Ieri ho ricevuto un’e-mail da un mio amico ucraino. Per “ucraino” intendo che la sua cultura e la sua identità sono ucraine, ama il suo retaggio, parla la lingua e ama il suo paese. Di fatto è quello che definirei un “vero ucraino” in contrapposizione agli ucraini al potere a Kiev. Ci corrispondiamo regolarmente, e ci scambiamo opinioni su ciò che sta accadendo. Ecco un estratto di ciò che gli ho scritto ieri:

Anche a me si spezza il cuore per l’evoluzione della guerra di liberazione dell’Ucraina dalla NATO: pur non avendo dubbi sull’esito, sono inorridito al pensiero di ciò che questo comporta per la popolazione civile. La mia tristezza è resa ancora più profonda dalla consapevolezza che, in larga misura, il popolo ucraino se l’è cercata. La Russia ha tentato con tutte le sue forze di non fare una guerra, poi ha tentato con tutte le sue forze di salvare i civili e le infrastrutture civili. Ma la popolazione sotto l’occupazione nazista ha creduto a tutta la propaganda del regime di Kiev e dell’Occidente, e ora ci sarà un inferno da pagare. Per sei mesi queste persone ingenue hanno pensato che l’Ucraina stesse vincendo, perché non riuscivano nemmeno a capire che la Russia stava usando solo il 10% delle sue forze e stava cercando di salvare il maggior numero possibile di ucraini. Ma no, stavano festeggiando l’omicidio di Dugina, l’attacco al ponte di Crimea, gli attacchi alla centrale nucleare di Zaporozhye, ora pagheranno un prezzo orribile per queste illusioni e, francamente, per la mancanza di decenza/moralità.

Come ha detto Douglas MacGregor, “i russi stanno per portare una mazza” per vaporizzare le forze NATO in Ucraina.
Non l’abbiamo voluto noi.
Ci è stato imposto.
Che altro posso dire?
I nazisti saranno schiacciati, ma i costi per farlo saranno inutilmente alti.
Milioni di rifugiati si aggiungeranno ai milioni di persone che sono già fuggite.
Sono assolutamente disgustato, triste e arrabbiato per questo risultato.

Come dice una canzone rock che conosco (“Gates of Babylon” dei Rainbow – vedi sotto): “Dormi con il diavolo e poi devi pagare, dormi con il diavolo e il diavolo ti porterà via”.
Mi dispiace dire che credo che il popolo ucraino abbia “dormito con il diavolo” (l’Occidente) e ora arriva l’inevitabile..

Dopo aver inviato la mia e-mail ho continuato a pensare alla totale follia delle azioni ucraine. Un osservatore esterno potrebbe essere perdonato per aver pensato che il popolo ucraino abbia una sorta di desiderio di morte, e se forse non la maggior parte della gente, almeno i leader dell’Ucraina. E poi ho capito.

L’Ucraina sta facendo quello che negli Stati Uniti è noto come “farsi suicidare da un poliziotto”, che Wikipedia definisce [in inglese] come: “suicidio da parte di un poliziotto, o suicidio da parte della polizia, è un metodo di suicidio in cui un individuo suicida si comporta deliberatamente in modo minaccioso, con l’intento di provocare una risposta letale da parte di un agente di pubblica sicurezza o delle forze dell’ordine”..

Ecco cosa dice [in inglese] il Law Enforcement Bulletin dell’FBI in merito a tale situazione: (sottolineatura aggiunta):

Le situazioni di suicidio da parte di un poliziotto sono più intense di altre chiamate di suicidio. Tutte le parti sono armate, o la vittima sembra esserlo. L’individuo è attivo, piuttosto che passivo, e aggressivo nei confronti della polizia o di altri. Nonostante le sue caratteristiche uniche, l’SBC si adatta al modello di comportamento suicida come esito pianificato di un processo psicologico in corso. La prevenzione e l’intervento sono possibili nelle stesse modalità del suicidio con altri mezzi. In teoria, i suicidi sono prevenibili; ma realisticamente potrebbero non esserlo a causa della natura del piano o del punto in cui i primi soccorritori incontrano l’individuo suicida. La SBC spesso non è prevenibile. Questo dev’essere considerato nelle conseguenze per gli agenti..

E, tanto per chiarire, non ritengo che la Russia sia una sorta di “poliziotto” che deve far rispettare la legge. Non lo ritengo affatto. Ma vedo un parallelo morale tra il poliziotto che non vuole uccidere la persona suicida con una pistola, ma potrebbe non avere scelta, e il fatto che la Russia semplicemente non avesse altra scelta se non quella di agire quando il Donbass era minacciato da un’imminente invasione e la Russia era minacciata dai piani ucraini per acquisire un’arma nucleare.

A volte l’unico modo per disarmare una persona è usare la propria pistola. È esattamente quello che è successo in questo caso.

Ciò che rende tutto questo ancora peggiore è che le forze oscure dell’Occidente che hanno creato [in inglese] l’Ucraina si sono unite ai nazisti e ai neoconservatori (i due brutti gemelli che si combattono ma si assomigliano tanto!) per spingere il popolo ucraino in una guerra che non ha mai avuto alcuna possibilità di vincere. L’esercito ucraino è stato sconfitto a metà marzo, ma questo non è bastato all’Egemonia, che ha ordinato ondate di mobilitazioni e ha inviato MIGLIAIA di “consiglieri” e “volontari”. A metà estate quello che era stato un esercito ucraino è stato sostanzialmente sostituito da una forza NATO de facto, che ora viene anche “smilitarizzata”.

L’Impero AngloSionista ha promesso al popolo ucraino pace, prosperità e tutte le ricchezze della propaganda occidentale (che è ben diversa dalla realtà dell’Occidente), e l’ignorante popolo ucraino (cui è stato fatto il lavaggio del cervello prima dalla propaganda sovietica e poi da quella occidentale) si è bevuto tutto, “amo, lenza e piombino”. È come se due adulti viziosi promettessero ad un bambino di cinque anni delle caramelle super golose, e gli dicessero che “tutto quello che deve fare” in cambio delle caramelle è lanciare qualche sasso ad un orso addormentato, e “non preoccuparti, se l’orso si sveglia, ti proteggeremo noi!”.

Ora l’orso si è svegliato, ed è molto arrabbiato: il bambino di cinque anni è sventrato mentre gli adulti viziosi che gli avevano promesso “una terra in cui scorre latte e miele” lo guardano (da quella che – erroneamente – credono essere una distanza di sicurezza) e ridono di tutto questo.

Questo è veramente un male demoniaco.

C’è ancora chi non può, o non vuole, capire cosa sta accadendo.

Perciò condividerò con voi un video che sta circolando su Internet e che mostra esattamente come si presenta tutto questo nella realtà.

Guardate voi stessi: (non c’è bisogno di una traduzione se non “ВСУ” che significa “Forze Armate dell’Ucraina”):

Il video mostra due tentativi di attacco da parte delle forze ucraine: prima le forze della LDNR e poi le PMC Wagner. Quello che succede è prevedibile: prima si vede uno scambio a fuoco con armi leggere, poi i russi usano i mortai. Seguono colpi di artiglieria russi molto precisi. Poi attacchi MLRS su larga scala, seguiti da altri attacchi da parte di una coppia di Su-25 e di un singolo Su-34. Secondo le fonti russe, in questo (piccolissimo) attacco, tutti (la maggior parte?) gli ucraini sono stati uccisi, mentre i russi non hanno subito alcuna perdita. Si noti che i soldati ucraini, pur essendo sicuramente coraggiosi, non hanno assolutamente alcun supporto. Si noti anche l’esiguità della forza d’attacco: gli ucraini erano soliti attaccare con diverse “brigate” (beh, più o meno), ora si sono ridotti a scontri a livello di squadra/plotone!

E questo tipo d’inutile massacro avviene ogni giorno, giorno dopo giorno, giorno dopo giorno.

Il mio amico ucraino mi ha anche chiesto perché la Russia non elimina “Ze” e la sua banda.

Credo che questo sia il nocciolo del problema: credo che dovrebbe essere il popolo ucraino stesso a rovesciare “Ze”, non i russi. Così come è stato infantile credere che l’Unione Europea avrebbe trasformato l’Ucraina in una nuova Germania da un giorno all’altro, è altrettanto infantile credere che “Putin arriverà e ristabilirà l’ordine”. Putin è il Presidente della Russia, non dell’Ucraina, e non è suo compito salvare l’Ucraina dall’inferno in cui è caduta..

Ci sono anche tre motivi pratici per non decapitare il regime di Kiev (per ora):

  1. Il regime non ha comunque alcun potere, e l’unico risultato di un attacco decapitante sarebbe quello di tagliare una testa già abbastanza morta.
  2. L’Egemonia potrebbe sostituire rapidamente la vecchia banda con una nuova.
  3. “Ze” & C. sono così fantasticamente incompetenti che la Russia non potrebbe comunque sperare di avere un avversario più debole, più stupido e più incompetente.

Il compito di Putin è comunque quello di proteggere la Russia e il popolo russo. Spingendo gli ucraini verso provocazioni sempre più pericolose, i neoconservatori erano pienamente consapevoli di spingere gli ucraini verso una sorta di follia da “farsi suicidare dall’orso”.

La triste verità è che alla Russia non è stata data altra scelta che fare ciò che il popolo ucraino non poteva (o non voleva) fare: denazificare l’Ucraina. E poiché l’Ucraina non poteva essere denazificata, doveva essere disarmata.

[Nota a margine: oh, e per favore, non presentatemi l’argomento “ma gli ucraini non potevano fare nulla per resistere”. La resistenza è sempre possibile, anche sotto i regimi più duri e malvagi. E quando questa resistenza sembra essere inutile, allora rimane una questione di onore, di scelta personale, di obbligo morale di resistere al meglio. La resistenza al male è ciò che definisce la nostra umanità. E se proprio non si può, allora, come minimo, ogni persona ha la possibilità [in inglese] di “non vivere di menzogna”! Ancora una volta, la resistenza, per quanto umile e piccola, è sempre possibile, e il popolo del Donbass l’ha dimostrato!]..

Quest’ultimo bagno di sangue di origine neocon ha già raggiunto le centinaia di migliaia di persone inutilmente uccise, mutilate o sfollate. Quest’inverno non potrà che peggiorare.

E cosa pensate facciano gli ucraini per mitigare in qualche modo questa catastrofe?

Negoziare? Non ci sperate!

Vogliono smantellare [su RT, visibile con VPN o OpenDns, in inglese] la statua del fondatore della città di Odessa! Sì, come gli altri mostri degenerati dell’Europa orientale, gli ucraini stanno ancora “combattendo le statue” e, per estensione, il loro stesso passato storico. Che sfigati…

Tutto questo sarebbe abbastanza divertente se non fosse anche così orribile, e se milioni di persone non dovessero soffrire per le azioni dei diavoli che governano l’Occidente!

L’FBI ha ragione. Il farsi suicidare da un poliziotto è per lo più non prevenibile.

Ha fatto bene la Russia a cercare di evitare una guerra su larga scala? Sì.

È stato giusto per la Russia cercare di minimizzare i danni ai civili e alle infrastrutture dell’Ucraina? Ancora una volta, assolutamente sì!

Pensateci: se la Russia avesse attaccato l’Ucraina à lashock and awe[“Colpisci e Terrorizza”, nome dell’operazione statunitense di invasione dell’Iraq nel 2003] fin dal primo giorno e avesse trasformato Kiev, Kharkov o Lvov in altrettante “Falluja” ucraine, sarebbe stato molto più credibile incolpare la Russia per i massicci “danni collaterali” che un tale attacco avrebbe inevitabilmente comportato.

Qualcuno incolpa il poliziotto per una morte da “mi faccio suicidare da un poliziotto”?

Ovviamente no!

Sì, la politica di cercare di risparmiare l’Ucraina è costata molto alla Russia, non solo in termini politici ma anche in termini di vite umane perse.

Ma, almeno, ci abbiamo provato.

Forse è questa la più grande differenza tra russi e ucraini?

..

The Saker.

***.

La fine della settimana si avvicina e di solito condivido con voi alcuni video musicali. Oggi ne pubblicherò solo uno: il video dei Rainbow di cui ho parlato sopra. Vorrei solo far notare che secondo lo stesso chitarrista, Richie Blackmore, il suo assolo su “Gates of Babylon” è il suo miglior assolo di sempre. Sono proprio d’accordo. In termini di struttura, l’inizio della canzone è basato su una doppia scala armonica maggiore, ma poi l’assolo passa ad una sequenza di accordi/armonie che ricordano molto di più la musica barocca, in particolare J.S. Bach (qualcosa che Richie Blackmore aveva già esplorato con i Deep Purple, ma che ha veramente padroneggiato con questa superba canzone). Il cantante è il compianto Ronnie James Dio, a mio modesto parere la migliore voce di tutta la musica rock. Buon divertimento!

..********

 Articolo di The Saker pubblicato su The Saker il 25 novembre 2022
Traduzione in italiano di Fabio_san per SakerItalia

[le note in questo formato sono del traduttore] 

__________ 

La redazione di SakerItalia ribadisce il suo impegno nella lotta anti-mainstream e la sua volontà di animare il dibattito storico e politico. Questa che leggerete è l’opinione dell’autore; se desiderate rivolgere domande o critiche purtroppo questo è il posto sbagliato per formularle. L’autore è raggiungibile sul link dell’originale presente in calce. 

L’opinione dell’autore non è necessariamente la nostra. Tuttavia qualsiasi commento indecente che non riguardi l’articolo ma l’autore, sarà moderato, come dalle regole in vigore su questo sito.

Condivisione: