Le nazioni occidentali hanno iniziato ad impegnare una varietà di veicoli corazzati occidentali in Ucraina, inclusi veicoli da combattimento per la fanteria e persino carri armati. Fino ad ora la maggior parte dei veicoli corazzati inviati in Ucraina erano mezzi di epoca sovietica, che le forze ucraine conoscevano sia in termini di funzionamento che di riparazione.

Tuttavia, in seguito alle offensive ucraine di Kherson e Kharkov, gran parte di questo equipaggiamento è stato distrutto, non lasciando all’Occidente altra scelta che iniziare ad inviare sistemi occidentali, o lasciare sul campo le forze ucraine con solo armi leggere.

Mentre i leader e i media occidentali affermano che i veicoli corazzati occidentali rappresentano un aumento significativo delle capacità ucraine, la realtà è esattamente l’opposto. Lungi dal dare all’Ucraina un vantaggio sul campo di battaglia, le forze ucraine lotteranno per portare semplicemente i veicoli sul campo di battaglia, e mantenerli lì. Inoltre, i recenti conflitti in altre parti del mondo hanno dimostrato che i veicoli corazzati occidentali, compresi i carri armati, non sono né “invincibili” né “rivoluzionari”.

Pertanto, se le centinaia di carri armati dell’era sovietica, veicoli da combattimento per la fanteria e mezzi corazzati ucraini non sono riusciti ad ottenere risultati favorevoli per Kiev, è improbabile che la sostituzione di questi sistemi con mezzi occidentali possa fare alcuna differenza.

Logistica, addestramento e manutenzione

Per far entrare gli ucraini nei veicoli corazzati occidentali, dovranno essere addestrati alle operazioni di base, all’uso efficace su un moderno campo di battaglia insieme ad altri carri armati e sistemi d’arma, e al mantenimento sul campo di battaglia (manutenzione). I carristi principianti possono impiegare fino a sei mesi [in inglese] per acquisire queste competenze – tempo che l’Ucraina non ha, il che significa che, a meno che gli operatori occidentali non li gestiscano fingendosi ucraini, verranno invece impartiti corsi fortemente abbreviati, producendo operatori scadenti rispetto all’addestramento e all’efficacia che gli equipaggi dei carri armati ucraini avevano sul campo di battaglia, utilizzando il proprio equipaggiamento all’inizio dell’Operazione Militare Speciale della Russia.

Un altro aspetto della maggior parte dei carri armati occidentali è che, a differenza dei carri armati sovietici e russi, che dispongono di caricatori automatici per i loro cannoni principali, Leopard 2, Challenger 2 e M1 Abrams richiedono che un membro dell’equipaggio carichi manualmente i cannoni. Quindi, mentre i carri armati dell’era sovietica e russi hanno tre membri dell’equipaggio (un conduttore, un mitragliere e un comandante) i carri armati occidentali richiedono un quarto uomo, il caricatore. Ciò significa che per ogni 3 carri armati occidentali inviati in Ucraina, saranno necessari quattro equipaggi di carri armati ucraini per equipaggiarli – carristi più addestrati distribuiti su un minor numero di carri armati.

Prima che questi carristi ucraini appena addestrati possano salire i loro veicoli corazzati occidentali, questi devono essere spostati sul campo di battaglia. I veicoli da combattimento per la fanteria occidentali come il Bradley statunitense e il Marder tedesco sono più pesanti delle loro controparti sovietiche e russe. Così come i carri armati Challenger 2 e Leopard 2 promessi da Regno Unito e Polonia. L’M1 Abrams americano è ancora più pesante.

Spostare i veicoli su camion o su rotaia solo per raggiungere il campo di battaglia diventa così una sfida. La seconda opzione, la ferrovia, è ulteriormente complicata dal fatto che gran parte del materiale rotabile ucraino è mosso dalla trazione elettrica, che è stata gravemente inibita dal sistematico attacco e distruzione della rete elettrica ucraina da parte della Russia. C’è anche la questione della manutenzione di questi veicoli corazzati sul campo di battaglia mentre operano. Consumeranno quantità di carburante molto maggiori rispetto ai precedenti veicoli corazzati ucraini, il che significa che sarà necessario più carburante, e molto più spesso.

I veicoli più pesanti comportano una maggiore usura dei componenti meccanici, comprese le trasmissioni, le sospensioni, le ruote e i cingoli dei veicoli. L’aumento della manutenzione richiesta da personale appena addestrato e inesperto impedirà ai veicoli di funzionare al massimo delle loro potenzialità. Ancora più problematico è che i veicoli corazzati occidentali – sia veicoli da combattimento per la fanteria che soprattutto carri armati occidentali – possiedono ottiche complesse e sistemi di controllo del fuoco computerizzati. Ci vogliono mesi solo per addestrare i tecnici a fare una diagnosi di questi sistemi, e un anno o più per addestrarli e acquisire esperienza nella loro riparazione effettiva.

Ciò che è molto più probabile è che gli equipaggi dei blindati ucraini saranno costretti ad inviare regolarmente veicoli guasti al confine con la Polonia per essere riparati. A seconda di dove si stanno svolgendo i combattimenti, questo può trovarsi fino a 1000 km di distanza dalla linea del fronte. Sono quindi altri 1000 km per tornare al fronte. Le strutture di manutenzione ucraine gestite da tecnici occidentali non possono essere stabilite nella stessa Ucraina, perché la Russia possiede i mezzi per bersagliarle e distruggerle con armi di precisione a lungo raggio come missili da crociera e droni.

Ciò significa che i veicoli corazzati occidentali possono trascorrere più tempo in transito o in riparazione piuttosto che a combattere effettivamente sul campo di battaglia.

Poiché i veicoli corazzati della NATO utilizzano diversi tipi di munizioni rispetto a quelli utilizzati dall’Ucraina con i propri veicoli corazzati, dovranno essere spediti costantemente al fronte per mantenere questi veicoli in azione. Mentre molti carri armati della NATO sparano colpi da 120 mm da cannoni a canna liscia, il Challenger 2 inglese spara munizioni uniche dal suo cannone principale rigato da 120 mm. Ciò significa che sarà necessario stabilire due catene di approvvigionamento per i Challenger 2 e i Leopard 2. Lo stesso vale per i pezzi di ricambio di base per le riparazioni meccaniche che gli equipaggi ucraini devono essere in grado di operare sul campo.

I carri armati occidentali sono tutt’altro che invincibili

Gli esperti sostengono che, nonostante le numerose sfide che l’Ucraina deve affrontare nell’impiegare i veicoli da combattimento per la fanteria Bradley e Marder insieme ai carri armati Challenger 2 e Leopard 2, le capacità di questi veicoli daranno alle forze ucraine un vantaggio decisivo sul campo di battaglia rispetto a quelle russe. Tuttavia le prestazioni di questi veicoli corazzati nei recenti conflitti indicano l’esatto contrario.

Il Leopard 2 è ampiamente utilizzato in tutta la NATO, inclusa la Turchia. La Turchia li ha schierati durante diverse incursioni nel nord della Siria contro le forze irregolari curde e dello “Stato Islamico”. La loro performance è stata descritta in un articolo [in inglese] di National Interest del 2019 intitolato minacciosamente “I carri armati Leopard 2 della Turchia vengono distrutti in Siria”, che osservava:

…Sono emerse prove che numerosi Leopard 2 sono stati distrutti in intensi combattimenti contro al-Bab in mano all’ISIS, uno scontro che i leader militari turchi hanno descritto come un “trauma”, secondo Der Spiegel. Un documento pubblicato online indicava che l’ISIS avrebbe distrutto dieci dei presunti invincibili Leopard 2; cinque, secondo quanto riferito, da missili anticarro, due da mine od ordigni improvvisati, uno da razzi o colpi di mortaio e gli altri per cause più ambigue.

L’articolo si collega alle fotografie dei carri armati Leopard 2 distrutti, a volte affiancati a veicoli da combattimento per la fanteria turchi, e almeno due con le torrette completamente fatte saltare dagli scafi dei carri armati, che illustrano quanto sia vulnerabile qualsiasi carro armato, russo o occidentale, alle moderne armi anticarro. Il National Interest elenca i missili anticarro AT-7 Metis e AT-5 Konkurs, entrambi prodotti dall’Unione Sovietica e ora dalla Federazione Russa, come i responsabili di almeno 5 dei carri armati Leopard 2 distrutti.

Mentre il carro armato da battaglia occidentale più ampiamente prodotto è l’M1 Abrams, a causa del suo motore a turbina affamato di carburante e del peso eccezionalmente elevato non è pratico inviarne un gran numero in Ucraina. Il Leopard 2, prodotto in gran numero e ampiamente utilizzato in tutta la NATO con il suo motore diesel, lo rende il candidato più probabile per sostituire la maggior parte delle forze corazzate ucraine; ma considerando le sue prestazioni contro forze, anche irregolari, sul campo di battaglia, questo lascia solo prospettive desolanti per l’Ucraina.

Il Challenger 2 inglese non è andato meglio. Il mito che ha è dovuto agli insabbiamenti e alla deliberata propaganda di guerra, come esposto da un articolo [in inglese] del Telegraph del 2007 intitolato “Il Ministero della Difesa ha tenuto nascosto il fallimento del miglior carro armato”, che osservava:

Il Ministero della Difesa aveva affermato che un attacco del mese scorso che ha penetrato la corazza di un carro armato è stato il primo del suo genere in quattro anni di guerra in Iraq. Ma un altro Challenger 2 è stato trafitto da una potente granata a propulsione a razzo nell’agosto dello scorso anno, durante un attacco che ha fatto saltare via parte del piede di un soldato e ne ha feriti molti altri.

L’articolo sottolineava che l’arma che probabilmente ha danneggiato il Challenger 2 era l’RPG-29 di fabbricazione russa. Esso nota:

L’RPG-29 è un’arma molto più potente del tipo comune utilizzato regolarmente dagli insorti per attaccare le truppe britanniche. È specificamente progettato per penetrare la corazza dei carri armati, anche se questa è la prima volta in cui riesce a danneggiare un Challenger 2.

E che dire degli altri carri armati occidentali che condividono un design e filosofie dottrinali simili? Si sono comportati meglio? È una questione che vale la pena considerare, sia per valutare il potenziale di combattimento dei veicoli corazzati occidentali in generale, sia per anticipare ulteriori trasferimenti in Ucraina che potrebbero includere questi altri veicoli.

L’M1 Abrams, come il Challenger 2, ha una reputazione leggendaria. Ma gli stessi Stati Uniti hanno subito la perdita di diversi M1 Abrams in Iraq dal 2003 in poi. Un nuovo articolo [in inglese] della CBS del 2003 intitolato “Carro armato americano colpito, 2 soldati morti in Iraq”, ha osservato che l’M1 Abrams messo fuori combattimento è stato danneggiato da una bomba o da un ordigno esplosivo improvvisato.

L’M1 Abrams è stato trasferito agli alleati degli Stati Uniti, inclusa l’Arabia Saudita. Un articolo [in inglese] di Defense One del 2016 intitolato “L’accordo sui carri armati statunitensi mette in luce le perdite saudite nella guerra in Yemen” spiegherebbe:

Martedì il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e il Pentagono hanno approvato una vendita da 1,2 miliardi di dollari di 153 carri armati Abrams all’Arabia Saudita. Ma non è questa la vera novità.

Risulta che 20 di quei carri armati, fabbricati in America dalla General Dynamics Land Systems, sono “sostituti per i danni da battaglia” dei carri armati sauditi persi in combattimento.

Anche se l’annuncio formale delle vendite non dice dove stavano combattendo i carri armati, si ritiene che l’esercito saudita abbia perso alcuni dei suoi oltre 400 Abrams nello Yemen, dove sta combattendo i separatisti Huthi sostenuti dall’Iran.

È molto chiaro che, tutt’altro che invincibile, nonostante il peso enorme e il consumo di carburante elevato, anche le forze irregolari sono in grado di affrontare e sconfiggere l’M1 Abrams.

Gli esperti hanno affermato che le pesanti perdite dell’M1 Abrams saudita sono dovute al fatto che il modello da esportazione manca di caratteristiche chiave, tra cui corazze speciali ed elementi di controllo del tiro responsabili delle loro scarse prestazioni. Ma è improbabile che gli Stati Uniti trasferiranno mai M1 Abrams in Ucraina con corazze segrete o sistemi di controllo del tiro altamente sofisticati, esattamente per gli stessi motivi per cui gli Stati Uniti non hanno inviato nessuno dei loro moderni veicoli aerei senza pilota come il Grey Eagle [in inglese]. La cattura di uno di questi sistemi d’arma da parte delle forze russe – un fenomeno molto comune durante l’operazione militare speciale – significherebbe che queste caratteristiche avanzate sarebbero rapidamente messe sotto esame da parte degli ingegneri russi.

E infine, mentre è altamente improbabile che i carri armati israeliani Merkava finiscano nelle mani delle forze ucraine, il Merkava è considerato uno dei migliori carri armati sulla Terra. Anche loro, tuttavia, non solo si sono comportati male contro le moderne armi anticarro, ma contro le armi anticarro prodotte dalla Federazione Russa in particolare.

Haaretz nel suo articolo [in inglese] del 2006, “Il fuoco anticarro di Hezbollah causa molte perdite alle forze israeliane in Libano”, scriveva:

Le squadre anticarro di Hezbollah utilizzano una nuova e particolarmente potente versione dell’RPG di fabbricazione russa, l’RPG-29, che è stato venduto da Mosca ai siriani e poi trasferito all’organizzazione Sciita.
Il potere di penetrazione dell’RPG-29 deriva dalla sua testata in tandem, e in diverse occasioni è riuscito a superare la massiccia corazza dei carri armati Merkava.

Va notato che in ogni caso, che si trattasse di forze turche nel nord della Siria, forze saudite nello Yemen, forze statunitensi e britanniche in Iraq, o forze israeliane in avanzata nel Libano meridionale, ogni operazione militare è consistita di equipaggi di carri armati ben addestrati, appoggiati da linee logistiche su larga scala e come parte di un combattimento di armi combinate ben organizzato che include fanteria, artiglieria e supporto aereo.

Cosa accadrà quando gli equipaggi dei carri armati ucraini, con un addestramento abbreviato, tenteranno di impiegare i carri occidentali sul campo di battaglia, solo senza l’adeguato supporto logistico o di armi combinate di cui la Turchia, gli Stati Uniti e il Regno Unito, l’Arabia Saudita e Israele sono capaci? E cosa accadrà quando questi equipaggi affronteranno armi anticarro di fabbricazione russa che negli anni si sono dimostrate altamente efficaci contro i migliori carri armati occidentali, ora che queste armi anticarro sono nelle mani delle stesse truppe russe?

Sono state le forze russe a distruggere centinaia e centinaia di veicoli corazzati ucraini nel corso dell’Operazione Militare Speciale, esaurendo sia i depositi dell’Ucraina che quelli della NATO di equipaggiamento dell’era sovietica, che ha spinto l’Occidente a considerare l’invio dei propri corazzati.

Efficaci armi anticarro di fabbricazione russa come i guidati AT-7 Metis e AT-5 Konkurs, ma anche il nuovo missile Kornet 9M133, insieme alle granate a propulsione RPG-29 e ora RPG-30, produrranno sicuramente gli stessi risultati distruttivi sperimentati dagli equipaggi di carri armati turchi, statunitensi, britannici, sauditi e israeliani. Ma le forze ucraine dovranno anche affrontare centinaia di carri armati russi, inclusi i carri armati T-72 e T-80 modernizzati, nonché il più recente T-90 Proryv. Anche l’aviazione militare russa ha una varietà di armi in grado di colpire con precisione i veicoli corazzati, e l’artiglieria russa è più che in grado di distruggere i carri armati anche in movimento utilizzando proiettili di artiglieria Krasnopol a guida laser.

In altre parole, gli equipaggi dei carri armati ucraini saranno meno preparati e combatteranno in condizioni tutt’altro che ideali rispetto alle loro controparti occidentali, e combatteranno contro un arsenale di armi anticarro molto superiore sia in termini di quantità che di qualità. Proprio come altre “armi miracolose” occidentali avevano presumibilmente “invertito la tendenza”, tra cui l’obice M777 da 155 mm e il sistema di lanciarazzi multiplo guidato da GPS HIMARS, l’Ucraina si trova ad aver bisogno di un’altra “arma miracolosa” per indurre l’ennesimo necessario “cambio di marea”. I carri armati occidentali aiuteranno l’Ucraina a prolungare il conflitto, ma alla fine Kiev e i suoi sponsor occidentali si ritroveranno al punto di partenza.

*****

Articolo di Brian Berletic pubblicato su Land Destroyer il 18 gennaio 2022
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia

[le note in questo formato sono del traduttore]

__________

La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce. 

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: