordo di tutte le volte in cui menzionavo “non riguarda solo l’Ucraina ma la futura configurazione della sicurezza collettiva in Europa”, il che è vero. Ma anche questo non mostra il quadro completo. Allora, oggi, propongo di allargare la vista e guardare ad