Le vittime militari ucraine ora sono un problema. Prima di questa settimana la maggior parte degli analisti militari occidentali accettava la propaganda ucraina secondo cui la Russia stava dissanguando le truppe, ma l’Ucraina stava andando bene. Quel cane è morto. Un nuovo amico, Stephen Bryen, ha appena pubblicato un pezzo su Asian Times che fornisce una valutazione onesta e incisiva del pericolo che corre l’Ucraina. Stephen Bryen è senior fellow presso il Center for Security Policy e lo Yorktown Institute. Ha servito come alto funzionario del Dipartimento della Difesa nell’amministrazione Reagan. Il suo articolo è intitolato Le vittime militari ucraine sono un grosso problema per Biden [in inglese]:

Le pesanti perdite dell’Ucraina sono un segnale che la guerra de facto di Washington con la Russia è nei guai. Il presidente Joe Biden deve cambiare direzione, o affrontare una crisi della sicurezza nazionale che potrebbe porre fine alla sua presidenza.

L’Ucraina potrebbe sembrare vincente. La verità è l’opposto, perché l’Ucraina sta esaurendo il personale che non può sostituire. Sta perdendo per logoramento sul campo di battaglia e, con i russi che distruggono sistematicamente le sue infrastrutture, milioni di ucraini [in inglese] sono fuggiti all’estero. È improbabile che il paese possa riprendersi, anche se la guerra dovesse finire domani.

Nel frattempo, i problemi di personale della Russia sono meno gravi. Mosca ha rimpinguato la sua fornitura di truppe di prima linea attraverso un impopolare programma di coscrizione interna, che ora è stato esteso ai territori che occupa in Ucraina.

L’Ucraina si trova in una posizione simile a quella che affrontò la Confederazione nel 1864, durante la Guerra di Secessione Americana. Il Nord dominava il Sud in termini di personale. Anche se le forze del generale statunitense Ulysses Grant subirono più perdite rispetto alle forze del sud guidate da Robert E. Lee durante il 1864, il Nord poteva facilmente rimpiazzare le sue perdite. Il Sud non poteva. Nell’aprile 1865 il Sud esaurì la sua capacità di fornire nuove reclute e rafforzare i battaglioni decimati, e fu costretto dalla necessità ad arrendersi.

Un destino simile attende l’Ucraina. Ma questa non è una ripetizione dell’ultimo anno della Guerra di Secessione Americana, in cui le truppe dell’Unione hanno effettuato ripetuti assalti ai Confederati trincerati. La Russia, a differenza dell’esercito americano sotto Grant, non sta subendo enormi perdite e ha a malapena attinto alle sue riserve militari. L’Ucraina, al contrario, sta esaurendo le sue risorse umane, e non può più fornire l’addestramento militare essenziale all’interno dei suoi confini geografici.

Le foto e i video delle vittime ucraine stanno popolando Internet. L’immagine qui sotto, a quanto ho capito, è un cimitero progettato dagli Stati Uniti per i soldati ucraini caduti. Ogni piazza può ospitare 105 tombe. Sembra che ci siano 24 piazze di sepoltura e un potenziale di 2.520 luoghi di sepoltura.

Il seguente video è stato pubblicato nel luglio 2022.

Eccoci quattro mesi dopo e la conta dei morti continua a salire.

La maggior parte degli americani è ancora accecata dalla propaganda anti-russa, e non riesce a capire che la capacità della Russia di sostenere le sue operazioni militari è solida. Il mio amico Stephen, ad esempio, è ancora bloccato in una mentalità dell’era sovietica quando si tratta di valutare le capacità russe.
Scrive:

Anche la Russia, come è ormai noto, ha seri problemi sia nel reclutamento che nell’addestramento dei soldati, sia nella capacità di sostituire le armi. Ma la Russia ha anche enormi scorte di guerra che aveva acquisito prima della caduta dell’Unione Sovietica, e ora ne sta portando una parte [in inglese] nella guerra in Ucraina.

La realtà è l’opposto. Sono gli Stati Uniti che stanno lottando per raggiungere gli obiettivi di reclutamento. La mobilitazione della Russia è stata travisata in gran parte della stampa occidentale come arruolamento forzato di “coscritti”. La maggior parte delle “nuove” reclute erano riservisti esperti. L’affermazione che i comandanti russi stiano fornendo un addestramento inadeguato è una fantasia delirante occidentale. Ecco una clip dell’addestramento dei soldati a sparare e muoversi come una squadra:

https://t.me/mod_russia_en/5245

Il mio amico Stephen non riesce ad apprezzare nemmeno che l’industria della difesa russa è moderna, efficiente e lavora 24 ore su 24. La produzione dei sistemi di difesa aerea S-400 e S-500 supera qualsiasi cosa creata durante l’era sovietica. Lo stesso vale per le capacità di guerra elettronica della Russia. E né gli Stati Uniti né la NATO hanno un sistema d’arma paragonabile ai missili ipersonici che la Russia sta usando con grande efficacia su infrastrutture e basi cruciali ucraine.

Con l’arrivo dell’inverno, le truppe ucraine dovranno affrontare difficoltà più scoraggianti. Saranno più propense a cercare riparo e ridurre al minimo i movimenti a causa della mancanza di veicoli e carri armati. La Russia, invece, potrà concentrare il fuoco sulle posizioni fisse ucraine, il che significa più vittime ucraine.

Se la Russia persiste nella sua campagna volta a distruggere la capacità dell’Ucraina di produrre e distribuire elettricità, acqua e gas, la capacità dell’Ucraina di fornire cibo e munizioni alle sue truppe si ridurrà sostanzialmente. In breve, l’Ucraina ha di fronte un inverno buio e pericoloso.

*****

Articolo di Larry Johnson pubblicato su A Son of the New American Revolution l’1 dicembre 2022
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia

[le note in questo formato sono del traduttore]

__________

La redazione di Saker Italia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce.

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: