Tag "Serbia"

Echi dalla prima guerra Neocon in Europa

Innanzitutto, ho scoperto che BitChute blocca anche i video realizzati dai miei russi che mostrano operazioni di combattimento. Rumble non l’ha fatto, almeno finora, quindi in futuro continuerò ad usare Rumble per pubblicare video “politicamente scorretti” o comunque “offensivi”. Tuttavia, l’unica soluzione possibile è avere un servizio di hosting video in un paese sovrano. Poi, non posso entrare nei dettagli qui e ora, ma si tratta di qualcosa di molto

Cosa ci vorrebbe?

Come la NATO ha “celebrato” il Natale Ortodosso La NATO ha “celebrato” il Natale Ortodosso, ma a modo suo. Innanzitutto, alcuni titoli: Ricordate la tregua offerta dalla Russia? È stata rifiutata. Invece abbiamo ottenuto questo [entrambi i link in inglese]: Le autorità: Donetsk bombardata nel primo minuto della tregua natalizia Due serbi uccisi nell’attacco della vigilia di Natale in Kosovo E, giusto per chiarire, la NATO usa la Serbia come

La NATO sta cercando un pretesto per attaccare la Serbia (ancora)

Come ho accennato [in italiano] di recente, la situazione nel Kosovo occupato dalla NATO si sta rapidamente deteriorando (si veda qui e qui [in inglese]). L’umiliazione della NATO in Ucraina sta spingendo i leader dell’alleanza a cercare di dimostrare il loro “valore marziale” e la loro “virilità” facendo sì che, e cito, “ogni tanto gli Stati Uniti devono prendere un piccolo paese schifoso e sbatterlo contro un muro solo per

Gli Stati Uniti cercheranno di fare una “Grenada” in Serbia?

Ricordate l’invasione statunitense di Grenada del 1983, nota come “Operazione Urgent Fury”? Tutto iniziò il 23 ottobre 1983, quando due camion bomba fecero esplodere gli edifici che ospitavano la “Forza multinazionale in Libano” statunitense e francese. L’attacco causò 307 morti, tra cui 241 militari statunitensi e 58 francesi. In seguito agli attentati i diplomatici statunitensi s’impegnarono nel solito frenetico sventolio di bandiere e nella promessa di non cedere mai e

Altri segni della tempesta in arrivo

Oggi, come faccio spesso, menzionerò alcuni titoli e aggiungerò alcuni commenti a ciascuno di essi. Quindi eccoci qui [tutti i link in inglese]: Biden “indignato” dalla mossa russa: che si parli del vero, reale, Biden, o del collettivo “Biden” non fa differenza: gli Anglo hanno usato l’accordo sul grano per attaccare la Russia, e Biden è indignato dal fatto che la Russia ne facesse un problema. Dovete concederlo: i leader

L’Unione Europea denuncia, con coraggio, il terrorismo :-)

Prima, due titoli [entrambi in inglese, qui il primo, qui il secondo]: Un condominio colpito durante i bombardamenti ucraini sulla città russa – il sindaco L’Assemblea del Consiglio d’Europa definisce la Russia “regime terroristico”.. Logico, no?. Probabilmente è anche per questo che il capo della politica estera dell’Unione Europea, Josep Borrell, non minaccia [in inglese] l’esercito russo di annientamento (a quanto pare, Borrell non si rende conto che l’Unione Europea

Lobbysta della NATO vuole che la Serbia doni armi all’Ucraina e sanzioni la Russia

Dall’inizio dell’operazione militare speciale russa, in risposta al tentativo di pulizia etnica dell’Ucraina nel Donbass, gli Stati Uniti e la NATO hanno fatto pressioni sugli stati membri, e persino sui membri dell’UE non ufficialmente nella NATO, affinché inviassero le loro armi dell’era sovietica, e altre di fabbricazione russa in Ucraina. Le ragioni per cui USA e NATO spingono in tal senso sono molteplici. In primo luogo, i paesi in questione

La NATO cerca di punire la politica sulla guerra in Ucraina di Belgrado armando il Kosovo

Dopo aver fornito attrezzature e incoraggiato un’Ucraina militarizzata, la Gran Bretagna ha ora iniziato ad armare gli albanesi del Kosovo con sistemi missilistici anticarro Javelin e NLAW. L’ambasciata britannica a Belgrado ha affermato che alcuni media serbi hanno pubblicato affermazioni inventate di esportazioni di armi dal Regno Unito al Kosovo, e ha affermato che non c’era verità in quelle accuse. Tuttavia, il ministro dell’Interno serbo Aleksandar Vulin insiste sul fatto

Intermezzo: giusto un paio di commenti su vari problemi e un breve video

Primo, devo aggiornavi su un paio di cose: Vista l’attuale crisi, la quantità di lettori è sostanzialmente aumentata. Siamo stati contattati da abbastanza candidati moderatori per coprire le nostre necessità. Internet sta letteralmente esplodendo con speculazioni sull’incontro tra Putin e Xi di domani. Francamente preferisco attendere informazioni ufficiali prima di offrire qualsiasi analisi; ciò significa che, a meno che qualcosa di drammatico non succeda domani, potrete aspettarvi una mia analisi

Intorno al Kosovo è iniziato il gioco dell’esasperazione

La scorsa settimana le autorità del Kosovo non riconosciuto hanno vietato l’uso di targhe serbe sul loro territorio, e unità delle forze speciali albanesi le stanno rimuovendo con la forza dalle auto che appartengono ai serbi locali. Queste azioni hanno immediatamente provocato tensioni nelle relazioni, a lungo tese, tra Pristina e Belgrado, al punto che gli esperti hanno iniziato a parlare della minaccia di nuovi scontri militari con destabilizzazione dell’intera